ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 min

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
26 min

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
1 ora

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
1 ora

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
2 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
2 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
6 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
23 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
23 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
01.01.2021 - 16:06
Aggiornamento: 22:01

Covid, in Ticino il primo caso di variante sudafricana

L'uomo vive in Sudafrica: in Svizzera per far visita a familiari in occasione delle feste. Il medico cantonale: nessun contatto, non ha generato quarantene

covid-in-ticino-il-primo-caso-di-variante-sudafricana

La notizia, la brutta notizia in questo primo giorno del 2021 giunge a metà pomeriggio, con una nota stampa del Dipartimento sanità e socialità: Covid-19, c’è un primo caso "accertato" di variante sudafricana nel nostro cantone. “Le specifiche analisi svolte su un caso sospetto - scrive il Dss - hanno confermato la presenza di un primo caso di variante sudafricana di Coronavirus in Ticino”. È una persona che vive e lavora in Sudafrica e che si trova "momentaneamente" nel cantone. Era risultata "positiva" al Coronavirus prima di Natale: “Aveva quindi seguito le ordinarie disposizioni, ponendosi in isolamento”. L'esito delle analisi, con la conferma della variante sudafricana, è stato comunicato ieri all’Ufficio del medico cantonale. Che ha subito contattato la persona. 

Stando a nostre informazioni, si tratterebbe di un uomo arrivato in Ticino per far visita a familiari in occasione delle feste. Sapendo dell'esistenza della variante sudafricana del Covid, si è messo in quarantena. Un'autoquarantena. Senza attendere le nuove direttive federali. Al manifestarsi dei primi sintomi si è fatto subito testare, risultando positivo al Coronavirus. I successivi approfondimenti di laboratorio hanno portato alla scoperta della variante sudafricana. L'uomo potrebbe essersi infettato o sull'aereo o all'aeroporto. Prima di partire si era infatti sottoposto al test ed era risultato negativo. «La persona non ha comunque generato quarantene, non avendo avuto contatti, come abbiamo potuto appurare», spiega, interpellato dalla 'Regione', il medico cantonale Giorgio Merlani.

In "diversi" Paesi europei, ricorda il Dipartimento sanità e socialità, "da alcuni giorni si ha prova della diffusione di due varianti di Coronavirus, una di un ceppo inglese e una del ceppo sudafricano". La Svizzera "non fa eccezione" e l’Ufficio federale della salute pubblica "ha già comunicato di aver ricevuto notifica di alcuni casi". Quello ticinese non è insomma il primo nella Confederazione. Le autorità "hanno dal canto loro provveduto a prendere provvedimenti specifici per chi entra in Svizzera, in provenienza da Gran Bretagna o Sudafrica”. Nel frattempo si è mosso anche l’Ufficio del medico cantonale. Appreso delle due varianti del virus in circolazione, “ha provveduto a informare gli operatori sanitari, istituendo una procedura specifica per identificare i possibili casi sospetti fra i casi positivi Covid-19". Sono tre, indica ancora il Dss, "i criteri che rendono sospetto un caso positivo: un soggiorno in Gran Bretagna o in Sudafrica, un contatto stretto con un caso accertato di variante inglese o sudafricana, un’evidenza particolare riconosciuta in fase di analisi di laboratorio ordinaria tramite test Pcr", quello tradizionale (non il test rapido, per intenderci).

Giorgio Merlani: due varianti
piuttosto contagiose

I due ceppi, riprende Merlani, «si sono sviluppati parallelamente in luoghi distanti, tuttavia li accomuna il fatto di aver mutato delle specifiche zone della proteina che attacca il virus alla cellula, nella quale il virus penetra così più facilmente. Ciò fa sì che il virus sia più contagioso e pertanto maggiormente trasmissibile». Non ci si può invece esprimere per ora, continua il medico cantonale, «sul grado di virulenza delle due varianti: in altre parole, non ci sono al momento indicazioni su una loro maggiore aggressività e causa quindi di più ospedalizzazioni o più decessi». Osserva Merlani: «Secondo un recente studio condotto in Inghilterra, la variante inglese colpirebbe soprattutto i giovani, ma con decorsi blandi». Il che, avverte il medico cantonale, «nulla toglie alla preoccupazione derivante dall'elevata contagiosità dei due ceppi: qualora queste varianti del Coronavirus dovessero diffondersi in Svizzera e di riflesso in Ticino, il quadro si complicherebbe ulteriormente, considerato che il numero dei casi positivi non tende a calare». Eloquente il dato fornito stamane dalle autorità sanitarie: 312 nuovi positivi nel cantone. «Qualche giorno fa - racconta Merlani - mi sono sentito con gli altri medici cantonali. Alla luce anche di questi due ceppi, l'invito è a muoversi con estrema prudenza con le riaperture». 

Il 'sospetto' inglese, 
approfondimenti ancora in corso

Mercoledì, intervenendo con il direttore del Dss De Rosa e il farmacista cantonale Zanini alla presentazione della campagna di vaccinazione, Merlani aveva accennato alla presenza in Ticino di un caso sospetto di variante inglese. Sarebbe una persona, ticinese, relativamente giovane, che studia in Inghilterra. «Gli approfondimenti in laboratorio sono sempre in corso - sostiene il medico cantonale -. Per l'esito ci vorrà ancora qualche giorno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved