Inter
1
Venezia
1
2. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
2
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-1)
Visp
2
Ticino Rockets
1
2. tempo
(0-0 : 2-1)
La Chaux de Fonds
2
Zugo Academy
0
1. tempo
(2-0)
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
pretura-vallemaggia-passa-bergamelli-ma-senza-il-si-del-plr
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
13 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
13 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
21 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
23 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
23 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 gior

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
09.02.2021 - 05:550
Aggiornamento : 15:44

Pretura Vallemaggia, passa Bergamelli. Ma senza il sì del Plr

Liberali radicali contro tutti in commissione 'Giustizia e diritti'. Giorgio Galusero: 'Non presenteremo però un rapporto di minoranza'

Liberali radicali contro tutti in commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’. E anche stavolta la vertenza concerne una nomina in magistratura. È successo con il recente rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. Succede in vista dell’elezione del o della subentrante di Siro Quadri - passato nel frattempo al Tribunale penale cantonale - alla guida della Pretura di Vallemaggia. La polemica è divampata ieri mattina durante la riunione commissionale da cui sarebbe dovuta uscire formalmente, per il dopo Quadri, una sola proposta di nomina all’indirizzo dell’autorità chiamata a designare giudici e procuratori, cioè il Gran Consiglio. In corsa, dopo il ritiro di Brenno Martignoni Polti (area Udc), due candidati, entrambi ritenuti idonei dalla Commissione di esperti a ricoprire la carica: Manuel Bergamelli, oggi pretore aggiunto alla Pretura di Locarno Città, presentatosi come indipendente e Petra Vanoni, attualmente vicecancelliera della Pretura penale, in quota Plr. Ed è stata spaccatura, con i liberali radicali favorevoli all’elezione di Vanoni e il resto della commissione che - firmando il rapporto stilato dal presidente dell’organo parlamentare, il popolare democratico Luca Pagani - si è schierata a sostegno della candidatura di Bergamelli.

La discussione si è accesa in particolare sul progetto di rapporto di minoranza, e sui contenuti del documento, portato in seduta da Galusero (Plr). Ancora in giornata la polemica, almeno in parte, è però rientrata. «Di fronte alle perplessità manifestate dalla maggioranza e visto che nessuno ha appoggiato il nostro rapporto di minoranza, abbiamo deciso di non presentarlo al plenum del Gran Consiglio. Dunque, lo ritiriamo. Tuttavia non firmiamo quello di maggioranza - fa sapere Giorgio Galusero, da noi interpellato -. Ricordo che Vanoni può comunque mantenere la propria candidatura e affrontare il voto del parlamento. Sarà lei a decidere cosa fare». Intanto la maggioranza della ’Giustizia e diritti’ sottoporrà all’approvazione del plenum un unico nome per l’elezione del pretore di Vallemaggia: quello appunto di Bergamelli.

Aldi (Lega): oggi non c'è un clima positivo

Da parte del Plr (alla riunione di ieri non hanno preso parte, per motivi vari, tre dei suoi cinque commissari) c’è stato così un parziale passo indietro, ma nella ’Giustizia e diritti’ non si respira una grande aria. «La commissione - evidenzia la sua prima vicepresidente, la leghista Sabrina Aldi - si occupa di un settore importante e delicato dello Stato: stiamo infatti parlando del potere giudiziario. E quando in ballo ci sono delle nomine, si ha a che fare con la vita professionale, presente e futura, di aspiranti magistrati o di magistrati che postulano l’elezione nella stessa funzione o in un altra carica giudiziaria. Da qui la necessità per la commissione di trovare compromessi o soluzioni condivise per evitare che il dibattito politico e le conseguenti polemiche finiscano per danneggiare l’immagine della giustizia. Proprio per questo - continua, contattata dalla ’Regione’, la vicecapogruppo della Lega - è davvero un peccato che, come emerso anche pubblicamente per altre recenti nomine in magistratura, non vi sia oggi all’interno della ’Giustizia e diritti’ un clima positivo. Per il futuro non posso che appellarmi al senso di responsabilità dei deputati che, come me, siedono in questa commissione».

Dadò (Ppd): spero che in futuro si possa trovare una giusta modalità di confronto

Si dice «sollevato» il presidente cantonale del Ppd Fiorenzo Dadò, pure lui commissario della ‘Giustizia e diritti’. Sollevato perché «questo gesto da parte dei colleghi del Plr è sicuramente un gesto di buona volontà per ripristinare un clima sano e di reciproca collaborazione, anche quando le opinioni non sono necessariamente convergenti». Un buon segnale, riprende Dadò, anche guardando oltre il singolo tema: «Si spera che in futuro, quando ci troveremo su posizioni diverse, si possa trovare una giusta modalità di confronto».

Durisch (Ps): non dimentichiamoci i motivi per cui è stata istituita

Per Ivo Durisch, capogruppo del Ps in Gran Consiglio e membro della commissione, «è senz’altro cosa saggia, per questo genere di nomine, non andare davanti al plenum del Gran Consiglio con un rapporto di minoranza, che potrebbe innescare in aula duri scontri politici certamente nocivi per la magistratura». La 'Giustizia e diritti', ricorda Durisch, è stata istituita qualche anno fa «allo scopo di scongiurare questi scontri nel plenum e di circoscrivere la discussione alla commissione, tenuta - una volta in possesso dei preavvisi ’tecnici’ forniti dalla Commissione di esperti, in caso di nuove candidature, o dal Consiglio della magistratura, in caso di candidature di procuratori o giudici uscenti - a fare valutazioni d’ordine anche politico. Con l’auspicabile obiettivo di proporre al Gran Consiglio l’elezione di un numero di magistrati pari a quello dei posti a concorso. Pensando ai temi importanti che dovremo trattare, mi auguro che la 'Giustizia e diritti' recuperi una certa serenità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved