formazione-e-lavoro-domanda-e-offerta-disallineate
Nella sanità, un'assunzione su due avviene all'estero (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
47 min

Gestione acquedotto Collina d’Oro, è riuscito il referendum

Si andrà a votare sulla proposta del Municipio d’istituire il passaggio della gestione dell’impianto alle Ail. Il sindaco: ‘non ritiriamo il messaggio’
Mendrisiotto
47 min

Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio

In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
Ticino
47 min

‘Nessuno sta sotto i ponti. Malessere giovanile, non economico’

Presentati gli aggiornamenti del Morisoli Welfare Index. Pamini: ‘Lo Stato sociale è da riformare integralmente ripensando l’uso delle attuali risorse’
Ticino
9 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
10 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
11 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
11 ore

Entra finalmente nel vivo la nuova stagione estiva di Carì

Dallo scorso weekend gli impianti di risalita sono in funzione sino a quota 2’000 metri, scatta un ricco programma di attività
19.10.2020 - 17:53

Formazione e lavoro, domanda e offerta disallineate

L'indagine 'SkillMatchSurvey-Ticino' sui fabbisogni delle aziende è giunta al termine. Si recluta all'estero soprattutto nei settori Informatica e Sanità

È stata completata l'indagine denominata 'SkillMatchSurvey-Ticino' su i profili in ingresso, competenze e formazione dei lavoratori nelle aziende ticinesi. Un progetto condotto dal Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale (Deass) della Supsi e dalla Divisione della formazione professionale (Dfp) del Decs, nell'ambito del progetto Interreg SkilMatch-Insubria. Le 1836 aziende che hanno risposto al sondaggio, si legge in una nota, hanno fornito importanti indicazioni su caratteristiche dei profili in ingresso, competenze richieste e necessità di aggiornamento e attività di formazione in azienda. Il progetto di ricerca ha beneficiato della collaborazione del Dfe, dell'Aiti e della Società degli impiegati del commercio sezione Ticino.

L'analisi dettagliata dei dati sarà resa pubblica nelle prossime settimane, ma quanto emerge finora indica che nel mercato del lavoro ticinese è in corso un processo di 'upskilling', ovvero di aumento delle qualifiche professionale dei partecipanti al mercato del lavoro. Le professioni intellettuali e scientifiche, si fa notare, sono tra le più ricercate (una nuova entrata su cinque). Sebbene in sei casi su dieci i nuovi assunti sostituiscano personale in uscita, quattro su dieci sono nuove unità, che si aggiungono ai lavoratori esistenti e una di queste rappresenta un profilo professionale del tutto nuovo, che viene introdotto in azienda per la prima volta. 

Il dato forte che emerge è che la formazione professionale e quella universitaria sono le più richieste ai lavoratori in ingresso nel mercato del lavoro ticinese; inoltre indipendentemente dalla taglia e settore di appartenenza dell'azienda, le competenze 'soft', ossia le capacità personali indipendenti dalla formazione, sono imprescindibili per chi si candida a un posto di lavoro. Un esempio: cerco un ingegnere. La laurea è una competenza 'hard'. La sua capacità di interagire al meglio con colleghi e clienti è una competenza 'soft', non data dai suoi studi in ingegneria. A fronte di questi fabbisogni le aziende faticano a reperire almeno un lavoratore su due, prevalentemente per inadeguatezza delle competenze o della formazione o per assenza di candidati. Le aziende più colpite da queste difficoltà sono quelle dei settori 'Informatica e comunicazione' e 'Sanità e servizi sociali'. A questo 'mismatch' (disallineamento tra domanda e offerta) le aziende rispondono in gran parte reclutando lavoratori all'estero o in altri cantoni. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved