ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’

Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
4 ore

Un successo a Lumino la prima serata del progetto Mèzanecc

Una trentina di giovani ha sfruttato la possibilità proposta dal Municipio di incontrarsi e praticare sport in palestra
Bellinzonese
5 ore

Un aiuto concreto grazie alla Fondazione Fondo Loris

Devoluti 15mila franchi per aiutare il giovane Luum Abraham ad acquistare un veicolo adeguatamente predisposto per facilitare i suoi spostamenti
Bellinzonese
5 ore

Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere

Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’

Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
6 ore

Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
6 ore

Piricone nominata Sostituta magistrato dei minorenni supplente

Designata mercoledì dal Consiglio di Stato, permetterà di garantire l’operatività della Magistratura dei minorenni fino all’elezione del nuovo Sostituto
Mendrisiotto
6 ore

Scuole al voto a Breggia, nasce un Gruppo di sostegno

In vista del 30 ottobre sull’ampliamento del comparto scolastico di Lattecaldo si confronteranno referendisti (contrari) e favorevoli
Ticino
6 ore

Ecco la pagina web per i candidati alle elezioni cantonali 2023

Contiene le indicazioni sulle procedure da seguire per proporsi, ma anche su come esprimere il voto e la ripartizione dei seggi
Ticino
6 ore

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
6 ore

‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’

Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
10.08.2020 - 10:56
Aggiornamento: 16:32

La scuola riparte in presenza

Il 31 agosto tutti gli allievi del Canton Ticino torneranno in aule a tempo pieno. Ogni sede scolastica dovrà dotarsi di un proprio piano di protezione

la-scuola-riparte-in-presenza
Manuele Bertoli in primo piano, dietro Norman Gobbi (Ti-Press)

«La scuola riparte in presenza – conferma il direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport, Manuele Bertoli –. Il piano per la riapertura delle scuole è pronto». Nei giorni scorsi, indica Bertoli, sono stati inviati dei modelli di piani di protezione alle direzioni scolastiche, in quanto «ogni scuola dovrà dotarsi di un proprio piano di protezione».  In tutte le sedi dovranno quindi essere osservate le misure accresciute d'igiene e di distanza sociale: «Nella scuola obbligatoria le distanze dovranno essere mantenute tra docenti e allievi, ma non nei bambini tra di loro. Sarà diverso nel post obbligatorio, in quanto gli studenti sono considerati degli adulti. Quindi in questo caso la distanza di un metro e mezzo dovrà essere osservata anche tra gli allievi».

Mascherine a scuola? Bertoli: «Le mascherine sono sconsigliate alle elementari, facoltative alle Medie e nel post obbligatorio. Per i docenti invece saranno facoltative in aula, mentre saranno obbligati a indossarle negli spazi comuni».

'Non abbiamo la garanzia che non ci sarà trasmissione di coronavirus a scuola'

Come viene considerata la riapertura delle scuole dal punto di vista medico? A domanda posta da 'laRegione' il medico cantonale Giorgio Merlani spiega qual è Il ruolo della scuola nell’ambito della diffusione della pandemia. «la scorsa primavera è stato deciso di chiudere le scuole per tutelare le persone vulnerabili, non i bambini. Alora abbiamo usato "impropriamente" lo strumento della chiusura scolastica per fermare la diffusione della pandemia in un momento molto delicato. Ora, anche se non possiamo escludere che i bambini trasmettano anche loro il virus, sappiamo che non sono lo strumento principale della sua diffusione.  I bambini si infettano raramente e fanno perlopiù dei decorsi blandi».

Per Merlani è chiaro che non c'è alcuna garanzia che non ci sarà trasmissione di coronavirus a scuola, «ma quello di cui siamo certi è che non saranno questi eventuali contagi a fare scoppiare la diffusione del virus». Ciò di cui il medico cantonale è piuttosto convinto è che ci saranno durante l'anno scolastico delle classi che dovranno essere messe in quarantena. «Ma non possiamo mettere i carri diventi ai buoi per paura che qualche bambino si contagi: il rischio è minimo e non sarà di certo quello che inciderà sull’andamento epidemico». A proposito di classi quarantena, Bertoli ammette che si tratta di un'ipotesi ancora in fase di elaborazione: «Se una classe viene messa in quarantena per decisione dal medico cantonale sappiamo, sulla base di quanto accaduto in altri cantoni, che questa è una scelta circoscritta a un gruppo specifico, e circoscritta anche nel tempo. Stiamo valutando cosa è possibile fare in un tale caso con gli allievi che devono restare a casa». 

E se dovesse arrivare la temuta 'seconda ondata'? «In un'eventuale seconda ondata è probabile che la scuola sia una delle ultime attività a essere chiusa – assicura Merlani –. Anche se dovessero chiudere, speriamo di no, le attività commerciali e quant’altro possiamo pensare di tenere le scuole aperte». L'auspicio più volte ribadito dal direttore del Decs durante la conferenza stampa è quello di poter svolgere l'intero anno in presenza, «ma è chiaro che se le circostanze imporranno di dover adottare uno degli altri due scenari contemplati (scuola ibrida o scuola a distanza, ndr), questa sarà una decisione che spetterà al governo».

Un eventuale passaggio a uno degli altri due modelli di scuola potrebbe, appunto, essere deciso dal Consiglio di Stato sulla base di criteri che, stando a quanto dichiarato da Bertoli, «potrebbero a un certo punto non essere gli stessi per le scuole dell’obbligo che per il post obbligatorio, oppure tra Sottoceneri rispetto al Sopraceneri». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved