laRegione
consuntivo-verso-l-approvazione-ma-il-futuro-e-a-tinte-fosche
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
29 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
13 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
13 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
13 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
13 ore

Lugano conferma il mercatino di Natale 'a prova di Covid'

Misure di distanziamento e sicurezza accresciute. Il fulcro in piazza Manzoni, dove l'area sarà cintata e con un tetto massimo di ingressi
Ticino
13 ore

Parco dell'innovazione in Ticino, la soddisfazione del Plr

I liberali radicali giudicano ‘una tappa fondamentale’ l'entrata nella rete Switzerland Innovation Park: ‘Faciliterà l'insediamento di attività all'avanguardia’
Ticino
13 ore

Crescono i palazzi, ma il sogno resta la casetta

Dall’ultima statistica sugli edifici emerge che in Ticino la costruzione prevalente è quella monofamiliare. Record di abitazioni vuote: oltre 6’600
Mendrisiotto
13 ore

Breggia ringrazia i propri volontari

Il grazie del Municipio per l'impegno profuso nel particolare periodo che stiamo vivendo
Locarnese
13 ore

Ascona-Cannobio, arte online

Un dialogo-conferenza sulla mostra in corso nel borgo
Mendrisiotto
13 ore

Chiasso dice ‘no’ al buono sconto e alle mascherine

Il Municipio ha deciso che non darà seguito alle richieste formulate da due diverse interrogazioni
Locarnese
14 ore

Locarno, distribuzione del sale

Appuntamento con la tradizione dei ‘borghesi’, ma a cinque per volta
Ticino
14 ore

Storni (Ps): ‘Premi di cassa malati, serve una compensazione’

Il deputato socialista al Nazionale inoltra un postulato al Consiglio federale: ‘La struttura sociodemografica dei cantoni come influisce sui costi della salute?’
Mendrisiotto
14 ore

L'antenna sul territorio del Servizio anziani soli di Mendrisio

Nato nel 1990, il servizio erogato dall'Ufficio Antenna sociale e dalla Polizia della Città celebra i suoi primi 30 anni di attività
Locarnese
14 ore

Giardino Papio Ascona, ‘locus amoenus’ da restaurare

Progetto da 1,8 milioni di franchi per oltre 6mila metri quadrati di verde, iscritti nell'inventario nazionale
Ticino
21.09.2020 - 18:520
Aggiornamento : 19:27

Consuntivo verso l'approvazione, ma il futuro è a tinte fosche

Nel dibattito di entrata in materia il Gran Consiglio discute sui conti 2019, con un avanzo di 60,3 milioni. Ma gli interventi sono tutti sui prossimi anni

Il via libera del Gran Consiglio che, verosimilmente, arriverà domani al Consuntivo 2019 sarà da ricordare. Perché di cifre nere per quanto riguarda i conti dello Stato se ne riparlerà tra un bel po’. 60,3 milioni di franchi di avanzo che sono «l’ultimo dolce frutto», avverte a inizio dibattito il relatore del rapporto di maggioranza e presidente della Commissione della gestione Matteo Quadranti. Che annota come «siamo entrati subito nell’era post-Covid 19, e lo sguardo corre necessariamente in avanti. Il preventivo per il 2021 sarà sicuramente un’impresa più ardua». E ci mancherebbe altro, con i 270 milioni di deficit previsti già con l’aggiornamento di agosto del pre consuntivo 2020. Occorrerà «avere una disciplina finanziaria soprattutto in merito alla spesa corrente», perché «le sfide per il futuro non sono poche». Quadranti le snocciola, a partire dalla «spada di Damocle che è il risanamento dell’Istituto di previdenza, mezzo miliardo che desta qualche preoccupazione. Ma ci sono anche sfide già presenti in passato come l’invecchiamento della popolazione, l’esplosione dei costi della salute, la riforma della legge tributaria». Un futuro per il quale il presidente della Gestione auspica dei compromessi, perché «il rapporto di minoranza entra in alcuni dettagli che potevano semplicemente essere sollevati nella discussione sui dipartimenti: l’attenzione a giovani, donne e over 50 sono temi cari a tutti noi. Queste persone non meritano di divenire terreno di caccia elettorale».

Un dibattito tutto sul futuro

«Questo consuntivo per noi non è assolutamente un dolce frutto positivo, perché è anche il risultato di elementi che sono andati a sfavore di famiglie e persone precarie» rileva a stretto giro di posta il capogruppo del Ps Ivo Durisch, relatore del rapporto di minoranza. Per quello che riguarda il futuro, «ben venga un accordo ma basta che non sia a scapito delle persone fragili» rincara. L'avanzo, insomma, «è il risultato di una politica di tagli alle prestazioni e di sgravi che non abbiamo reputato sempre sostenibili, di una politica che non ha voluto mettere al centro i bisogni dei cittadini ma gli sgravi al beneficio di aziende internazionali. Non è questa la strada da seguire». E qual è per il Ps? «Non lasciare indietro nessuno, garantendo un rilancio dell’economia con una forte presenza dello Stato che metta in campo tutti gli strumenti e le risorse per aiutare persone e aziende che soffrono».

Per la capogruppo del Plr Alessandra Gianella i disavanzi previsti per i prossimi anni «sono nubi che rimettono in discussione tutte le nostre certezze, e proprio queste situazioni difficili sono l’occasione per definire delle chiare priorità». Che per i liberali radicali sono «formazione, innovazione e digitalizzazione» con un chiaro avvertimento: «Aumentare le imposte è sbagliato, sarebbe una medicina peggiore del male». Per Gianella «saranno anni impegnativi, sarà fondamentale definire un piano di azione per ridurre il disavanzo, non rendendolo strutturale. E raggiungere un equilibrio finanziario tornando ad avere una visione d’insieme. Senza dimenticare che i debiti contratti oggi sono un peso sulle spalle delle future generazioni».

È un consuntivo «giudicato con la lente distorta del Covid» per il capogruppo leghista Michele Foletti. «Invece che essere felici per i risultati ottenuti siamo tutti preoccupati per la chiusura dei conti di quest’anno e dei prossimi», annota. Aggiungendo come «una corretta disciplina finanziaria per gli investimenti sia necessaria, ma sarà responsabilità di tutti noi essere particolarmente attenti soprattutto nello svolgimento dei lavori commissionali». 

«Mai come quest’anno la discussione sul consuntivo ha il sapore dell’anacronismo» esordisce il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni. Che ribadisce come «oggi la priorità non è il riequilibrio immediato dei conti, ma mettere in sicurezza il Ticino dal punto di vista sanitario e dal profilo socioeconomico». Agustoni conferma anche «la contrarietà ad aggravi fiscali, il cui unico risultato sarebbe deprimere il potere d’acquisto e mettere in difficoltà le aziende». Il riequilibrio finanziario «non deve essere un’ossessione feticista, ma un obiettivo cui tendere con lungimiranza. Bisogna tenere d’occhio la spesa corrente rinunciando alle spese non necessarie e a investimenti che non hanno un potenziale sviluppo economico».

La socialista Anna Biscossa è preoccupata per il futuro: «I dati del pre consuntivo 2020 sono allarmanti, e per noi non è solo il Covid a influenzare i numeri ma una fragilità strutturale del cantone e un’economia che devono farci pensare. Esiste un problema di fondo: se le persone non hanno un reddito sufficiente non spendono, è un tema economico non solo sociale».

Sergio Morisoli, capogruppo dell’Udc, afferma dal canto suo che «basterebbe rispondere a una semplice domanda: dopo tutti i soldi spesi dal Cantone, 10 milioni al giorno, i ticinesi ora stanno meglio o peggio rispetto a dieci o quindici anni fa?». E risponde lui: «Stanno peggio, tutti. A partire dal ceto medio, chi non sarà mai ricco e ha paura di diventare povero».

Per la verde Samantha Bourgoin occorrerà «preoccuparsi di territorio, qualità dell’aria, transizione ecologica e con coraggio combattere l’emergenza climatica». Angelica Lepori Sergi (Mps) boccia sonoramente il consuntivo perché figlio «di una politica che si preoccupa soprattutto di risanare le finanze e meno di rispondere alle esigenze dei cittadini». Tamara Merlo (Più donne) sostiene il rapporto di minoranza invitando «a un risanamento che non sia fine a se stesso, gli aiuti dovrebbero essere maggiormente rivolti ai più deboli». Il comunista Massimiliano Ay bacchetta il parlamento perché «la scorsa legislatura è stata bocciata senza troppi complimenti la nostra proposta di legge patrimoniale di solidarietà che avrebbe portato alle casse pubbliche oltre 200 milioni».

Christian Vitta: ‘Senza il coronavirus il pre consuntivo avrebbe un avanzo di oltre 70 milioni di franchi, ora confronto costruttivo tra le forze politiche’

Nel suo intervento, il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta mostra la «rottura storica» portata ai conti dal coronavirus: «Abbiamo fatto una simulazione, da prendere con le dovute precauzioni: oggi senza questo shock a livello di pre consuntivo senza crisi dovuta al Covid parleremmo di utile di oltre 70 milioni di franchi». Per Vitta «siamo di fronte a una rottura della traiettoria dello sviluppo economico, ci sono settori che hanno conosciuto accelerazione e cambiamenti. Guardando ai preventivi dei prossimi anni dovremo avere un piano d’azione per rimettere in carreggiata le finanze. Se il debito pubblico è fatto per finanziare investimenti è salutare anche in tempi di crisi, ma stiamo attenti: se sul medio termine dobbiamo fare debito per finanziare spese correnti dello Stato diventa un problema. Il nostro auspicio è che le forze politiche possano confrontarsi in modo costruttivo, assumendo un forte senso di responsabilità collettiva con l’obiettivo di superare questo momento delicato».

© Regiopress, All rights reserved