ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
55 min

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
55 min

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
9 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
9 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
9 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
10 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
10 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
11 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
11 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
11 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
11 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
11 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
12 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
12 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
laR
 
09.07.2020 - 20:23

Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni

Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'

covid-19-due-terzi-dei-nuovi-contagiati-ha-meno-di-30-anni

“Due terzi dei nuovi casi trovati positivi al coronavirus a partire dal 1° luglio sono giovani sotto i trent’anni, più della metà di questi casi ha fatto viaggi all’estero e c’è un aumento da parte della mobilità dei ragazzi”. Insomma, nelle parole che il medico cantonale Giorgio Merlani affida alla ‘Regione’ c’è la sintesi del perché oggi il Dipartimento della sanità e della socialità ha aumentato dal codice blu a quello arancione il grado d’allerta, innescando così un cambio di passo riguardo alla campagna informativa di prevenzione alla popolazione. 36 nuovi casi di Covid-19 negli ultimi dieci giorni (oggi 2) e 450 quarantene disposte che non sono solo numeri. “Passiamo dal blu all’arancione perché è la tendenza a preoccupare”, spiega Merlani. Ed è una tendenza “inserita in un contesto: se io avessi tutte le frontiere chiuse, i locali chiusi e una settimana come questa con meno di dieci casi al giorno dovrei parlare di codice blu e di allentamenti. Ma siamo in una situazione con frontiere aperte, con tante occasioni di incontro e mobilità delle persone. E quindi dobbiamo dire che il trend è preoccupante, da qui la decisione di spingere maggiormente sulla sensibilizzazione”. Perché oltre i numeri “è l’insieme che conta”. E “la miscela rischia di essere esplosiva”.

Per questo, colorata di arancione, la campagna ‘Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora.’ segue il motto di ‘Prudenza. Sempre’. Una campagna che, soprattutto riguardo ai giovani, per il medico cantonale ha un messaggio fondamentale che deve passare. “Il concetto deve essere quello della protezione, e i ragazzi devono capire che non si tratta solo della loro: se si contagiano nella stragrande maggioranza dei casi a quell’età il decorso è blando. Ma il virus lo portano a casa, dai genitori, dai nonni, dai propri cari, lo passano ai propri amici. E proteggere significa rendersi conto che a volte si può essere poco sintomatici o asintomatici del tutto, e quindi occorre far di tutto perché non si propaghi il coronavirus”. Ma non solo. L’auspicio di Merlani è che si comprenda come “se si usa responsabilità, si possono fare feste e divertirsi. Ma se non si rispettano le misure si rischia che il problema non sia solo una festa cancellata, bensì locali chiusi: qualcosa che tutti vogliamo evitare”. Giovani e casi acquisiti all’estero, insomma.

Vista la buona rispondenza riguardo l’obbligo di mascherina nei mezzi pubblici è possibile che questo obbligo si estenda anche a tutti i luoghi chiusi, come misura di protezione? “Sappiamo che serve, la gente ha imparato benissimo a metterla. Se la maggior parte delle persone fa la cosa giusta non è necessario l’obbligo. Così non è stato per i mezzi pubblici, ma rilevo che dal primo giorno in cui è in vigore l’obbligatorietà della mascherina questa decisione viene rispettata” annota Merlani. Che sull’estensione ai luoghi al chiuso non chiude la porta: “Non lo escludo, se la situazione dovesse peggiorare verranno prese altre decisioni”.

Sui treni e sui bus ci sono molti turisti in arrivo dalla Svizzera tedesca e dalla Svizzera romanda. Turisti che hanno una percezione diversa da quella che abbiamo in Ticino, avendo vissuto sulla nostra pelle la prima ondata. Come sensibilizzare maggiormente? Magari con una campagna nelle lingue nazionali su media o cartelloni? “Può essere certamente un’idea  - replica il medico cantonale -. La speranza è che passi il messaggio. Anche perché a oggi il Ticino non è il Cantone più colpito, abbiamo meno casi di zone dalle quali magari arrivano questi turisti. Speriamo davvero che valgano le parole della presidente del Consiglio nazionale Isabel Moret quando è venuta in visita a Bellinzona, e mi riferisco di quando ha chiesto scusa perché non è stato compreso subito il livello di emergenza che avevamo”.

Il Ps: 'Mascherine gratis sui mezzi di trasporto'

Sul tema mascherine il Partito socialista ha preso carta e penna e ha scritto una lettera aperta al Consiglio di Stato chiedendo di “promuovere fattivamente l’utilizzo attraverso due azioni mirate”. Nel concreto, “attraverso le aziende di trasporto regionali finanziate dal Cantone, incentivare un servizio pubblico attrattivo mettendo a disposizione di tutti i passeggeri l’uso gratuito della mascherina chirurgica. Prevedendo dei sistemi efficaci per indurre gli utenti a smaltire la stessa in maniera sicura e rispettosa dell’ambiente”. Non solo, il Ps chiede anche “di mettere a disposizione gratuitamente un numero congruo di mascherine igieniche ai beneficiari di assistenza, prestazioni complementari Avs e Ai e ai beneficiari di sussidi di cassa malati”.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Leggi anche:

Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved