scuola-il-superamento-dei-livelli-tra-distinguo-e-proposte
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
50 min

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
5 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
15 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
15 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
15 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
15 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
16 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
16 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
16 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
17 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
17 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
17 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
17 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
17 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Grigioni
17 ore

Utile milionario per il Comune di Grono

Il Consuntivo 2021 passa da una prevista perdita di 220mila franchi a un avanzo d’esercizio di 928mila, grazie in particolare a maggiori entrate fiscali
Bellinzonese
17 ore

Bellinzona, yoga al castello Montebello con i Verdi

Appuntamento per domenica 26 giugno dalle 10 alle 11 nel prato interno
Locarnese
17 ore

Rinnovo funivie nelle Centovalli: tempistica e costi

Interrogazione al Municipio sul maxiprogetto da 11,7 milioni di franchi da parte del consigliere Stefan Früh
laR
 
09.10.2020 - 06:00
Aggiornamento : 09:47

Scuola, il superamento dei livelli tra distinguo e proposte

Dopo la proposta del direttore del Decs Manuele Bertoli, dalla politica non arrivano opposizioni alla sostituzione. Sul come, però, il dibattito è aperto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“I livelli alle scuole medie vanno sostituiti”, ha detto alla ‘Regione’ il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli (cfr. edizione del 3 ottobre). “Si tratta di un tema che deve essere affrontato di nuovo” perché “genera una serie di problemi”, sostiene. Nell’intervista ci ha parlato pure di “una resistenza piuttosto forte anche a livello politico da parte di chi vede i livelli come un premio al merito”. Questa resistenza, pur con tutti i distinguo e i suggerimenti tipici del dibattito politico, non sembra però invalicabile.

Speziali (Plr): ‘Serve una differenziazione curricolare’

Alessandro Speziali (Plr) da noi raggiunto rileva: «Sulla questione dei livelli sono apertissimo a ridiscuterli, anche perché il meccanismo non funziona più tanto bene». Insomma, «il cantiere si può aprire, anche nel mondo scolastico si percepisce che pongono dei problemi. Questo però non significa appianare, piallare verso il basso l’insegnamento. Sono contrario all’abolizione tout court. Quello che vedrei bene, e che mi aspetto, è che si vada verso una differenziazione curricolare». Nel senso che, prosegue Speziali, «dobbiamo trovare comunque un modo per premiare i talenti». E come? «Si potrebbe pensare a una differenziazione curricolare che da una parte premia chi preferisce continuare verso un indirizzo generalista come il liceo, e che dall’altra fornisce un approccio più improntato verso chi preferirà andare alle scuole professionali. Se si va in questa direzione può essere molto interessante». Anche perché, conclude, «l’obiettivo finale sarebbe quello di avvicinarci alla cultura della Svizzera tedesca, dove la formazione professionale è una formazione di serie A».

Non è distante Sergio Morisoli (Udc), secondo cui «il semplice appiattimento togliendo i livelli non risolve assolutamente niente. Una differenziazione tra chi è più o meno bravo è giusto che ci sia, è nella natura delle cose». Il capitolo sulla modifica «si può aprire a 360 gradi, ognuno avrà le sue soluzioni. Un fatto è certo: bisogna togliere a questa differenza l’etichetta negativa che chi ha i livelli B non vale niente. Ci vogliono dei curriculum differenziati, magari non come ginnasio e maggiore di una volta, ma qualcosa di simile. Un indirizzo per chi vuole andare a studiare alle superiori e all’università, e uno più improntato alle materie per apprendere una professione». Pronto a sedersi al tavolo anche il leghista Michele Guerra: «Il mio parere puramente personale, che porto avanti con convinzione dal 2011, è che l’attuale sistema di scuola dell’obbligo - che poggia sulla selezione attuata tramite i livelli - non funziona più. Per tre ragioni: sceglie il futuro dell’allievo sulla base del suo rendimento a 12/13 anni, quando cioè non è ancora in grado di dimostrare le proprie vere capacità, tiene conto in modo sbilanciato ed esagerato di tedesco e matematica (appunto: le due materie a livelli), precludendo a chi è bravo nelle altre materie di andare avanti negli studi universitari, e fa una selezione in un’età in cui tanto dipende dalla famiglia in cui ci si trova. E c’è anche la prova provata di questo malfunzionamento, visto che poi più del 30% di chi viene selezionato per livelli A e per il liceo, al liceo non ce la fa. È un sistema che non funziona più e va cambiato con qualcosa di migliore per il bene degli allievi».

Il Ppd temporeggia, il Ps chiede inclusione

«In attesa di leggere la proposta del Decs», per Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd) è importante rilevare come «il problema non è livelli sì o livelli no, ma la qualità dell’insegnamento». Sul tema, però, concede che la preoccupazione «è quella che non vorrei si mandassero al liceo, molto più selettivo delle scuole medie, ragazzi che poi fanno fatica». Ma allo stesso tempo «serve attenzione, occorre che chi fa i livelli B non sia abbandonato». Per Anna Biscossa (Ps) quella della sostituzione o modifica dei livelli è «una riflessione da fare in modo urgente, perché non sono positivi per gli allievi. Quello che per noi socialisti è che la proposta sia improntata alla massima inclusione, è la prima pietra per il nuovo impianto».

«Sono assolutamente d’accordo con la necessità di togliere i livelli, peraltro quando ero nei Verdi avevo sostenuto la proposta di Claudia Crivelli Barella di eliminarli proprio per il motivo che aveva sollevato. E cioè per l’accertata stretta correlazione fra estrazione socio-economica dell’allievo e la sua attribuzione ai livelli, in altre parole lo studente di una famiglia con importanti mezzi finanziari può permettersi fra l’altro più lezioni di recupero. Questa impostazione è chiaramente una sconfitta per la scuola», afferma Tamara Merlo di Più Donne. «Come poi superare i livelli è un altro discorso. Aggiungere alle note un profilo sulle competenze dell’allievo, come prospetta Bertoli? Spero non finisca per avere lo stesso effetto dei livelli, e cioè un modo rapido per i datori di lavoro per “inquadrare” il giovane da assumere. Insomma, la scuola come preparazione esclusivamente al mondo del lavoro. Alle medie - prosegue Merlo - mi piacerebbe, invece, che ci si potesse concentrare solo sull’apprendimento, senza dover pensare al proprio ‘profilo’, affinché tutti gli allievi possano seguire il programma, ognuno con la propria velocità. Per arrivare comunque alla fine di un percorso dove ogni allievo ha imparato quello che gli servirà durante tutta la vita. Attendo tuttavia di leggere le proposte del direttore del Decs nero su bianco».

Secondo Cristina Gardenghi dei Verdi, «dipende da cosa si intende per competenze, che, sia chiaro, non devono essere finalizzate unicamente a facilitare l’accesso dell’allievo al mondo del lavoro. Ed è altrettanto chiaro che la sola nota non permette di evidenziare altri aspetti dello studente, come quelli legati alla sua personalità, importanti nel processo formativo. In astratto, quindi la proposta di Bertoli di aggiungere alle note un profilo sulle competenze ci sta». In ogni caso, continua la deputata ecologista, «sostengo pienamente la necessità di abolire i livelli, che oggi categorizzano i ragazzi e le ragazze in allievi bravi e non bravi condizionandone spesso il loro futuro professionale e accademico».

Per Angelica Lepori-Sergi (Mps) «sul principio siamo favorevoli a questa proposta, a questo indirizzo. Sul come, però, si vedrà». Perché «o si andrà verso un potenziamento dei laboratori, ma se divisi sulle competenze non risolverebbero il problema, o su una diminuzione maggiore degli allievi per classe rispetto a quanto recentemente deciso dal Decs. Vedremo». Dal Sindacato studenti e apprendisti, Zeno Casella rileva:«Da sempre siamo contrari ai livelli come strumento di selezione che, a nostro avviso, selezionano molto di più su una base di origine sociale dell’allievo che sul merito. Sul superamento siamo d’accordo, mentre sul profilo delle competenze dell’allievo già dai tempi dell’introduzione del concordato Harmos siamo invece contrari, poiché si tratta di uno strumento che corrisponde più ai bisogni del mercato del lavoro che a quelli degli allievi».

Leggi anche:

L’affondo di Bertoli: ‘I livelli alle Medie da sostituire’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved