covid-19-due-terzi-dei-nuovi-contagiati-ha-meno-di-30-anni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
20 min

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
1 ora

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
1 ora

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
1 ora

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
1 ora

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
1 ora

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
2 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
2 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
2 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
2 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
2 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
Locarnese
2 ore

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, annullata la cena di solidarietà pro bambini ucraini

All’evento organizzato dall’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto si è iscritto un numero insufficiente di persone
Ticino
3 ore

‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’

Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
laR
 
09.07.2020 - 20:23

Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni

Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Due terzi dei nuovi casi trovati positivi al coronavirus a partire dal 1° luglio sono giovani sotto i trent’anni, più della metà di questi casi ha fatto viaggi all’estero e c’è un aumento da parte della mobilità dei ragazzi”. Insomma, nelle parole che il medico cantonale Giorgio Merlani affida alla ‘Regione’ c’è la sintesi del perché oggi il Dipartimento della sanità e della socialità ha aumentato dal codice blu a quello arancione il grado d’allerta, innescando così un cambio di passo riguardo alla campagna informativa di prevenzione alla popolazione. 36 nuovi casi di Covid-19 negli ultimi dieci giorni (oggi 2) e 450 quarantene disposte che non sono solo numeri. “Passiamo dal blu all’arancione perché è la tendenza a preoccupare”, spiega Merlani. Ed è una tendenza “inserita in un contesto: se io avessi tutte le frontiere chiuse, i locali chiusi e una settimana come questa con meno di dieci casi al giorno dovrei parlare di codice blu e di allentamenti. Ma siamo in una situazione con frontiere aperte, con tante occasioni di incontro e mobilità delle persone. E quindi dobbiamo dire che il trend è preoccupante, da qui la decisione di spingere maggiormente sulla sensibilizzazione”. Perché oltre i numeri “è l’insieme che conta”. E “la miscela rischia di essere esplosiva”.

Per questo, colorata di arancione, la campagna ‘Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora.’ segue il motto di ‘Prudenza. Sempre’. Una campagna che, soprattutto riguardo ai giovani, per il medico cantonale ha un messaggio fondamentale che deve passare. “Il concetto deve essere quello della protezione, e i ragazzi devono capire che non si tratta solo della loro: se si contagiano nella stragrande maggioranza dei casi a quell’età il decorso è blando. Ma il virus lo portano a casa, dai genitori, dai nonni, dai propri cari, lo passano ai propri amici. E proteggere significa rendersi conto che a volte si può essere poco sintomatici o asintomatici del tutto, e quindi occorre far di tutto perché non si propaghi il coronavirus”. Ma non solo. L’auspicio di Merlani è che si comprenda come “se si usa responsabilità, si possono fare feste e divertirsi. Ma se non si rispettano le misure si rischia che il problema non sia solo una festa cancellata, bensì locali chiusi: qualcosa che tutti vogliamo evitare”. Giovani e casi acquisiti all’estero, insomma.

Vista la buona rispondenza riguardo l’obbligo di mascherina nei mezzi pubblici è possibile che questo obbligo si estenda anche a tutti i luoghi chiusi, come misura di protezione? “Sappiamo che serve, la gente ha imparato benissimo a metterla. Se la maggior parte delle persone fa la cosa giusta non è necessario l’obbligo. Così non è stato per i mezzi pubblici, ma rilevo che dal primo giorno in cui è in vigore l’obbligatorietà della mascherina questa decisione viene rispettata” annota Merlani. Che sull’estensione ai luoghi al chiuso non chiude la porta: “Non lo escludo, se la situazione dovesse peggiorare verranno prese altre decisioni”.

Sui treni e sui bus ci sono molti turisti in arrivo dalla Svizzera tedesca e dalla Svizzera romanda. Turisti che hanno una percezione diversa da quella che abbiamo in Ticino, avendo vissuto sulla nostra pelle la prima ondata. Come sensibilizzare maggiormente? Magari con una campagna nelle lingue nazionali su media o cartelloni? “Può essere certamente un’idea  - replica il medico cantonale -. La speranza è che passi il messaggio. Anche perché a oggi il Ticino non è il Cantone più colpito, abbiamo meno casi di zone dalle quali magari arrivano questi turisti. Speriamo davvero che valgano le parole della presidente del Consiglio nazionale Isabel Moret quando è venuta in visita a Bellinzona, e mi riferisco di quando ha chiesto scusa perché non è stato compreso subito il livello di emergenza che avevamo”.

Il Ps: 'Mascherine gratis sui mezzi di trasporto'

Sul tema mascherine il Partito socialista ha preso carta e penna e ha scritto una lettera aperta al Consiglio di Stato chiedendo di “promuovere fattivamente l’utilizzo attraverso due azioni mirate”. Nel concreto, “attraverso le aziende di trasporto regionali finanziate dal Cantone, incentivare un servizio pubblico attrattivo mettendo a disposizione di tutti i passeggeri l’uso gratuito della mascherina chirurgica. Prevedendo dei sistemi efficaci per indurre gli utenti a smaltire la stessa in maniera sicura e rispettosa dell’ambiente”. Non solo, il Ps chiede anche “di mettere a disposizione gratuitamente un numero congruo di mascherine igieniche ai beneficiari di assistenza, prestazioni complementari Avs e Ai e ai beneficiari di sussidi di cassa malati”.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Leggi anche:

Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved