riapertura-dei-ristoranti-cantone-colto-di-sorpresa
Vitta e Gobbi (Ti-Press/Crinari)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
9 min

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
9 min

Delitto di Muralto, si va in appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
21 min

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
22 min

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
30 min

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
33 min

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
37 min

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
56 min

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
1 ora

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
2 ore

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
Bellinzonese
2 ore

Natale in Città, calo dei visitatori ma record di pattinatori

Un’edizione caratterizzata da adattamenti logistici implementati a causa del repentino evolversi della situazione sanitaria
Luganese
3 ore

Associazione sportiva Cademario: i numeri della lotteria

Per il ritiro dei premi telefonare allo 079 785 72 10 (Zanotti) oppure inviare una e-mail a: info@ascademario.ch
Mendrisiotto
3 ore

Giorno per giorno le celebrazioni per il Beato Manfredo

Dal 23 al 30 gennaio nella ricorrenza della festa e dell’esposizione dell’urna all’altare di San Giuseppe a Riva San Vitale
Mendrisiotto
4 ore

Presenza costante dell’Associazione Progetto Genitori

In agenda martedì 25 gennaio via Zoom il WebAtelier che tratterà il tema “0-3 anni ci piace giocare da soli”
Mendrisiotto
4 ore

La Biblioteca comunale di Breggia e i suoi 4’000 titoli

Cambio di orario e la possibilità della consegna a domicilio. Proposte per i più piccoli e una tessera fedeltà per dieci libri.
06.05.2020 - 16:590
Aggiornamento : 19:47

Riapertura dei ristoranti: 'Cantone colto di sorpresa'

Per il Ticino la mancanza di una base legale fino a venerdì mette in difficoltà l'autorità. 'Niente più misure speciali per gli over 65'

La riapertura, il prossimo 11 maggio, dei ristoranti «è stata un'accelerazione da parte del Consiglio federale che ci ha colti sorpresa». A dirlo è il nuovo presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi durante l'incontro informativo di oggi. «Era in agenda per giugno, e si sarebbe dovuta attuare anche alla luce di quanto succederà» con le prime riaperture dopo il lockdown. «Invece a Berna si è deciso altrimenti, e a cinque giorni dalla scadenza, non vi è ancora una base legale chiara su cui lavorare: l'aggiornamento dell'ordinanza relativa alla ristorazione è infatti previsto solo questo venerdì, ovvero tre giorni prima». E con un fine settimana in mezzo. Difficile quindi per lo Stato maggiore cantonale riuscire a dare indicazioni chiare ai ristoratori. «Dovremo confidare sull'aiuto, sulla disciplina e sulla correttezza degli esercenti», ha chiosato Gobbi, non senza far rimarcare come il Cantone abbia segnalato alla Confederazione le difficoltà innescate dall'accelerazione su questo punto.

Le restrizioni dovrebbero ricalcare quanto previsto dal piano di protezione presentato ieri dal settore elvetico della gastronomia. Il condizionale è comunque d'obbligo, visto – appunto – che al momento Berna non ha ancora dato certezze. «È prevista al massimo la presenza di quattro persone per tavolo, eccezion fatta per i nuclei famigliari più numerosi – ha indicato Elia Arrigoni, responsabile dei servizi generali della Polizia cantonale –. Fondamentale sarà comunque distanziamento sociale, tra persone non appartenenti al proprio gruppo, tra clienti e dipendenti e nei loghi comuni, come i bagni. Se ciò non è possibile, allora sarà necessario prevedere dei divisori oppure utilizzare mascherine, da sostituire anche ogni quattro ore.  Si dovrà inoltre fornire i propri dati personali all'esercente: nome, cognome, numero di telefono. Dettagli che saranno conservati 14 giorni all'unico scopo di poter garantire un contact tracing qualora si riscontrino casi positivi di Covid-19». 

«I ristoranti sono luoghi di aggregazione per noi ticinesi – ha aggiunto Gobbi –. Bisognerà ora capire come questi luoghi sapranno gestire questa nuova normalità. Sarà da vedere come la clientela reagirà di fronte alle restrizioni che verranno imposte dalla nuova ordinanza».

Cadono le limitazioni sugli over 65

Da lunedì intanto c'è una certezza per i ticinesi  over 65, che potranno recarsi a fare la spesa normalmente e potranno anche «andare al ristorante». Il Consiglio di Stato – ha rilevato Gobbi – non ha infatti intenzione di rinnovare le disposizioni a loro dedicate. «Dovranno ovviamente rispettare tutte le restrizioni: al bar e al ristornate le quattro persone devono essere quattro persone e non di più».

Il passaggio di consegne tra Vitta e Gobbi

Ieri è stato anche il momento per ufficializzare il passaggio di consegne tra Christian Vitta e Gobbi dopo che il mandato del primo quale presidente del governo cantonale era stato esteso di un mese proprio a causa della pandemia. «Quando na ho assunto la presidenza del governo, potevamo contare su finanze pubbliche più solide degli anni precedenti e il Consiglio di Stato cominciava a lavorare su dei progetti. Poi però - ha rilevato Vitta alludendo all’arrivo della pandemia – le priorità sono cambiate e si è cominciato a pensare all’emergenza sanitaria e quindi a come proteggere la popolazione». È stata una presidenza «particolare, ma è stato anche un periodo in cui abbiamo sentito la vicinanza dei cittadini, che ringrazio per l’affetto che hanno dimostrato per questo cantone». Vitta ha quindi ringraziato, «per il supporto che mi hanno assicurato», i collaboratori personali, i funzionari «che sono stati al fronte», lo Stato maggiore cantonale di condotta, «tutto» il sistema sanitario e «i giornalisti per aver garantito l'informazione in un periodo veramente difficile». In governo «abbiamo raggiunto un attimo spirito di squadra, prendendo anche decisioni senza una rete di protezione». Ma bisogna decidere. «Ci siamo scoperti una comunità solidale e unità».

Dal canto suo il nuovo presidente ha osservato come «tra gli aspetti dolorosi di questo periodo vi è, per i famigliari delle vittime della pandemia, il non poter dare l’ultimo saluto ai propri cari». Un periodo «che ci ha permesso di apprendere degli insegnamenti, e apprezzare anche alcune cose, come il sistema federale, incentrato su Confederazione, Cantoni e Comuni». Non solo. «Abbiamo pure apprezzato il senso di responsabilità dimostrato dalla comunità ticinese, con il rispetto delle distanze sociali e delle accresciute misure sanitarie».  Ora si tratta di ripartire. Di ripartire economicamente. Vivendo, ha tenuto a sottolineare Gobbi, «una normalità diversa, nuova: bisogna quindi continuare a osservare distanze e norme igieniche, per evitare assolutamente di tornare a una situazione di emergenza». Ringraziando fra gli altri lo Stato maggiore di condotta per il lavoro fatto, il neopresidente del Consiglio di Stato ha concluso con un motto, che riassume più concetti: «Distanti, ripartiremo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved