bar-e-ristoranti-in-consultazione-la-nuova-lear-di-censi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
53 min

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
1 ora

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
1 ora

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni ticinesi in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘La polizia di prossimità ha un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
1 ora

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
1 ora

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
1 ora

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
2 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
2 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
2 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
2 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
2 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
3 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
3 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
30.10.2020 - 07:30
Aggiornamento: 10:35

Bar e ristoranti, in consultazione la nuova Lear di Censi

Il deputato leghista propone fra l'altro di abolire il diploma cantonale di esercente. Sul progetto di legge la commissione interpella enti e associazioni

Abolire il diploma cantonale di esercente, oggi requisito principale per ottenere l’autorizzazione alla gerenza? Assegnare ai Comuni la competenza di rilasciare e di ritirare la patente? Queste e altre le proposte del progetto di revisione totale della Lear, la Legge ticinese sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione, elaborato da Andrea Censi, progetto che la commissione granconsiliare ‘Costituzione e leggi’, di cui il deputato leghista fa parte, ha posto di recente in consultazione, sottoponendolo ai Comuni, agli enti regionali per lo sviluppo, alle associazioni di categoria (Gastro e HotellerieSuisse), a Turismo Ticino e ai sindacati.

‘La legge attuale è fonte di inutile burocrazia e di costi non indifferenti’

«La procedura di consultazione – spiega Censi alla ‘Regione’ – dura un mese. Ovviamente abbiamo trasmesso il testo, per una sua presa di posizione, anche al Consiglio di Stato, del quale da un paio d’anni è pendente in parlamento il messaggio in cui suggerisce alcuni correttivi da apportare alla Lear vigente». Ed è anche alla luce delle modifiche («non sostanziali») prospettate dal messaggio governativo «che sono giunto alla conclusione che in Ticino il settore dei ristoranti e dei bar necessita di una nuova legge, una nuova Lear, visto che quella attuale è, secondo me, fonte di inutile burocrazia e di costi non indifferenti, che chi ambisce alla conduzione di un esercizio deve sostenere per i corsi finalizzati al conseguimento del diploma e dunque dell’autorizzazione concessa dal Cantone. Basandomi soprattutto sulla normativa grigionese – continua il deputato –, ho redatto un disegno di legge, che come commissione abbiamo messo in consultazione la scorsa settimana».

Il quale consta di ventuno articoli, trentotto in meno della Lear attuale. E che, come scritto, attribuisce ai Comuni il compito di rilasciare (e ritirare) la patente, obbligatoria per “la vendita di vivande e bevande da consumarsi sul posto” o da asporto (niente alcol “ai giovani al di sotto dei 18 anni”). La patente, afferma ancora il progetto di nuova Lear, “si riferisce a un determinato esercizio”: la persona alla quale viene rilasciata “è responsabile per l’esercizio” e “offre la garanzia” di una gestione “incensurabile e irreprensibile”. La patente non viene accordata a chi, per esempio, negli “ultimi cinque anni ha violato ripetutamente o in modo grave prescrizioni della legislazione cantonale o comunale in materia di esercizi pubblici”, così come “della legislazione federale o cantonale sulle derrate alimentari”, oppure a chi “ha una comprovata fragilità finanziaria attestata dall’Ufficio esecuzioni e fallimenti”. Pertanto, per poter gestire un esercizio, “la persona deve allegare alla sua domanda” l’estratto del casellario giudiziale e “l’estratto cantonale esecuzione e fallimenti”. La patente “può essere ritirata” fra l’altro “per ripetuto mancato rispetto delle norme igieniche o della legislazione federale o cantonale sulle derrate alimentari” oppure “per ripetute violazioni in materia di diritto del lavoro o per questioni di natura assicurativo-sociale”.

La petizione dello scorso mese

La nuova Lear confezionata da Censi non menziona il diploma cantonale di esercente. Che è invece contemplato dalla normativa in vigore e che, indica quest'ultima, “attesta che una persona possiede le conoscenze professionali necessarie per condurre un esercizio”... «Nei Grigioni, a Zurigo e in altri cantoni dove questo titolo non c’è – rileva il granconsigliere – la qualità della ristorazione non è inferiore a quella ticinese. Lo scopo della riforma legislativa è di migliorare la nostra qualità, ma anche di contrastare un mercato illegale di prestanomi che oggi gravita attorno al mondo della gerenza». Sulla stessa lunghezza d’onda di Censi sono i tre esercenti che hanno lanciato in ottobre una petizione. “Una delle più grandi limitazioni della Lear” attuale "è la figura del gerente: il Canton Ticino - scrivono - è il più restrittivo a livello svizzero e uno dei pochi cantoni a prevedere degli esami cantonali per la gerenza di un locale pubblico”. Riprende il deputato: «Ritengo inoltre che i Comuni, ai quali suggerisco di demandare il compito di rilasciare e ritirare la patente, ovvero l’autorizzazione ad aprire un bar o un ristorante, conoscano meglio del Cantone esigenze e dinamiche del loro territorio. In ogni caso la mia è al momento solo una proposta di nuova legge». Il cui futuro dipenderà dall’esito della consultazione e della discussione in commissione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved