BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
il-ps-chiede-una-legge-a-sostegno-delle-pmi-in-ticino
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
3 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
3 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
3 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
10 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
11 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
11 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
13 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
13 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
13 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
13 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
13 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
14 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
14 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
14 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
 
06.02.2021 - 06:000

Il Ps chiede una legge a sostegno delle Pmi in Ticino

L'iniziativa legislativa del gruppo socialista, primo firmatario Durisch, vuole contributi a fondo perso per l'innovazione con criteri da adempiere

Una legge a sostegno delle piccole e medie imprese che operano in Ticino. Che vada ad aggiungersi agli altri strumenti normativi cantonali di politica economica già in vigore: la Legge per l’innovazione economica, la Legge sulla politica economica regionale e la Legge sul turismo. La chiede, con un’iniziativa legislativa allestita nella forma generica, il gruppo socialista in Gran Consiglio. Primo firmatario è il deputato Ivo Durisch. «Si tratterebbe di una legge che amplia il concetto di innovazione: un’innovazione che non sia solo di nicchia, con protagoniste aziende di punta fondamentalmente orientate all’esportazione - spiega il capogruppo -. Proponiamo quindi l’elaborazione di una legge destinata a tutte le piccole e medie imprese e che favorisca, con contributi a fondo perso, il cambiamento dei loro processi produttivi all’insegna in particolare della digitalizzazione e della sostenibilità sociale e ambientale». Questo, aggiunge Durisch, «per permettere anche alle aziende ‘normali’, non di punta di restare sul mercato». Cosa ora tutt’altro che facile a causa delle pesanti conseguenze economiche della pandemia. «Oggi - riprende il capogruppo del Ps - ci sono gli aiuti pubblici, ma un domani non sarà così: ciò è uno dei motivi per cui occorre, e al più presto, un nuovo strumento di politica economica a favore delle Pmi. Per permettere a tutti di stare al passo, visto che la crisi pandemica ha colpito non sole le persone ma anche le aziende, allargando le disuguaglianze anche nel mondo delle imprese».

Il sostegno “dovrà venir fatto nella forma di contributi a fondo perso” si legge nel testo dell'iniziativa, e “i criteri da adempiere, oltre all'innovazione dei processi, saranno anche quelli della sostenibilità sociale e aziendale. La nuova legge dovrà avere a disposizione un credito quadriennale sull'esempio della Legge sull'innovazione.

Per carità, qualcosa è stato fatto: “Nel corso della crisi pandemica Confederazione e Cantone hanno messo in atto una politica di sostegno alle imprese volta a garantire la continuità delle aziende ed evitare il licenziamento di personale”, concedono i socialisti. Ma “ora si tratta di guardare al futuro e di capire cosa può servire alla nostra economia per ripartire”. E “un elemento che ha subito un'estrema accelerazione e che si è rivelato, e si rivelerà ancor di più, indispensabile è quello della digitalizzazione”. Di conseguenza “questo nuovo strumento di politica economica è necessario”.

Luca Albertoni (Camera di commercio): ‘Si può discutere tutto, prima vediamo se si può agire all'interno della Legge sull'innovazione’

Ma è davvero necessario questo strumento? E se sì, quanto? Lo abbiamo chiesto al direttore della Camera di commercio ticinese Luca Albertoni: «Premesso che non conosco i dettagli della proposta, mi chiedo se non sia il caso di valutare prima come potrebbe essere inserita un'idea del genere nel contesto della Legge sull'innovazione esistente, per non creare doppioni o ulteriori strumenti. Poi magari non è possibile - continua Albertoni - ma valutare nel contesto legislativo attuale le possibilità non sarebbe male. Nel caso, considerando una modifica dei criteri d'accesso attuali per favorire determinate realtà che oggi restano fuori. Poi si può ragionare e discutere di tutto». Un dato di fatto però c'è, alcuni settori delle Pmi purtroppo non se la stanno passando bene in questa crisi pandemica che non è solo sanitaria, ma anche economica. E quindi di posti di lavoro, salari e redditi. «Dipende molto dai settori - annota Albertoni -. Il settore delle esportazioni ad esempio è più fiducioso rispetto a quelli orientati sul mercato interno, anche perché fondamentalmente l'industria ha sempre lavorato. In altri settori è difficile pianificare, come l'edilizia e l'artigianato, qui i problemi aumentano. Per non parlare di quei settori, invece, dove per le chiusure o le conseguenze delle chiusure la situazione è molto cupa».

Quella di Berset sulle non riaperture a marzo ‘un'uscita infelice’

Giovedì sera, riunendo via web il comitato cantonale del Plr, il presidente liberale radicale Alessandro Speziali ha lanciato un affondo verso Berna e il consigliere federale Alain Berset dicendo che serve una strategia di uscita dalle chiusure e che occorre poter pianificare. Quanto rende tutto ancor più complicato il non poterlo fare? «Tanto - risponde il direttore della Camera di commercio -. Oggi le aziende che lavorano bene hanno un'orizzonte di pianificazione che difficilmente va oltre il mese, rispetto ai tempi normali dove si ragiona su semestri o anni. Questo, a livello soprattutto di investimenti, è un freno perché non si sa a cosa si sta andando incontro. Magari sarà giustificata, ma l'uscita di Berset dell'altro giorno è stata infelice. Capisco che non vogliano mettere in discussione la data del 28 febbraio per anticipare le riaperture, ma dire già adesso che bisogna scordarsi che a marzo riapra qualcosa è stato inopportuno: o c'è un piano chiaro, e va comunicato, oppure è un'affermazione che crea ulteriore incertezza e ulteriori timori».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved