trasporto-pubblico-il-credito-da-461-milioni-sale-in-carrozza
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
8 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
8 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
8 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
9 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
10 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
10 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
10 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
11 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
11 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
11 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
12 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
12.05.2020 - 20:20
Aggiornamento: 21:24

Trasporto pubblico, il credito da 461 milioni sale in carrozza

Via libera dalla Gestione. Saranno potenziati i collegamenti col Nord delle Alpi e le tratte Tilo. Caverzasio (Lega): 'Investiamo per il futuro'

Oltre 460 milioni di franchi. 461,4 per la precisione. È una cifra ‘monstre’ quella del credito quadro per il finanziamento dell’offerta di trasporto pubblico per il quadriennio 2020-2023 che ha avuto, oggi, il via libera della Commissione parlamentare della Gestione. 355,6 milioni saranno a carico del Cantone e 105,8 a carico dei Comuni: una spinta se non per una rivoluzione, quasi. A partire dal mese di dicembre di quest’anno il Ticino, per gran parte della giornata, avrà un collegamento ogni 30 minuti con il Nord delle Alpi, senza dimenticare come la nuova galleria di base del Monte Ceneri garantirà, grazie alla nuova rete Tilo, di accorciare a 15 minuti il tempo di percorrenza tra Lugano e Bellinzona e di poter impiegare 30 minuti tra Lugano e Locarno senza dover cambiare a Giubiasco. Molto cambierà e verrà implementato anche a livello di trasporto locale, linee regionali e urbane comprese.

Caverzasio (Lega): 'Siamo sicuri che per le nuove assunzioni le aziende di trasporto daranno priorità ai residenti'

“È una tappa importante per il potenziamento del servizio e che confidiamo serva a favorire la mobilità dolce diminuendo così il traffico”, afferma alla ‘Regione’ il correlatore del rapporto e presidente della Gestione Daniele Caverzasio (Lega). Che non manca di rilevare come “è chiaro che in questo momento siamo confrontati con un allarme sanitario che ha un forte impatto sui comportamenti di ognuno di noi, e questo si ripercuote sull’utilizzo dei mezzi pubblici”. Con questo messaggio, prosegue Caverzasio, “investiamo per il futuro, in attesa di una normalità che speriamo arrivi presto”. E si prova a essere ottimisti, a cercare la luce in fondo al tunnel: “Sì, è da notare che in un periodo difficile verranno anche creati diversi nuovi posti di lavoro, siamo sicuri che le aziende di trasporto, le quali svolgono un servizio pubblico, sapranno dare priorità ai residenti”, conclude il presidente della Gestione.

Un trasporto pubblico concorrenziale per 'migliorare viabilità e vivibilità'

Nel rapporto commissionale redatto (oltreché da Caverzasio) da Nicola Pini (Plr), Maurizio Agustoni (Ppd) e Anna Biscossa (Ps) si legge come “siamo di fronte a un cambiamento epocale con un aumento di prestazioni di oltre il 50 per cento a fronte di una maggior spesa di una trentina di milioni l’anno per le casse cantonali”. Un cambiamento epocale, per il trasporto pubblico, “che diventando ancora più concorrenziale, si spera possa ulteriormente contribuire a migliorare viabilità e vivibilità del nostro territorio: i trasporti pubblici costituiscono infatti un elemento importante per la gestione complessiva della mobilità, concorrono a migliorare l’attrattività del nostro territorio e contribuiscono a garantire un’elevata qualità di vita”.

Se il coronavirus cambierà le abitudini su telelavoro e spostamenti, 'si aggiusterà il tiro'

Un credito quadro, quello approvato ieri, che arriva in un momento drammatico a causa della pandemia di Covid-19. Un momento, però, si continua a leggere nel rapporto, nel quale il sostegno della Commissione della gestione “sostiene con convinzione” il credito quadro “nonostante lo stato di difficoltà cui ci troviamo a seguito della diffusione del coronavirus sul nostro territorio”. Perché “per quanto lunga e difficile possa essere l’emergenza sanitaria, si confida che questa prima o poi sarà risolta”. E la mobilità “potrà essere un fattore di competitività importante per il rilancio di tutto il Ticino”. Ma non solo. Caverzasio, Pini, Agustoni e Biscossa infatti scrivono che “se questo periodo dovesse generare grandi cambiamenti nelle abitudini e nelle condizioni di lavoro - si pensi alla generalizzazione del telelavoro o alla riduzione degli spostamenti, così come alla paura della condivisione con un ritorno al traffico individuale motorizzato - vi sarà il tempo per assorbirli e aggiustare il tiro”. E concludono: “In merito a eventuali timori legati alla salute e alla condivisione del mezzo di trasporto, si rileva inoltre come a maggior ragione occorre il potenziamento che mette a disposizioni capacità supplementari”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved