ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, poco usa e getta alla sagra e alla fiera

Il divieto generalizzato per l’uso di stoviglie di plastica monouso non è ancora entrato in vigore, ma l’autorità sensibilizza gli organizzatori
Luganese
1 ora

In dogana con 30mila franchi di francobolli non dichiarati

L’uomo si era presentato al valico di Ponte Cremenaga alla guida di una vettura con targhe svizzere
Locarnese
2 ore

Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive

È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
2 ore

Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus

Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
2 ore

A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto

Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
2 ore

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
2 ore

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
3 ore

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
4 ore

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
6 ore

Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
8 ore

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
8 ore

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
15 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
15 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
15 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
17 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
17 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
18 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
18 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
laR
 
16.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:56

Gianella (Plr): ‘La miglior socialità è permettere di realizzarsi’

La capogruppo liberale radicale: 'Discutiamo di questo tavolo di lavoro, ma il sistema c'è e regge'. Aldi (Lega): 'Serve, superiamo gli steccati ideologici'

gianella-plr-la-miglior-socialita-e-permettere-di-realizzarsi
Ti-Press

«La miglior socialità è permettere a ogni persona di realizzarsi». E prima di parlare di tavoli e incontri «guardiamo i dati: nonostante la situazione pandemica abbiamo visto sia quelli della disoccupazione, sia quelli dell’assistenza rimanere stabili. Vuol dire che la situazione per quanto preoccupante sta reggendo, grazie al buon sistema sociale ticinese». Davanti a un Ps che spinge e un Ppd che si interroga sul da farsi, la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella interpellata dalla ‘Regione’ richiama a «massicce dosi di realismo e concretezza». Perché «il nostro sistema sociale nel corso degli anni si è sviluppato molto, aiuta e funziona. Nel 2019 abbiamo votato una riforma sociale su diversi milioni, in più sono stati messi in campo molti aiuti dalla Confederazione e il Cantone ha deciso la prestazione ponte Covid». E su quest’ultima Gianella ha le idee in chiaro: «Dai numeri emersi le richieste pare siano veramente poche, nonostante siano stati allargati i parametri per accedervi. Questo è un dato oggettivo che mostra come la situazione sia tutto sommato stabile». Per il Plr «è fondamentale lavorare sugli strumenti adatti per reintegrare le persone nel mercato del lavoro, e sappiamo che le situazioni complicate riguardano soprattutto giovani e over50». Quegli over50 che il Ppd accusa non aver sostenuto abbastanza in Gran Consiglio. «Ma noi abbiamo promosso e sostenuto un buon compromesso – replica Gianella –, perché l’obiettivo per noi è che sia possibile tornare a lavorare ed evitare interventi troppo assistenzialisti, che portano con loro il rischio che tutto ciò vada a scapito di un vero impiego sano e duraturo, come peraltro dimostrato dalle analisi scientifiche che avevano convinto anche la sinistra».

Quindi, «se dobbiamo investire nella spesa del Dipartimento sanità e socialità, che è una di quelle più importanti, occorre fare attenzione che non vada a scapito di investimenti che potrebbero invece creare posti di lavoro». Perché, ancora una volta ribadisce Gianella, «la rete sociale c’è e tiene. Piuttosto che creare nuovi strumenti e nuovi aiuti è importante investire in tutti quei meccanismi che aiutano a uscire davvero dalle difficoltà. Ma per tornare a lavorare occorre puntare su reinserimento, formazione continua e incentivi virtuosi».

E sul tavolo sulla socialità è netta: «Qual è il suo obiettivo? Stiamo facendo tavoli su tutto. Noi di base siamo aperti a discutere, ma c’è una commissione tematica apposita in Gran Consiglio per questi temi. Prima di far partire un tavolo – sottolinea la capogruppo del Plr – l’obiettivo deve essere chiaro». Con una base di partenza altrettanto chiara, però: «È stato giusto aiutare in fase di pandemia, ma per noi sono stati aiuti limitati nel tempo e ora occorre ripartire con meno burocrazia, più flessibilità e più sostegno agli investimenti». Quindi, va da sé, «o spendiamo con spirito critico, o ci si dovrà fermare perché diventerà finanziariamente insostenibile. Con il rischio di dover finire ad alzare le imposte o a decidere tagli lineari».

Spesso i liberali vengono tacciati da sinistra di non capire i problemi delle fasce deboli e di essere una sorta di sceriffo di Nottingham. Come replica Gianella? «Noi siamo realisti. Sappiamo che ci sono problemi e quando è necessario e sensato ci siamo: la riforma sociale l’abbiamo supportata, questo progetto sugli over50 l’abbiamo supportato, quelle misure che sappiamo andranno a favorire una ripresa o un reintegrarsi avranno il nostro appoggio. Ma già c’è una grossissima voce di spesa nel sociale che spesso si vuole ulteriormente gonfiare con il rischio di cristallizzare i problemi, e non risolverli. Ed è quello che non vogliamo, consapevoli che ci sono persone in difficoltà ma che nel contempo questo Cantone è anche terra di crescita e sviluppo. La risposta è qui».

Aldi: ‘Bene il tavolo sulla socialità, estendiamolo anche al mercato del lavoro’

«Un tavolo sulla socialità al quale riunire i partiti, perlomeno quelli che vogliono parteciparvi, sarebbe invece oggi opportuno», risponde dal canto suo Sabrina Aldi. Un tavolo, precisa la vicecapogruppo della Lega, che «non circoscriverei alla politica sociale ma che estenderei al mercato del lavoro, un tema che per quanto riguarda in particolare gli aspetti occupazionali è comunque fortemente legato alla socialità». Oggi, osserva Aldi, «nelle commissioni parlamentari siamo alle prese con diverse proposte di vario genere formulate da questo o quel partito oppure dal Consiglio di Stato. Per finire o si accettano o non si accettano. Ma non si può più procedere così. È necessaria prima di tutto una visione d’insieme sulla politica sociale e su quella del lavoro in Ticino». Una visione d’insieme che «potrebbe scaturire da una discussione costruttiva tra le forze politiche: dunque, condivido l’idea di un tavolo di lavoro su socialità e lavoro, purché consenta di individuare in tempi brevi quattro o cinque dossier riconosciuti come importanti e prioritari, sui quali ci sono buone possibilità di trovare una convergenza». Convergenza che «si riesce a raggiungere se tutti superiamo per una volta gli steccati ideologici».

La vicecapogruppo leghista non ha dubbi: «Solo muovendoci di concerto, con la definizione di misure condivise e concretizzabili, faremo, come politici, gli interessi dei cittadini e delle cittadine di questo cantone, evitando tra l’altro sfibranti dibattiti in Gran Consiglio. Queste misure condivise e praticabili potrebbero anche costituire un piano di rilancio degno di questo nome». Che permetta «di far fronte alle eventuali conseguenze della pandemia sul piano economico, e di riflesso sul mondo del lavoro, e sul piano sociale una volta terminati gli aiuti pubblici, soprattutto quelli della Confederazione, come le indennità per lavoro ridotto, strumento introdotto per evitare i licenziamenti». Secondo Aldi «è facile asserire, alla luce dei dati statistici odierni, che la situazione sta reggendo. Ma cosa succederà quando verrà meno il sostegno dello Stato? La politica, come si suol dire, è anche lungimiranza. E allora occorre giocare d’anticipo. Anche per questo motivo è senz’altro opportuno un tavolo su socialità e lavoro».

 Rileva Aldi: «È ora di risolvere una serie di problemi presenti da prima del Covid-19, ma che la pandemia rischia di acutizzare. Penso ad esempio alle difficoltà dei giovani nel trovare la prima occupazione, alla fragilità lavorativa delle donne, i cui salari sono inferiori a quelli dei colleghi uomini e i cui contratti sono i primi a essere disdetti in caso di crisi. Alludo anche ad ambiti professionali del settore terziario, alcuni privi di un contratto collettivo, nei quali certi stipendi possono andare bene ai frontalieri ma che non consentono di sicuro ai lavoratori residenti di sbarcare il lunario, da qui l’effetto sostituzione. Penso al grosso problema del calo demografico: un argomento che la sottoscritta, il popolare democratico Fiorenzo Dadò e la socialista Laura Riget hanno sollevato con un atto parlamentare, ottenendo una risposta disarmante dal Consiglio di Stato. Tant’è che ancora oggi non abbiamo capito se e quale strategia il governo abbia in mente per invertire la tendenza. Come si vede, i dossier non mancherebbero davvero».

Leggi anche:

'Fonio e Ppd stiano sereni: alla socialità siamo molto attenti'

Agustoni: ‘Socialità sì, ma il Ps non è l'unico interlocutore'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved