sia-il-cantone-a-colmare-le-lacune-dei-casi-di-rigore
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
4 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
8 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
8 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
8 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
15 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
18 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
30.03.2021 - 18:510
Aggiornamento : 19:27

‘Sia il Cantone a colmare le lacune dei casi di rigore’

Camera di commercio e Aziende familiari scrivono al Consiglio di Stato affinché non lasci fallire le imprese fuori dagli aiuti pubblici

I criteri per determinare chi ha diritto agli aiuti per i casi di rigore non convincono la Camera di commercio del cantone Ticino e in particolare la Aif, Associazione delle imprese familiari Ticino che hanno scritto al Consiglio di Stato. “Le aziende ticinesi stanno vivendo momenti di estrema difficoltà, come mai nel recente passato. Si tratta di un’evidenza sotto gli occhi di tutti che, talmente manifesta, non necessita di ulteriori spiegazioni da parte nostra”, si legge nella missiva in cui si ricorda che la scorsa settimana il Parlamento federale ha adottato la nuova versione della Legge Covid-19.

“Da parte nostra ci attendavamo un ampliamento delle cerchie dei beneficiari di aiuti per i casi di rigore. Purtroppo, non è stato il caso. La definizione di “caso di rigore” (e quindi meritevole di sostegno) non è stata modificata. Pur riconoscendo l’importanza di questa misura, per la quale siamo davvero riconoscenti, non possiamo non ricordarci di tutte quelle aziende che non sono incluse nella definizione legale summenzionata, ma che si sono venute a trovare, a causa della pandemia, malgrado loro, in situazioni di estrema fragilità. Diverse di queste rischiano il fallimento prima della ripresa economica post-pandemica”.

Si tratta di aziende attive in settori economici non elencati nella legge o di aziende incluse in tali settori ma che hanno subito un calo di attività inferiore al minimo imposto dalle regole federali (40%).

“Diverse aziende associate alle nostre strutture, ci hanno di recente manifestato tutte le loro preoccupazioni dovute alla scelta del legislatore federale di escluderle dal programma di aiuto. Come non dare loro ragione? Come spiegare a un’azienda con un calo di fatturato di ‘solo’ il 39% che deve arrangiarsi da sola? Come convincere un’impresa con una cifra d’affari addirittura dimezzata ma che, purtroppo per lei, non rientra nei settori privilegiati dalle norme, che non si può fare niente per aiutarla?”

‘Intervenga il Cantone’

“Tutto ciò premesso – si continua – riteniamo che in questo momento così difficile e decisivo per il nostro futuro, il Cantone sia chiamato a intervenire per colmare le lacune lasciate scoperte dall’intervento federale. Tutte le aziende a rischio di fallimento a causa della pandemia vanno sostenute, con modalità anche differenziate, ma decise. Questo è il principio al quale deve ispirarsi attualmente e urgentemente l’azione dell’ente pubblico. Poco importa i nomi, le definizioni e i titoli degli aiuti. L’importante è il risultato che si vuole, o meglio deve, raggiungere”.

A tale scopo “chiediamo che questo lodevole Consiglio di Stato si attivi, senza indugi, per allestire un ragionevole piano di intervento, come peraltro già fatto anche in altri Cantoni”, si conclude.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved