contro-i-reati-nel-lavoro-inquirenti-ad-hoc-si-no
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
1 ora

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
2 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
2 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
2 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
3 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
3 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
3 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
4 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
4 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
5 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
5 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
08.06.2020 - 20:41
Aggiornamento: 23:57

Contro i reati nel lavoro inquirenti ad hoc? 'Sì', 'No'

Una sezione di pp specializzati al Ministero pubblico, divisa la commissione parlamentare. Firmati i rapporti: la maggioranza non la ritiene necessaria

Per la maggioranza della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ - relatore Giorgio Galusero (Plr) - “non è necessario istituire nuove sezioni in seno al Ministero pubblico e alla Polizia cantonale” per combattere le infrazioni nel mondo del lavoro. La minoranza - relatore Fiorenzo Dadò (Ppd) - considera invece il passo necessario per contrastare “con maggiore competenza e incisività" gli illeciti nel settore. Due, dunque, i rapporti che approderanno prossimamente ai banchi del Gran Consiglio sulla mozione inoltrata nel 2017 con cui i deputati popolari democratici Giorgio Fonio e Lorenzo Jelmini sollecitano l’istituzione di “una sezione del lavoro” perlomeno in Procura, ovvero di un gruppo di magistrati specializzati nel perseguimento dei reati legati al lavoro. Le firme nella seduta di stamane. Che ha visto la maggioranza aderire al rapporto stilato da Galusero, il quale invita il plenum a respingere l’atto parlamentare. A sostegno del documento elaborato da Dadò, il Ppd e il Partito socialista, che propongono al Gran Consiglio di accogliere la proposta Fonio/Jelmini.

Infrazioni legale al lavoro: 35 procedimenti penali in 5 anni

Durante l’esame dell’atto parlamentare la commissione, si segnala in entrambi i rapporti, ha sentito fra gli altri i sindacalisti Enrico Borelli (Unia) e Paolo Locatelli (Ocst), favorevoli alla proposta. Nonché il procuratore generale Andrea Pagani. Nel corso dell’audizione, avvenuta lo scorso novembre, Pagani, si ricorda nel rapporto di maggioranza, ha attribuito “tutti i casi di usura ed estorsione che toccano il mondo del lavoro” alla sezione di procuratori pubblici che già si occupa dei procedimenti penali riguardanti i reati finanziari ed economici: “Questa nuova impostazione si sta rivelando positiva nell’istruzione dei casi e non si riscontrano più ritardi”. Secondo il responsabile del Ministero pubblico ticinese, annota ancora Galusero, “non esiste inoltre la massa critica per giustificare la creazione di una nuova sezione: infatti negli ultimi cinque anni sono stati istruiti complessivamente trentacinque procedimenti penali per infrazioni legate al campo del lavoro, da gennaio a ottobre 2019 i casi sono stati addirittura solo tre”. Nel rapporto di maggioranza si giudica peraltro "importante" la figura voluta dal Dipartimento istituzioni e introdotta di recente nell’ambito del settore dei fallimenti, quella del ’Perito contabile’, chiamato a coadiuvare la Procura nell’allestimento degli incarti su crac sospetti. Una figura che "renderà la lotta contro i fallimenti fraudolenti o ’pilotati’ più incisiva”. Dalla magistratura inquirente alla polizia. In linea con la posizione del Consiglio di Stato sulla mozione di Fonio e Jelmini, Galusero ritiene che la Polizia cantonale e in particolare la Gendarmeria si siano dotate di un’organizzazione, alla quale partecipano anche le polizie comunali, che consente già alle forze dell’ordine “di lottare attivamente contro il lavoro nero, le assenze di autorizzazioni” e altre attività illegali. Galusero (da oggi secondo vicepresidente della ’Giustizia e diritti', dopo il rinnovo dei vertici per i prossimi dodici mesi: presidente il popolare democratico Luca Pagani, primo vice la leghista Sabrina Aldi, indica una nota della commissione) cita ad esempio la Teseu, la sezione di investigatori della Cantonale impegnata nel perseguimento della tratta e dello sfruttamento di esseri umani, e quindi in inchieste “per usura, estorsione, truffa, infrazione della legge sull’assicurazione contro la disoccupazione e di quella sugli stranieri” ecc.. Se la richiesta di un gruppo di agenti specializzati all’interno della Polcantonale viene considerata dalla minoranza nel frattempo "evasa", non altrettanto si può dire per quel che concerne il Ministero pubblico. “La cronaca degli scorsi mesi - scrive Dadò - ha dimostrato come il mercato del lavoro in Ticino sia davvero sotto pressione anche a causa della presenza di soggetti che vi apportano distorsioni e che vi sia la necessità della creazione di una sezione del lavoro in magistratura”. Quest'ultima “necessita di strumenti e risorse sempre maggiori per combattere tutti coloro che pensano che nel nostro Paese si possa eludere le regole del mercato del lavoro senza poi pagarne realmente le conseguenze”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved