campione-d-italia-l-eldorado-dei-ticinesi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
1 ora

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
20 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
22 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
1 gior

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
1 gior

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
1 gior

In piazza contro la violenza sessuale

Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
1 gior

Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'

Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni

Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
Locarnese
1 gior

Plr Locarno, incontri con i candidati

Con le misure anti-Covid, per incontrare e discutere con gli elettori in vista del voto del 18 aprile
Locarnese
1 gior

In pensione il capo-giardiniere di Muralto

Impiegato del Comune per 44 anni, è stato uno degli artefici del lungolago
Ticino
26.02.2021 - 05:500
Aggiornamento : 03.03.2021 - 10:39

Campione d’Italia, l’Eldorado dei ticinesi

Dal rientro dell’enclave in zona gialla, gli svizzeri affollano, soprattutto a mezzogiorno, bar e ristoranti

Il settore della ristorazione non riapre i battenti. È quanto ha confermato il Consiglio federale nella conferenza stampa di mercoledì. Gli esercizi pubblici in Ticino e nel resto della Svizzera sono chiusi ormai dal 22 dicembre scorso, senza alcuna prospettiva di riprendere l’attività in tempi brevi. Forse dal 22 marzo, solo le terrazze dei ristoranti e se l’evoluzione della pandemia lo permetterà. Ma c’è una realtà a noi vicina in cui le cose, almeno dal ritorno della Lombardia in zona gialla avvenuto il primo febbraio e se non verrà rimessa in zona rossa (una decisione è attesa oggi, ndr), sono ben diverse. Una realtà di cui in molti tendono a dimenticarsi: quella di Campione d’Italia. Dopo alcune segnalazioni fatte a ‘laRegione’ che ci informavano di un gran movimento di ticinesi presenti sul territorio dell’enclave per motivi di svago, siamo andati sul posto per capire cosa succede veramente in questa terra di mezzo, contornata dal Ticino ma pur sempre di giurisdizione italiana.

È mezzogiorno e mezzo di sabato 13 febbraio quando arriviamo sotto l’Arco che segna il confine tra Bissone e Campione, tra Svizzera e Italia. Benché dal 1° gennaio 2020 l’enclave faccia parte dello Spazio doganale dell’Unione europea, non esiste una dogana in senso fisico. Le entrate e le uscite non vengono quindi controllate in modo sistematico. Ed è così anche ora, nonostante formalmente, causa Covid, l’accesso a Campione sia vietato ai non residenti, tranne che per comprovata necessità: motivi di salute, di studio o di lavoro. Sì, perché in teoria le norme vigenti nel piccolo comune comasco sul Ceresio sono le stesse che si applicano al di là della frontiera di Chiasso-Brogeda o Ponte Tresa. 

Nessuna guardia di confine, nessun poliziotto, nessun carabiniere. Passiamo e bastano poche decine di metri per incontrare le prime targhe rossoblù. In seguito all’adesione allo Spazio doganale europeo i campionesi hanno però ottenuto una proroga di validità dell’immatricolazione svizzera, che sarà valevole fino alla fine del 2022. Difficile quindi stabilire quanti automobilisti siano residenti in Ticino e quanti lo siano nell’enclave. Si intravedono però anche alcune targhe svizzero tedesche: Soletta, San Gallo e Zurigo. Oltrepassando l’imponente figura del casinò, spettro della Campione dei tempi d’oro, si arriva alla zona centrale del paese.

Il movimento è sicuramente inusuale per un comune che non arriva ai duemila abitanti. Ristoranti e bar sono strapieni. Secondo la normativa italiana, gli esercizi pubblici della zona possono operare normalmente, rispettando però l’orario di chiusura delle 18 e il numero massimo di quattro persone per tavolo. Entriamo in uno dei ristoranti più gettonati: il Sushi Gao. La formula all you can eat, si sa, è molto apprezzata dai ticinesi. Ci viene misurata la febbre ed entriamo. Tutti i tavoli sono occupati: tante le famiglie, le coppie e i gruppi di amici che si godono il pranzo in compagnia. Tra loro anche persone che conosciamo, residenti nel Luganese. A evidenziare ulteriormente la peculiarità dello status di Campione, il menu, nel quale i prezzi sono indicati unicamente in franchi.

Dopo pranzo ci rechiamo al Buddha Lounge, un bar che in tempi normali tiene aperto solo la sera. Ora, per forza di cose, lavora da mezzogiorno alle 18. Molti i tavoli già pieni, e sono solo le 15. I rimanenti sono riservati, ci viene detto, ma siamo ammessi sul balcone esterno, dove sono già presenti una decina di persone, un po’ sedute e un po’ in piedi. Anche qui incontriamo persone a noi conosciute, del Bellinzonese come del Luganese. La clientela è molto giovane, tra i venti e i trenta, e consuma perlopiù superalcolici. Appare evidente come in questo tipo di locale la chiusura serale abbia trasformato l’aperitivo nell’uscita del sabato notte. Molto movimento anche al Bar Campione, dove a dispetto delle basse temperature la clientela occupa anche tutti i posti disponibili sulla veranda esterna.

‘È una cosa reciproca. Noi uscivamo a novembre, voi entrate ora’

Interrogato da ‘laRegione’ rispetto al via vai di gente tra Campione d’Italia e Ticino, Engin Celes, dipendente del Bar Campione, ci ha spiegato meglio le dinamiche vissute dai campionesi in questo periodo particolare. «È normale che i ticinesi vengano qui. Quando noi eravamo in zona rossa a novembre e dicembre e voi eravate aperti, noi cosa facevamo? Venivamo in Svizzera, per fare una cena o anche solo per bere un caffè. Ora la situazione si è ribaltata e allo stesso modo i ticinesi vengono da noi. E per reciprocità questo viene tollerato». Sottolinea poi l’impossibilità per i campionesi di vivere la vita di tutti i giorni restando nell’enclave: «La verità è che Campione è una realtà ticinese. Se io voglio andare all’ufficio postale per fare dei pagamenti devo andare per forza in Svizzera. Non c’è un supermercato, non c’è un ospedale. Per accedere a tutti questi servizi noi a oggi dobbiamo per forza andare in Ticino».

I controlli

Dall’inizio dello scorso anno, Campione d’Italia sottostà a un nuovo statuto doganale. Secondo quanto esplicitato sul loro sito web, “per ragioni (geo-)logistiche” l’Amministrazione federale delle dogane (Afd) non può però garantire un’occupazione del valico. «L‘ordinanza sulle misure di lotta contro il coronavirus nel traffico internazionale dei passeggeri si basa sull’auto responsabilità dei viaggiatori» spiega Donatella Del Vecchio, portavoce dell’Amministrazione federale delle dogane. «L’Afd effettua controlli basati sul rischio ed è presente ai valichi di frontiera nell’ambito del suo mandato». «I controlli vengono effettuati non solo in modo statico ma anche in modo mobile», precisa Del Vecchio.

© Regiopress, All rights reserved