laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora
Grigioni, oltre un centinaio di persone in quarantena
Diversi gli episodi che hanno portato alle misure, tra cui un bimbo positivo in un campo vacanza
Ticino
7 ore
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
7 ore
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
7 ore
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
7 ore
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Mendrisiotto
17 ore
Padre violento condannato. Ma 'chi sapeva non ha parlato’
Il giudice Amos Pagnamenta auspica che la posizione dei docenti informati sui maltrattamenti venga approfondita
Ticino
18 ore
Col lockdown più tele e meno radio. Radio3iii supera Rete Tre
L'assenza degli spostamenti in auto ha fatto calare il pubblico radiofonico. Vanetti, RadioTicino: 'Nel post pandemia impennata di pubblico'
Ticino
19 ore
Tutti i radar di settimana prossima
Spoiler: nelle valli dell'Alto Ticino, l'unico controllo sarà ad Airolo.
Mendrisiotto
19 ore
Al m.a.x. museo di sera. Lo spazio apre fuori orario
Da vedere a Chiasso la mostra dedicata ad Alberto Giacometti. Trieste invece ospita l'esposizione su Dudovich
Luganese
19 ore
'Una grande opportunità per la Val Mara'
I sindaci di Maroggia e Rovio sulla campagna per l'aggregazione nel Basso Ceresio: occhio al sito web
Mendrisiotto
20 ore
‘Ha ignobilmente infierito su moglie e figli’, 8 anni di carcere
Condannato il siriano a processo per tentato omicidio. Tre i casi riconosciuti dalla Corte delle Assise criminali
Ticino
21 ore
I derby di hockey tornano alla Rsi
La radiotelevisione pubblica trasmetterà le partite tra Hcap e Hcl per i prossimi due anni
Ticino
21 ore
Cliniche e ospedali attendono ancora il lavoro ridotto
L'allarme è stato lanciato dall'Associazione delle cliniche private ticinese. Senza copertura pubblica, si rischiano licenziamenti
Grigioni
21 ore
Ferrovia, riappare il miraggio della ‘Porta Alpina’
Anche l'investitore egiziano Samih Sawiris vorrebbe l'immediata costruzione della stazione sotterranea nel tunnel di base del San Gottardo
Ticino
21 ore
Si rinnovano anche le amministrazioni patriziali
In concomitanza con le elezioni comunali, domenica 18 aprile 2021 si terranno anche quelle dei patriziati
Ticino
22 ore
Oltre 14 milioni per la riqualifica dei corsi d'acqua
È l'ammontare totale dei crediti chiesti dal Consiglio di Stato al Gran Consiglio per opera da realizzare entro i prossimi cinque anni
Bellinzonese
22 ore
Bellinzona, 'incompleta la lista dei mandati diretti'
Con un'interpellanza bis, il Ppd esprime insoddisfazione e chiede che il documento pubblicato sul sito online della Città venga completato
Locarnese
23 ore
Gordola, la Protezione animali posticipa l'assemblea
Impossibile organizzare la seduta a causa dell'emergenza Covid-19. Una data sostitutiva verrà comunicata più in là
Bellinzonese
23 ore
Mercato con prodotti dell'alpe sul passo del Lucomagno
L'evento, organizzato dall'associazione intercantonale Alpinavera, avrà luogo domenica 12 luglio dalle 10 alle 16
Locarnese
23 ore
Brione s/Minusio, un aiuto ai commerci locali
Dal Comune un buono in omaggio ai cittadini. Sarà da impiegare in negozi e ristoranti del paese
Locarnese
23 ore
Gordola, chi ha aiutato Donis Aurèle? La polizia cerca testimoni
Il giovane ginevrino del quale si sono perse le tracce dai primi di luglio si era già perso in quella zona qualche giorno prima
Bellinzonese
1 gior
Nuova linea elettrica in Leventina, c'è chi dice no
Costituita un'associazione contraria al passaggio del futuro elettrodotto dal bosco di Nante. Il gruppo ipotizza delle opposizioni al progetto da 82 milioni di franchi
Mendrisiotto
1 gior
Morbio Inferiore dice 'grazie' ai suoi volontari
Hanno assicurato un aiuto prezioso durante l'emergenza sanitaria da Covid-19, aiutando persone vulnerabili e'over 65'
Luganese
1 gior
Lugano, la Traversata si farà ma solo per 260 partecipanti
La nuotata popolare a prova di Covid, con partenze scaglionate e distanza di sicurezza. Percorso sempre di 2500 metri, ma a giro di boa
Locarnese
1 gior
Alla rotonda di Locarno da questo pomeriggio ci sono i dinosauri
Apre alle 15 il 'Dinosaur Park', il parco giurassico più grande della Svizzera, con dinosauri in scala reale. Sarà visitabile sino al 20 settembre
Mendrisiotto
1 gior
‘Ha picchiato moglie e figli ma non voleva ucciderli’
Nel processo contro il 48enne siriano, la difesa chiede il proscioglimento dal tentato omicidio e una condanna di massimo 5 anni
Collina d'Oro
1 gior
Presentata opposizione contro l'antenna 5G
Presso il campo sportivo Campari: è firmata da 36 cittadini
Luganese
1 gior
Quattro arresti per traffico di cocaina
Sono finiti in manette tre stranieri e un 75enne cittadino svizzero, smerciate centinaia di grammi di'neve'
Arogno
1 gior
Perdita di diesel sulla strada della Val Mara
Causata da un furgone, sono intervenuti i Pompieri di Melide ripulendo anche un tratto in Italia
Ticino
1 gior
Due nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Nelle ultime 24 ore il totale delle persone testate positive è salito a 3'367. Ieri il cantone aveva alzato il grado di allerta da blu ad arancione.
Ticino
1 gior
Scattano i controlli di polizia contro i motori molesti
Molte segnalazioni: via ai controlli per scovare auto e moto eccessivamente rumorose, soprattutto perché modificate illegalmente
Ticino
25.05.2020 - 20:180
Aggiornamento : 23:26

Il parlamento torna a riunirsi ed escono le prime ricette

I partiti si confrontano su come affrontare la crisi post coronavirus. E il Consiglio di Stato traccia il bilancio di questi mesi: 'Adesso non roviniamo tutto'

“La democrazia non è stata intaccata o andata in letargo, si è adattata a una soluzione senza precedenti”. Così, a due mesi dall’ultima seduta, il presidente del Gran Consiglio Claudio Franscella ha inaugurato oggi la sessione del Legislativo al Palazzo dei Congressi di Lugano. Un rientro “alla piena attività” da parte di un parlamento che, a causa della pandemia di coronavirus, “ha dovuto procedere con ritmi inusuali, rispettando la situazione sanitaria che è stata molto critica”. Un periodo nel quale “la collaborazione tra Consiglio di Stato, Stato maggiore cantonale di condotta, medico cantonale e Gran Consiglio è stata costante, e ci ha permesso di svolgere il nostro compito di stare a contatto e di vigilanza dell’Esecutivo”.

Mesi che “hanno portato dolore e sofferenza nelle nostre famiglie, a loro va il nostro conforto e sostegno morale” ha aggiunto. Con un pensiero particolare “ai concittadini che non ce l’hanno fatta, dedichiamo a loro questa seduta parlamentare”. E non sono mancate, comunque, alcune seppur velate tirate d’orecchie: “Il parlamento tornato pienamente operativo - ha detto Franscella - deve in questa fase poter riprendere in mano senza vincoli o restrizioni tutte le sue competenze per ridare valore e responsabilità a tutte le sue procedure demoratiche”. Il riferimento, va da sé, è alla richiesta governativa di proroga dello Stato di necessità. E in ottica futura, l’augurio di Franscella è che “l’esperienza sia di insegnamento, e che lo Stato di diritto e i rapporti tra livelli istituzionali vengano salvaguardati ancor di più pure in uno Stato di necessità, o di grave calamità”. Infine, al presidente del parlamento che domani lascerà la carica al primo vicepresidente Daniele Caverzasio, un ringraziamento è andato allo Stato maggiore cantonale di condotta e al medico cantonale Giorgio Merlani “per il forte senso di responsabilità e coraggio mostrati in una situazione senza precedenti. Essere al timone senza rete di protezione, non è stata impresa facile”.

Il Plr punta su formazione e innovazione, la Lega sulla priorità ai residenti

Atteso perché Consiglio di Stato e Gran Consiglio potessero finalmente stilare un bilancio di questo periodo, il dibattito-fiume (chiusosi ben oltre le 23) ha visto i partiti affilare le armi e mettere sulla scacchiera le prime pedine in vista delle importanti decisioni in merito alla ripartenza economica. Per la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella occorre “alimentare incessantemente valori fondamentali come libertà e responsabilità, perché lo Stato non può sostituirsi all’impegno di cittadini, aziende, associazioni che costituiscono il vero motore della Svizzera”. Concretamente, serve investire “in posti di apprendistato e nella qualifica professionale, soprattutto in ambito sanitario”. Senza dimenticare che “per rilanciare il commercio sarà fondamentale la flessibilità degli orari e spendere nel nostro territorio”. Evitando di “gettare milioni di franchi ad annaffiatoio, sarebbe insostenibile e creerebbe una voragine nel debito pubblico”. Il leghista Boris Bignasca sostiene l’operato del governo, “ma errori, discrepanze e lezioni apprese ce ne sono: abbiamo sottovalutato quanto successo in Lombardia all’inizio, abbiamo fatto finire il Rabadan, tenuto aperte le scuole, organizzato eventi…”. In più, “dipendere da lavoratori oltreconfine si è dimostrato un grave svantaggio, ci aspettiamo contromisure per diminuire la percentuale di frontalieri in ruoli chiave a favore di persone residenti: non si deve mai più dire che se l’Italia toglie infermieri non possiamo curare i nostri malati”.

Il Ppd: 'Non lesinare ricorse all'economia'. Il Ps: 'Il risanamento non avvenga con tagli sociali'

Un forte richiamo in vista del futuro arriva dal capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni: “Gli esperti devono dare tutti gli elementi per decidere, ma la decisione finale spetta alla politica”. Una politica che “deve lavorare per la formazione di personale indigeno nel settore sociosanitario, l’esperienza di questi mesi ha reso evidente la necessità di un cambiamento”. Tra le priorità popolari democratiche “il sostegno agli indipendenti, al mondo della ristorazione, alle piccole e medie imprese e al settore vitivinicolo”. E in merito al deficit previsto di oltre 300 milioni di franchi, “nel breve e medio periodo andrà creato un equilibrio finanziario che permetta di ricreare una riserva, ma ciò non significa che si debbano lesinare risorse per un’economia che sta andando incontro a un pericolo di difficoltà”.

A sostegno di “sforzi per formare personale residente nel settore sanitario” anche il capogruppo del Ps Ivo Durisch, che pone l’accento però anche “sui piccoli artigiani, gli indipendenti e su tutte le fasce più fragili della popolazione”. Vanno aiutati “perché le disuguaglianze rischiano di ampliarsi”. E mette le mani avanti: “Il risanamento delle finanze non dovrà passare da altri tagli a servizi e nel sociale”. Da questa crisi per Durisch “dobbiamo imparare che non dobbiamo lasciare indietro nessuno, e rimettere al centro il valore sociale del lavoro: al primo posto deve esserci la persona, non il profitto”.

Sono cinque le cose che per Sergio Morisoli, capogruppo dell’Udc, “non bisogna assolutamente fare”. Vale a dire “impedire la selezione economica tenendo in vita artificiale attività bollite e ditte stracotte; stravolgere la rete di aiuti sociali svizzeri con invenzioni comuniste come il reddito di residenza; sprecare aiuti finanziari, sussidi e finanziamenti, cioè i soldi degli altri; abbandonare l’equilibrio finanziario accumulando deficit; allargare l’intromissione dello Stato e della burocrazia nelle decisioni imprenditoriali private”.

Guarda al futuro anche il capogruppo dei Verdi Nicola Schönenberger, secondo cui “questa pandemia è una tragedia umana, sociale ed economica: nessuno l’avrebbe voluta. Ma ora che c’è, sarebbe irresponsabile non trasformarla in opportunità, sfruttando i cambiamenti strutturali in atto per costruire un sistema più resiliente, sostenibile e con più attenzione verso i cambiamenti climatici e l’ambiente”.

Le cannonate all’operato del Consiglio di Stato in questi mesi di emergenza arrivano dall’estrema sinistra. Angelica Lepori Sergi (Mps) rileva come “nella narrazione dominante il governo è stato eroico nel gestire l’emergenza, ma in realtà proprio impeccabile tale percorso non lo è stato. La decisione di non annullare il Rabadan resta grave, e lo stop alle visite nelle case anziani è arrivato troppo in ritardo. Fin dall’inizio la preoccupazione principale del governo è stata di non abbandonare gli imprenditori ticinesi”.

Toni forti anche dal deputato del Partito comunista Massimiliano Ay, secondo cui “non abbiamo bisogno di eroi ma di lavoratori valorizzati nei loro diritti. È indecente che in alcuni cantieri durante il ‘lockdown’ siano dovuti intervenire polizia e sindacati, il padronato ha tentato di sabotare le misure per difendere la popolazione e i salariati per il suo profitto”.

Tamara Merlo (Più donne) nota dal canto suo che “bisogna formare personale sociosanitario e ripartire dalle donne, dalle mamme che spesso sono a capo di una famiglia monoparentale con un salario inferiore a quello degli uomini”.

Il bilancio del Consiglio di Stato

Prima del dibattito, ogni consigliere di Stato ha aggiornato il Gran Consiglio su quanto fatto dal proprio dipartimento durante l’emergenza. “Ciò che finora abbiamo letto nei libri, visto nei film o osservato da lontano è successo qui, da noi” ha esordito il presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Una “crisi nuova che ha imposto una nuova normalità che ha portato a 146 risoluzioni governative”. E sullo Stato di necessità, oggetto di un’iniziativa parlamentare dell’Udc che chiede come il suo rinnovo venga avallato dal parlamento, Gobbi ha affermato: “Non è un assegno in bianco. Ci ha permesso di fare molto e in breve tempo”. E perché prolungarlo, usciti dalla fase acuta? “Per garantire libertà di manovra al governo in caso di repentini cambiamenti della situazione epidemiologica”.

Netto è l’avvertimento giunto dal direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa: “Siamo fase convivenza con virus, una situazione ancora più difficile della prima fase. Si rischia di sacrificare sulla griglia di qualche costinata quanto fatto nella fase acuta”. Dove “abbiamo imparato giorno dopo giorno a conoscere il virus, e dove tutti i malati hanno ricevuto le cure di cui avevano bisogno, con il rimodellamento dell’assetto ospedaliero con due strutture dedicate esclusivamente ai pazienti Covid-19”. Settimane “intense e forti”, che hanno mostrato qualche ombra come “l’eccessiva dipendenza dall’estero in alcuni settori strategici sanitari, paradossalmente nella patria dell’industria farmaceutica”. E che hanno portato lutti. Tanti lutti. Da De Rosa “un pensiero di vicinanza a tutti coloro che hanno sofferto e soffrono”.

Volge lo sguardo indietro il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, notando come “l’ottenimento dell’ultima finestra di crisi da Berna è stato fondamentale per permettere il superamento della fase acuta, permettendo ai nostri cittadini e aziende di beneficiare di aiuti federali tenendo conto della situazione nel nostro cantone”. Ricette precise per il futuro ancora non ce ne sono. Ciò che è sicuro è che sarà un futuro a tinte nere, nerissime. “Le prime previsioni in Ticino parlano di un calo del Pil pari al 5,2% per il 2020”.

Protagonista del dibattito nelle scorse settimane è stato anche il Dipartimento educazione, cultura e sport il cui direttore Manuele Bertoli, sulla riapertura o meno delle scuole, si è tolto un sassolino dalla scarpa: “Il sistema, di base, è funzionante e operativo. Solo con cause di forza maggiore si ferma. Quando questa forza maggiore non sussiste più, si ricomincia”. E la scuola “ha reagito bene, pur sapendo che gli allievi a casa vivono in contesti diversi. L’insegnamento a distanza ha mostrato buona capacità del corpo docente di adattarsi e di mettere in campo nuove idee”. In vista di settembre gli scenari sono tre: scuola in presenza, una soluzione ibrida e il ritorno dell’insegnamento a distanza. E sul mondo culturale - settore toccato molto dalla pandemia - Bertoli afferma che “soffrirà anche in futuro in maniera importante, e avrà bisogno di politiche di accompagnamento particolari”.

A prendere la parola anche il capo dello Stato maggiore cantonale di condotta Matteo Cocchi, che ha illustrato con una relazione tecnica il funzionamento del gruppo in questi mesi, e il medico cantonale Giorgio Merlani. Quest’ultimo ha avvisato: “Nell’ultimo fine settimana la mobilità è aumentata di molto rispetto a prima: il virus non aspetta altro”.

© Regiopress, All rights reserved