inquinamento-luminoso-una-rete-di-monitoraggio
Nel 2010 è stata creata una rete di rilevamento (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
1 ora

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
1 ora

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
1 ora

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
1 ora

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
2 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
2 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
2 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
2 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
2 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
3 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
3 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
20.04.2020 - 23:14

Inquinamento luminoso, una rete di monitoraggio

Il Consiglio di Stato: molto si sta facendo, ma ci sono puntuali situazioni ancora insoddisfacenti

Nel 2010 è stata creata una rete di rilevamento "che consente di misurare in continuo la brillanza del cielo notturno": una rete di monitoraggio che attualmente annovera "13 stazioni di misura" distribuite su tutto il territorio ticinese: le informazioni sono disponibili su internet e mostrano "come in alcuni punti del cantone l'inquinamento luminoso prodotto in loco sia comunque predominante". Le emissioni luminose prodotte dai centri urbani ticinesi "hanno un impatto nel raggio di circa 20-30 chilometri e nemmeno i luoghi più discosti del cantone presentano un cielo imperturbato". È quanto afferma il Consiglio di Stato rispondendo a un'interrogazione di Sara Imelli per il gruppo Ppd e Generazione giovani sulla situazione in Ticino dell'inquinamento provocato da luci artificiali.

"A scopo preventivo - scrive il governo - si è cercato in questi anni di sensibilizzare la popolazione e chi opera nel settore illuminazione sull'adozione di alcuni semplici accorgimenti tecnici volti a limitare l'illuminazione artificiale degli ambienti esterni". Sul sito internet del Cantone "sono indicate alcune raccomandazioni e buone pratiche da seguire per cercare di ridurre nella misura massima possibile l'inquinamento luminoso".  Da parte sua, prosegue il Consiglio di Stato, "il Cantone, nell'ambito delle procedure edilizie e dei progetti stradali, fa in modo che tutti i servizi cantonali interessati alla tematica legata all'inquinamento luminoso siano consultati". Per cui nell'avviso cantonale "vengono imposte tutte le necessarie condizioni atte a limitare preventivamente questo tipo di inquinamento".  Per le installazioni cantonali, osserva sempre il governo, "parecchio è già stato fatto, ma puntualmente vi sono  anche delle situazioni insoddisfacenti, per le quali si dovrà ancora intervenire". In particolare l'Esecutivo segnala "l'utilizzo sempre più diffuso di lampade Led calde in sostituzione delle luci a vapori di sodio meno efficienti in termini energetici e più impattanti per l'inquinamento luminoso".

Contro lo smog luminoso si può, si deve fare di più.  Dall'aprile 2014, ricorda il Consiglio di Stato, è in vigore il regolamento del Fondo per le energie rinnovabili (Fer), che prevede un prelievo di 1 cts/kWh sul consumo di elettricità nel nostro cantone, a favore delle attività comunali: "Il riversamento di questa parte del fondo ai Comuni è vincolato all'impiego in attività in ambito energetico da parte dei Comuni stessi". Tra le attività ammesse vi sono gli interventi sulle proprie infrastrutture esistenti al fine di aggiornarle allo stato della tecnica. I Comuni, evidenzia il governo, "hanno dunque la facoltà di impiegare parte del fondo Fer a loro disposizione per sostituire l'illuminazione pubblica esistente con tecnologia Led". Va pur detto che dall'entrata in vigore delle linee guida cantonali contro l'inquinamento luminoso "sempre più Comuni in Ticino si sono dotati di specifiche disposizioni, volte a fissare delle regole per armonizzare l'illuminazione  esterna, sia essa pubblica o privata,  limitando l'inquinamento luminoso". In questo modo, prosegue il Consiglio di Stato, le autorità comunali hanno la facoltà di tradurre in norme di attuazione dei piani regolatori i principi contenuti nelle raccomandazioni federali e nelle linee guida cantonali. "Negli ultimi dieci anni una ventina di Comuni ha emanato nuovi regolamenti comunali e ha predisposto dei piani di illuminazione pubblica - indica il governo -. Altri Comuni inoltre sono in procinto di emanare nuovi regolamenti in materia". 

Rispondendo a uno dei quesiti posti dall'atto parlamentare, il governo sostiene inoltre che "finora non è stato possibile effettuare un censimento delle installazioni sovradimensionate e/o superflue presenti sul territorio cantonale". Manca, ricorda il Consiglio di Stato, "una specifica base legale che fissi dei valori limite vincolanti e permetta da un lato di stabilire se vi siano installazioni che possano essere considerate sovradimensionate  e/o superflue, e dall'altro di proporre provvedimenti concreti di limitazione  dell'inquinamento luminoso". Occorre però tener presente, aggiunge il governo, come già ora, sulla base delle raccomandazioni e delle linee guida attualmente in vigore, si riesca comunque a intervenire caso per caso, facendo in modo che le installazioni rispettino le direttive in vigore"  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved