laRegione
la-scuola-riparte-in-presenza
Manuele Bertoli in primo piano, dietro Norman Gobbi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
CALCIO
23 min

Tra fughe, sogni e ‘revolución’, i sessant’anni del Diez

In Argentina l’adorazione per Diego Armando Maradona non è mai venuta meno. Dai primi calci a Villa Fiorito al triste declino
Ticino
28 min

‘Non stiamo immaginando il prossimo futuro’

Stefano Modenini (Aiti) è critico sulle prospettive strategiche dell'economia ticinese. ‘Energie sprecate in polemiche anti-frontalieri’
Luganese
33 min

Lugano, deficit da 20 milioni: partiti critici (Lega esclusa)

I capigruppo in Consiglio comunale commentano il Preventivo 2021. Molto critici Plr e Sinistra, vigili Ppd e Udc. Gestione virtuosa per il Movimento.
Locarnese
38 min

Centro balneare, atteso un passivo quasi raddoppiato

Il lockdown primaverile e le conseguenze dell'attuale recrudescenza di contagi penalizzano il Lido. Che ha già sensibilizzato i Comuni azionisti
Bellinzonese
9 ore

Scuole medie di Lodrino: ampliamento e un sogno (la piscina)

Dal Municipio di Riviera due messaggi per la variante di Piano regolatore e per la permuta dei terreni privati necessari al Cantone
Mendrisiotto
10 ore

Casa anziani Soave di Chiasso, nove residenti positivi

Lo comunica il Dipartimento della sanità e socialità, precisando che per i nove ospiti è stato disposto l'isolamento in camera
Luganese
10 ore

Mortale di Sigirino, la difesa ricorre in Appello

Contro la condanna a 10 anni di carcere per omicidio intenzionale l'avvocato Yasar Ravi impugnerà la sentenza pronunciata dalle Assise criminali
Mendrisiotto
11 ore

Delitto di via Valdani, a processo 5 anni dopo

Rinviati a giudizio padre e figlio, accusati dell'assassinio di un 73enne in un parcheggio sotterraneo di Chiasso
Ticino
11 ore

In Ticino rimandate cresime e prime comunioni

Lo comunica il vescovo di Lugano in una lettera ai ticinesi dopo che Berna ha fissato a 50 il tetto massimo di fedeli ammissibili negli edifici di culto
Locarnese
12 ore

Minusio, preventivo 2021 con disavanzo di quasi due milioni

A pesare sul bilancio sono la pandemia e i suoi strascichi. Moltiplicatore invariato al 78%, una scelta 'politica': ‘È una situazione straordinaria’
Luganese
12 ore

Il colpo di Monteggio, chieste massicce riduzioni di pena

Gli avvocati Galliani e Bordignon avanzano in via principale l'assoluzione per il 40enne e il 63enne. Domani la sentenza.
Ticino
10.08.2020 - 10:560
Aggiornamento : 16:32

La scuola riparte in presenza

Il 31 agosto tutti gli allievi del Canton Ticino torneranno in aule a tempo pieno. Ogni sede scolastica dovrà dotarsi di un proprio piano di protezione

«La scuola riparte in presenza – conferma il direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport, Manuele Bertoli –. Il piano per la riapertura delle scuole è pronto». Nei giorni scorsi, indica Bertoli, sono stati inviati dei modelli di piani di protezione alle direzioni scolastiche, in quanto «ogni scuola dovrà dotarsi di un proprio piano di protezione».  In tutte le sedi dovranno quindi essere osservate le misure accresciute d'igiene e di distanza sociale: «Nella scuola obbligatoria le distanze dovranno essere mantenute tra docenti e allievi, ma non nei bambini tra di loro. Sarà diverso nel post obbligatorio, in quanto gli studenti sono considerati degli adulti. Quindi in questo caso la distanza di un metro e mezzo dovrà essere osservata anche tra gli allievi».

Mascherine a scuola? Bertoli: «Le mascherine sono sconsigliate alle elementari, facoltative alle Medie e nel post obbligatorio. Per i docenti invece saranno facoltative in aula, mentre saranno obbligati a indossarle negli spazi comuni».

'Non abbiamo la garanzia che non ci sarà trasmissione di coronavirus a scuola'

Come viene considerata la riapertura delle scuole dal punto di vista medico? A domanda posta da 'laRegione' il medico cantonale Giorgio Merlani spiega qual è Il ruolo della scuola nell’ambito della diffusione della pandemia. «la scorsa primavera è stato deciso di chiudere le scuole per tutelare le persone vulnerabili, non i bambini. Alora abbiamo usato "impropriamente" lo strumento della chiusura scolastica per fermare la diffusione della pandemia in un momento molto delicato. Ora, anche se non possiamo escludere che i bambini trasmettano anche loro il virus, sappiamo che non sono lo strumento principale della sua diffusione.  I bambini si infettano raramente e fanno perlopiù dei decorsi blandi».

Per Merlani è chiaro che non c'è alcuna garanzia che non ci sarà trasmissione di coronavirus a scuola, «ma quello di cui siamo certi è che non saranno questi eventuali contagi a fare scoppiare la diffusione del virus». Ciò di cui il medico cantonale è piuttosto convinto è che ci saranno durante l'anno scolastico delle classi che dovranno essere messe in quarantena. «Ma non possiamo mettere i carri diventi ai buoi per paura che qualche bambino si contagi: il rischio è minimo e non sarà di certo quello che inciderà sull’andamento epidemico». A proposito di classi quarantena, Bertoli ammette che si tratta di un'ipotesi ancora in fase di elaborazione: «Se una classe viene messa in quarantena per decisione dal medico cantonale sappiamo, sulla base di quanto accaduto in altri cantoni, che questa è una scelta circoscritta a un gruppo specifico, e circoscritta anche nel tempo. Stiamo valutando cosa è possibile fare in un tale caso con gli allievi che devono restare a casa». 

E se dovesse arrivare la temuta 'seconda ondata'? «In un'eventuale seconda ondata è probabile che la scuola sia una delle ultime attività a essere chiusa – assicura Merlani –. Anche se dovessero chiudere, speriamo di no, le attività commerciali e quant’altro possiamo pensare di tenere le scuole aperte». L'auspicio più volte ribadito dal direttore del Decs durante la conferenza stampa è quello di poter svolgere l'intero anno in presenza, «ma è chiaro che se le circostanze imporranno di dover adottare uno degli altri due scenari contemplati (scuola ibrida o scuola a distanza, ndr), questa sarà una decisione che spetterà al governo».

Un eventuale passaggio a uno degli altri due modelli di scuola potrebbe, appunto, essere deciso dal Consiglio di Stato sulla base di criteri che, stando a quanto dichiarato da Bertoli, «potrebbero a un certo punto non essere gli stessi per le scuole dell’obbligo che per il post obbligatorio, oppure tra Sottoceneri rispetto al Sopraceneri». 

© Regiopress, All rights reserved