Milan
Salernitana
15:00
 
carnevali-2021-l-obiettivo-era-fare-chiarezza
Permesse solo le risottate (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
43 min

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
2 ore

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
9 ore

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
18 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
18 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
19 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
19 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
19 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
19 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
19 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
20 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
20 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
20 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
20 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
20 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
21 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
21 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Ticino
24.09.2020 - 20:260
Aggiornamento : 21:57

Carnevali 2021, l'obiettivo era 'fare chiarezza'

Luca Filippini (gruppo di lavoro ‘Grandi manifestazioni’): 'Così si evitano spese inutili'. I Carnevali principali sono soddisfatti della decisione

a cura de laRegione

Nessun corteo, nessuna musica nelle tendine e nessuna folla che balla per le strade. Il Carnevale, come lo conosciamo, nel 2021 non si terrà. Il Consiglio di Stato ha infatti deciso che saranno permesse solo le classiche risottate e solo a determinate condizioni. Ovvero, bisognerà tener conto delle restrizioni imposte dalle autorità per limitare la diffusione del coronavirus. L’obiettivo era quello «di fare chiarezza, evitando così spese inutili a organizzatori, carristi e così via», precisa a ‘laRegione’ Luca Filippini, responsabile del gruppo di lavoro istituito dal Cantone ‘Grandi manifestazioni’. 

Oggi i responsabili dei grandi Carnevali ticinesi (Bellinzona, Chiasso, Biasca, Tesserete e Locarno) e il Gruppo ‘Grandi eventi’ si sono incontrati per approfondire “le criticità che una grande aggregazione di persone porta con sé in un contesto sanitario delicato”, si legge in un comunicato odierno. «Al momento non riteniamo realistica l’organizzazione, ad esempio, di un grande corteo come quello del Rabadan o di Nebbiopoli o di una città del Carnevale», precisa Filippini. Sarebbe infatti, «molto difficile mantenere le distanze sociali o garantire il tracciamento dei contatti». Tuttavia, «se la situazione rimarrà invariata (già oggi sono permesse certe manifestazioni, certi assembramenti e certi ritrovi) non vediamo perché qualcuno in maschera non possa sedersi a un tavolo e mangiare un risotto durante una festa di paese. L'importante è che vengano rispettate le regole vigenti». Alla luce di queste riflessioni il Consiglio di Stato ha quindi deciso non di annullare, ma di “limitare i festeggiamenti in tutto il Cantone in occasione del Carnevale 2021”: saranno infatti permessi solo “eventi gastronomici”. Bisognerà però rispettare le normative delle autorità e le regole del settore gastronomico, legate alla pandemia (clienti seduti, personale con la mascherina, disposizioni per il tracciamento, ecc.). Ovviamente la premessa è che la situazione epidemiologica non peggiori, generando un inasprimento delle restrizioni.

Rabadan e Re Naregna stanno valutando

Al Rabadan di Bellinzona non è escluso che, nel rispetto delle normative, vi possa essere qualcosa di più piccolo e puntuale per segnare la tradizione, racconta il presidente del comitato Flavio Petraglio alla ‘Regione’. «Stiamo mettendo sul tavolo alcune idee», aggiunge spiegando che c’è ancora tempo per l’organizzazione. Petraglio mostra poi preoccupazione per l’idea ipotizzata da alcuni esercizi pubblici di organizzare bagordi carnascialeschi privati. «Senza un concetto chiaro di sicurezza pubblica e sanitaria, potrebbe diventare un problema. Perciò sarà importante coinvolgere l’autorità comunale». A questo proposito Filippini, sottolinea che bar e ristoranti «già oggi possono organizzare una festa, rispettando le misure attualmente in vigore. Se la situazione non cambierà, anche per il periodo di Carnevale varranno le stesse condizioni. Per manifestazioni sopra le mille persone sarà il nostro gruppo che dovrà concedere l'autorizzazione. Al di sotto di questa soglia sarà il Comune di riferimento che dovrà decidere se concedere un’eventuale deroga relativa all’orario di chiusura o all’utilizzo del suolo pubblico».

Anche per il Carnevale Re Naregna di Biasca è ancora prematuro sapere se e come organizzare appuntamenti gastronomici, conferma il presidente Gabriele Cirio. «Tutto dipende da come evolveranno le norme sanitarie, allo stato attuale applicarle risulta davvero complesso», sottolinea spiegando di ritenere corretta la decisione presa a livello cantonale.

Nebiopoli: 'Giusto fare chiarezza'

«Finalmente abbiamo una decisione chiara a che va in una sola direzione», commenta da parte sua Alessandro Gazzani presidente del Carnevale Nebiopoli di Chiasso. «Una decisione che arriva con molto anticipo ma è stato giusto fare chiarezza e lasciare una porta aperta verso la parte gastronomica. Una limitazione che è stato giusto imporre anche agli eventi più piccoli». L'auspicio di Gazzani è che la politica si attivi verso Moesano e Grigioni italiano. «Fino a San Bernardino ci sono tantissimi carnevali. Sarebbe inutile avere preso questa decisione se a pochi chilometri da noi il Carnevale verrà festeggiato». Infatti, nei prossimi giorni il Consiglio di Stato prenderà contatto con il governo retico, «affinché anche le zone limitrofe con il Ticino si allineino alle disposizioni del nostro cantone», rileva Filippini. Da noi contattato, Simone Giudicetti, presidente del Carnevale di Roveredo La Lingera ha indicato che una decisione formale sul da farsi sarà presa nel corso del mese di ottobre.

Un anno sabbatico a Tesserete

Dal canto, suo, Livio Mazzuchelli, presidente del comitato del Carnevale di Tesserete, conferma la decisione adottata in luglio: «Noi rinunciamo, faremo un anno sabbatico. Non possiamo permettercelo dopo l'annullamento dell'edizione scorsa per la quale abbiamo subito una perdita di 145'000 franchi (tre quarti delle nostre riserve)». Fabio Schnellmann, coordinatotore del Carnevale di Lugano invece dice che «un mese fa abbiamo deciso di rinunciare a tutto, ora rivaluteremo la questione. In fondo la risottata si potrebbe organizzare con tutte le precauzioni necessarie».

Stranociada: 'Contenti e sollevati'

«Sono molto contento e sollevato della decisione del Consiglio di Stato di tenere aperta la porta ai Carnevali», dichiara Lorenzo Manfredi, presidente di Locarnaval, l'associazione che organizza la Stranociada. «Temevamo che si prendesse la soluzione più facile: chiudere tutto per evitare i problemi. Dal canto nostro, stiamo facendo le nostre riflessioni, una risposta concreta su cosa si farà tuttavia si potrà dare solo a inizio 2021», afferma e aggiunge: «Un'idea, molto embrionale, su cui stiamo lavorando è portare la risottata in Piazza Grande».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved