coronavirus-in-ticino-massimo-5-persone-in-piazza-e-a-casa
Vitta e Gobbi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
5 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
6 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
7 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
7 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
8 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
8 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
9 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
9 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
10 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
10 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
11 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
Locarnese
11 ore

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
17 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
1 gior

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
1 gior

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
1 gior

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
1 gior

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
1 gior

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
1 gior

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
1 gior

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
08.11.2020 - 16:04
Aggiornamento: 18:49

Coronavirus, in Ticino massimo 5 persone in piazza e a casa

Conferenza stampa del Consiglio di Stato per fare il punto sulla situazione epidemiologica ed economica nel cantone

Da lunedì (9 novembre 2020) in Ticino saranno vietati i ritrovi privati, gli assembramenti spontanei e le manifestazioni pubbliche con più di 5 persone. Ciò non vale per chi vive nella stessa economia domestica. Eccezioni saranno fatte per la raccolta firme per referendum e iniziative così come per assemblee inderogabili di organi legislativi cantonali e comunali così come a quelle di enti di diritto pubblico. Permessi pure matrimoni, funerali e celebrazioni religiose fino a 30 persone. Vietate, per contro, tutte le attività sportive di gruppo salvo quelle degli under 16. Gli allenamenti e le competizioni di atleti di punta e di squadre 'stabili' che hanno un piano di protezione sono permessi alla presenza di al massimo 15 persone. Lo stesso vale per gli allenamenti (ma non le competizioni) delle società sportive che militano in categorie inferiori.

Riassumendo

  • Vietati assembramenti negli spazi pubblici con più di 5 persone.
  • Massimo 5 persone per le manifestazioni pubbliche e quelle private (come cene o incontri famigliari).
  • La limitazione non si applica ai nuclei famigliari che già vivono sotto lo stesso tetto così come ad assemblee di organi legislativi cantonali e comunali, ad assemblee inderogabili di enti di diritto pubblico e alla raccolta di firme.
  • Matrimoni, funerali e cerimonie religiose: massimo 30 persone.
  • Per la ristorazione, valgono le disposizione già in vigore: 4 persone per tavolo, chiusura dalle 23 fino alle 6, obbligo di restare seduti, obbligo di fornire i dati di contatto per permanenze superiori ai 15 minuti
  • Divieto di attività sportive di gruppo
  • Eccezioni per giovani fino ai 16 anni (competizioni escluse) / allenamenti (non competizioni) di società sportive di sport senza contatto tra atleti con piani di protezione / allenamenti e competizioni di atleti di punta o squadre di competizione a composizione stabile con piani di protezione / allenamenti e competizioni di membri di squadre che fanno parte di una lega prevalentemente professionistica con piani di protezione.

Allarme rosso

È quindi "allarme rosso" a sud delle Alpi, colore che si riflette nella nuova tonalità della campagna informativa contro il Covid. E con il nuovo grado d'alletra arrivano anche le nuove misure per contenere la pandemia. «È l'ultima chiamata: se il numero di contagi non dovesse diminuire, se il numero di ospedalizzazioni dovesse rimanere alto, dovremo prendere altri provvedimenti», ha precisato poco fa il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi presentando le decisioni prese dal governo. Le nuove disposizioni «vogliono diminuire le possibilità di contatto. Sono limitazioni delle libertà emanate dallo Stato, tuttavia non sono i divieti a sconfiggere il virus, ma le azioni dei cittadini. Serve quindi il senso di responsabilità di ognuno». 

'Pronti a prendere altre misure se queste non avranno effetto'

Le nuove misure dovranno servono inoltre «a far capire che la situazione è seria e deve essere affrontata in modo serio», ha proseguito Gobbi. Perché «se non ci saranno cambiamenti, la situazione diventerebbe insostenibile sia per il sistema sanitario, sia per chi lavora al contact-tracing. Il virus continua a diffondersi e, a differenza della primavera, non stiamo andando verso un periodo dove si può stare molto all'aperto». Ci vuole quindi «equilibrio tra sicurezza sanitaria e libertà. Abbiamo fatto sempre passi ragionati ma che permettessero ai cittadini di capire la gravità della situazione per permettere di combattere assieme al coronavirus».

Se i comportamenti della popolazione non dovessero mutare, «siamo pronti a introdurre nuove misure». Intanto lo Stato Maggiore cantonale di condotta, che ha gestito la prima ondata, è stato posto in stato di prontezza mentre all'ospedale La Carità di Locarno sono già impiegati 12 militi dell'esercito. Inoltre una 40ina di uomini della Protezione civile stanno già dando supporto al sistema di gestione della pandemia.


Le misure in vigore da domani, 9 novembre 2020

Pressione sugli ospedali già alta

«Ognuno deve fare la sua parte per preservare l'attività del sistema sanitario» perché «la seconda ondata sarà ancora più lunga» di quella di questa primavera «durata 6 settimane e contenuta grazie al lockdown», ha commentato il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa ringraziando chi sta lavorando in ambito sociosanitario in questo periodo. «La pressione sugli ospedali ticinesi è già a livello di guardia ed aumenterà ancora nei prossimi giorni. Giorni, non settimane». Attualmente «i posti letto occupati aumentano tra 15 e 20 pazienti ogni giorno, al netto delle dimissioni». Per questo il Consiglio di Stato ha deciso di aumentare la disponibilità di posti in cure intense dagli attuali 60 a 80 in cure intense. Altri 20 letti sono stati aggiunti in cure medie. Inoltre sono previsti 320 letti nelle due strutture Covid (Carità e Moncucco) mentre 150 letti per il trattamento dei pazienti stabili sono stati ricavati a Faido, all'ospedale Italiano e all'Ospedale di Castelrotto». Per la riabilitazione sono previsti  una 30ina di posti tra la clinica di Novaggio e la Clinica Hildebrand. «In totale 600 posti letto sono disponibili per la gestione della crisi », ha precisato De Rosa, facendo notare che è stato possibile raggiungere questo obiettivo con la diminuzione dell'attività elettiva». Se, tuttavia, le nuove restrizioni non diminuiranno la circolazione del virus «dovremo imporre il blocco degli interventi non urgenti».

'Nessuno può escludere di finire in ospedale'

Intanto, ha fatto notare De Rosa – la casistica dei pazienti ospedalizzati è molto simile a quella della prima ondata: «Un ricoverato su quattro ha meno di 60 anni e poco meno della metà ha meno di 70 anni. Alla Carità però troviamo malati di 31, 38 e 45 anni, così come persone senza patologie pregresse. In cure intense il più giovane ha 33 anni. È doveroso quindi rendersi conto che tutti potremmo essere esposti a un decorso grave della malattia e nessuno, a priori, può saperlo».

Case anziani: 170 residenti già colpiti

Nelle case anziani intanto si registrano già 170 residenti malati «e il conteggio è in aumento», ha commentato De Rosa. «La situazione è seguita da vicino dall'Ufficio del medico cantonale e dalle autorità sul territorio. I singoli istituti comunicheranno, d'ora in poi, direttamente i contagi interni alla struttura».

Sostegno alle aziende 'di rigore'

Il perdurare della pandemia rischia di impattare pesantemente sull'economia cantonale. «Il governo la vuole sostenere – ha commentato di direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta –. Stiamo partecipando attivamente alla consultazione avviata dalla Confederazione per sostenere, assieme a Berna, le attività più in difficoltà, i cosiddetti i casi di rigore». Ovvero le aziende «particolarmente colpite dalla pandemia». La Confederazione, settimana prossima, stabilità, «assieme ai cantoni, i criteri di accesso»

Chiesta la situazione straordinaria

Inoltre in governo ticinese ha chiesto al Consiglio federale di prendere in mano il timone e introdurre la situazione straordinaria. Ciò permetterebbe a Berna, come in primavera, di prendere in mano le redini delle misure di contenimento: «Ci sono approcci troppo difformi tra vari cantoni», ha precisato Gobbi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato coronavirus covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved