Young Boys
3
Lugano
1
fine
(0-1)
Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
1
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
0
2 set
(6-2 : 1-2)
Langenthal
3
Visp
2
3. tempo
(1-0 : 0-2 : 2-0)
scuola-a-distanza-docenti-soddisfatti-non-gli-allievi
I ragazzi si sono sentiti più soli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
1 ora

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
1 ora

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
2 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
2 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
3 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
3 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
4 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
4 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
4 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
4 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
4 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Ticino
03.12.2020 - 12:480
Aggiornamento : 15:17

Scuola a distanza: docenti soddisfatti, non gli allievi

È quanto emerge da un’indagine che ha riguardato i cinque licei pubblici e la scuola cantonale di commercio. Più difficoltà per i ragazzi socialmente più fragili

“Se circa l’80% dei docenti e la quasi totalità dei dirigenti scolastici hanno affermato di condividere la bontà del sistema adottato, le percentuali di allievi e genitori che hanno indicato il loro accordo varia tra il 40 e il 50%“. Stanno in questa frase i dati salienti di un'indagine sulla didattica a distanza nelle scuole medie superiori del Canton Ticino. Check-up distance learning, così viene chiamata la verifica dell’insegnamento a distanza, realizzato dall’Istituto per la valutazione esterna delle scuole di livello secondario II (Ifes) a livello nazionale. La Sezione dell’insegnamento medio superiore della Divisione della scuola del Decs ha reso noto i dati relativi al Ticino. L’indagine ha coinvolto più di 3’200 intervistati. L’obiettivo dell’inchiesta? Valutare il grado di soddisfazione e i vissuti di allievi, genitori, docenti e dirigenti scolastici rispetto all’esperienza sulla didattica a distanza nel periodo dall’11 marzo all’8 giugno di quest’anno. 

L’indagine, come detto, è stata svolta dall’Ifes sul piano nazionale. Il rapporto, per il Canton Ticino, rappresenta una sintesi dei dati raccolti dall’Ifes riferiti ai cinque licei cantonali e alla scuola cantonale di commercio. “I dati costituiscono una fonte d’informazione preziosa e rappresentano una solida base su cui continuare a lavorare per migliorare la gestione di una fase critica tuttora in evoluzione che richiede alle scuole una grande capacità di riorganizzazione e adattamento”, si legge in una nota del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport.

Sono 3’263 le persone che hanno risposto alle domande del sondaggio: 1’581 allievi (pari a circa il 30% del totale del settore medio superiore), 312 docenti (circa il 50% del totale dei docenti di questo settore), 1’357 genitori e 13 rappresentanti delle direzioni dei sei istituti scolastici. Si tratta di un tasso di partecipazione più che soddisfacente sia dal punto di vista numerico, sia per la rappresentatività delle singole sedi scolastiche.

I principali temi toccati dall’indagine riguardano l’organizzazione della scuola e dell’insegnamento, gli aspetti legati alla comunicazione dei cambiamenti introdotti, la motivazione degli allievi, i contatti sociali e il sostegno ricevuto, le risorse e i carichi di lavoro.

Promosse le direzioni scolastiche

In generale, per quanto concerne la capacità dell’istituto scolastico di riorganizzarsi e di adattare l’insegnamento alle nuove condizioni, docenti e direzioni scolastiche hanno espresso un buon grado di soddisfazione, più elevato rispetto a quanto dichiarato da allievi e genitori. Se circa l’80% dei docenti e la quasi totalità dei dirigenti scolastici hanno affermato di condividere la bontà del sistema adottato, le percentuali di allievi e genitori che hanno indicato il loro accordo varia tra il 40 e il 50%.

Per quanto concerne la comunicazione emanata dagli istituti scolastici sulle novità implementate durante il lockdown, circa l’85% dei docenti ritiene di essere stato informato in modo soddisfacente; circa il 70% gli allievi dello stesso avviso. Secondo la grande maggioranza dei docenti (ca. l’80%) le linee guida ricevute per l’insegnamento online erano risultate chiare; quasi il 40% degli allievi ha invece incontrato qualche difficoltà a capire quali strumenti digitali erano utilizzati dagli insegnanti e per cosa. In caso di aiuto, quasi il 70% degli allievi ha potuto raggiungere gli insegnanti facilmente e rapidamente.

Si è imparato di meno - Attenzione al divario sociale

In tutti i gruppi intervistati emerge l’impressione che durante il periodo di scuola a distanza gli allievi abbiano imparato meno o molto meno rispetto alle lezioni in presenza. Più del 40% degli allievi ha affermato che studiare a casa è stato difficile, anche a causa di distrazioni solitamente non presenti in aula. Se da un lato c’è anche chi sottolinea come molti allievi in questo periodo abbiano potuto sviluppare competenze come lo studio autonomo, la capacità organizzative, la gestione del tempo e l’uso delle tecnologie informatiche, altri sottolineano come la scuola a distanza abbia posto maggiori difficoltà agli allievi scolasticamente o socialmente più fragili.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved