ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
9 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
11 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
12 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
13 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
16 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
17 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
21 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
03.09.2020 - 16:03

L'Ata: 'Ma il solo Ceneri non basta'

L'associazione ambientalista ha presentato una petizione per chiedere una semplificazione di prenotazione dei biglietti in tutta Europa

Ats, a cura de laRegione
l-ata-ma-il-solo-ceneri-non-basta
(foto Ti-Press)

Berna - L'Associazione traffico e ambiente (Ata) vuole che il Consiglio federale si impegni per modernizzare i trasporti ferroviari anche al di fuori della Svizzera. L'organizzazione ha depositato oggi la petizione '1 viaggio - 1 biglietto per tutta l'Europa', con cui chiede al governo di mettere pressione sull'Unione europea per migliorare la rete di collegamenti continentali.

L'obiettivo, indica in una nota odierna l'Ata è di semplificare le procedure di prenotazione e perfezionare il servizio alla clientela. Fra gli altri intenti figurano l'aumento della disponibilità di treni notturni, un maggior sostegno alla rete ferroviaria e l'abolizione dei privilegi concessi all'aviazione.

La petizione, firmata da circa 6400 persone, chiede che Berna si faccia sentire con Bruxelles affinché i sistemi di vendita delle varie società ferroviarie europee siano armonizzati fra loro il più rapidamente possibile. In tutto il Continente, afferma, citato nella nota, il vicepresidente dell'Ata Bruno Storni, "viaggiare in treno dovrebbe essere semplice come in Svizzera". Perciò l'esecutivo deve mostrarsi deciso, aggiunge il consigliere nazionale socialista ticinese.

Il Ceneri non basta

L'Ata si rallegra per l'apertura della galleria di base del Ceneri, ma sottolinea che questo non basta per ambire a una progressione del settore. A non convincere sono in primis le attuali procedure di prenotazione dei posti, definite "complesse", che stando all'associazione rendono "inevitabile il passaggio allo sportello". Per i viaggiatori dovrebbe invece essere possibile disporre degli standard in vigore nel traffico aereo, ovvero riservare collegamenti per tutta l'Europa con pochi clic online e partire con un unico biglietto elettronico.

Per quel che concerne i trasferimenti notturni, l'Ata rivendica treni per tutte le principali città, citando Amsterdam e Barcellona come mete non troppo distanti e particolarmente di moda fra gli svizzeri. L'organizzazione svela che secondo un suo studio due terzi della popolazione vorrebbe avere l'opportunità di ricorrere con più frequenza a viaggi di notte su rotaia.

L'Ata elenca poi una serie di ulteriori miglioramenti urgenti che a suo avviso andrebbero introdotti. Ad esempio, la Svizzera dovrebbe contribuire a spostare il trasporto internazionale dall'aereo alla ferrovia se vuole raggiungere i proprio obiettivi climatici. Inoltre, bisognerebbe affinare servizi alla clientela come il trasporto bagagli, così come garantire ai passeggeri di poter proseguire il viaggio sul treno successivo in caso di mancata coincidenza. In generale, il settore è chiamato a dar prova di creatività.

Infine, l'Ata torna sul dualismo con il traffico aereo, facendo notare come, malgrado la Svizzera si posizioni geograficamente al centro del continente, l'81% di tutti i viaggi siano effettuati nei cieli. Sussidi e agevolazioni fiscali concessi all'aviazione permettono alle compagnie di offrire prezzi bassi e vantaggiosi. Pertanto l'associazione mira a eliminare tali privilegi, in modo da aumentare l'attrattiva della ferrovia.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved