gastroticino-vuole-ulteriori-allentamenti-nella-ristorazione
Nessun servizio perché non si possono rispettare i due metri (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
4 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
5 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
6 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
6 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
6 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
6 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
6 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
6 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
7 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
7 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
7 ore

‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate

Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
17.06.2020 - 06:00
Aggiornamento: 10:03

GastroTicino vuole ulteriori allentamenti nella ristorazione

Massimo Suter auspica che il Consiglio federale faccio un passo indietro sulla regola dei due metri di distanza così come sul divieto di consumare in piedi

L'associazione di categoria di bar e ristoranti chiede al Consiglio federale di fare un ulteriore passo indietro per quanto riguarda le restrizioni in ambito di distanza e orari negli esercizi pubblici. «Speriamo che già venerdì (quando si terrà la prossima seduta del governo, ndr) si possa ricevere notizie in tal senso», afferma a 'laRegione' Massimo Suter, presidente di GastroTicino. 

Lo scorso 29 aprile il Consiglio federale aveva deciso, un po' a sorpresa, che dall'11 maggio bar e ristoranti avrebbero potuto riaprire i battenti, rispettando alcune condizioni:  tra le principali vi sono quelle di garantire una distanza tra i tavoli di almeno due metri, il divieto di consumare in piedi e chiudere a mezzanotte. Regole che sono «assolutamente» state rispettate: «Dai controlli effettuati dalla polizia sono scaturiti solo casi bagatella. E questo è un motivo di soddisfazione per GastroTicino», rileva Suter, ringraziando tutti gli esercenti per il lavoro svolto. Inoltre, il rispetto delle misure di igiene accresciute e delle distanze generano anche «un senso di sicurezza nel cliente che va al ristorante, facendolo sentire tutelato». 

Resta il fatto che, stando a segnalazioni da noi raccolte, alcuni piccoli esercizi pubblici non hanno riaperto perché le condizioni imposte (in particolare quella concernente la distanza) non permettevano loro di riprendere l'attività. Pur non essendo direttamente a conoscenza di casi simili, Suter non li esclude: «A causa degli spazi interni limitati e della regola di consumare seduti alcuni potrebbero aver valutato di non riaprire». E questo soprattutto a causa «della discriminate relativa ai due metri di distanza». Tuttavia, in generale, «la stragrande maggioranza» di bar e ristoranti ha ripreso l'attività, anche se con «una capacità ridotta rispetto a prima. Riduzione che in alcuni casi ha raggiunto la quota del 60%».

Ma vi è una differenza tra un piccolo esercente che non ha effettivamente potuto riaprire e uno che ha deciso di non riprendere l'attività, ritenendo che non ne valesse la pena? Per beneficiare degli aiuti da parte dello Stato, come le indennità per il lavoro ridotto, «bisogna essere in grado di dimostrare che la non-riapertura sia dovuta principalmente alla crisi del coronavirus» e alle conseguenti restrizioni imposte dalle autorità. I differenti casi vengono quindi «valutati dall'ente competente». Per far sì che non si arrivi a tanto, GastroTicino chiede innanzitutto all'esecutivo federale di allentare le norme relative alla distanza. «In diverse situazioni della nostra quotidianità (come sui mezzi pubblici) la distanza di due metri non è più richiesta», precisa Suter. «Mi chiedo quindi perché nella ristorazione bisogna ancora rispettare questa regola».

Nemmeno la chiusura a mezzanotte di tutti gli esercizi pubblici «non ha più ragione di esistere»: nei Paesi confinanti con la Svizzera, bar e ristoranti «hanno ricominciato a lavorare, chiudendo anche oltre la mezzanotte. Non capisco quindi perché il popolo svizzero, così come il turista che visita il nostro Paese, debbano essere discriminati in tal modo. Non capisco nemmeno perché non si possa consumare cibi e bevande in piedi al bancone o durante uno ‘standing dinner’, visto che durante manifestazioni private o fuori da un esercizio pubblico ciò succede quotidianamente». Il presidente di GastroTicino mira dunque a «ottenere una parità di trattamento per la ristorazione».

Rivendicazioni indirizzate al governo federale, con cui l'associazione di categoria è in costante contatto. Vi è però ancora incertezza sulla strada che intendono percorrere le autorità: «Notiamo comprensione da parte di alcuni consiglieri federali, mentre altri non vedono ancora la necessità di compiere questi passi», precisa Suter. Novità in questo senso potrebbero già emergere dalla prossima seduta del Cosnifglio federale in programma venerdì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved