virus-e-violazioni-arrivano-segnalazioni-alla-procura
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
6 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
6 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
6 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
6 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
6 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
6 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
7 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
7 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
7 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
9 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Bellinzonese
10 ore

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Locarnese
10 ore

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Ticino
10 ore

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
10 ore

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
07.04.2020 - 05:50

Virus e violazioni, arrivano segnalazioni alla Procura

Primi procedimenti penali. Il pg Pagani: al Ministero pubblico stanno giungendo le denunce da parte della Polizia, prossimamente emaneremo i relativi decreti

Sarà per il rafforzamento dei controlli nei pochi valichi di confine ancora aperti e per la maggior presenza delle forze dell’ordine sul territorio, che hanno bloccato o comunque rallentato di molto il pendolarismo del crimine. Sarà perché un buon numero di malintenzionati, anche nostrani, ha deciso, per non rischiare la salute e passata l’emergenza poter così tornare a delinquere, di attenersi scrupolosamente alla raccomandazione sanitaria di stare a casa. Sarà per questi e altri motivi, fatto sta che «nelle ultime tre settimane il Ministero pubblico non ha deferito nessuno al giudice dei provvedimenti coercitivi per chiedere la conferma dell’arresto», dice alla ’Regione’ il procuratore generale Andrea Pagani. C’è però il rovescio della medaglia, sempre in relazione ai risvolti penali dell’epidemia di coronavirus in Ticino: «Se mi riferisco unicamente al periodo compreso tra il 24 marzo, quando abbiamo aperto il primo procedimento, al 31 marzo, la Polizia ha trasmesso al Ministero pubblico ben dieci rapporti, con relativi verbali di interrogatorio, per presunti delitti ai sensi dell’Ordinanza del Consiglio federale ’sui provvedimenti per combattere il Covid-19' e presunte infrazioni alle disposizioni varate dal governo ticinese». Dieci rapporti in pochi giorni, che «saranno prossimamente oggetto di nostre decisioni: decreto d’accusa o decreto d’abbandono. E credo che nei giorni a venire le denunce da parte della Polizia aumenteranno».

Quando interviene il Ministero pubblico

Partiamo allora dalla vigente Ordinanza cui ha accennato Pagani per capire come funziona il meccanismo sanzionatorio in questo momento. Al Ministero pubblico, spiega il pg, «compete il perseguimento di quelle violazioni che per Berna configurano dei delitti, puniti, secondo il primo capoverso dell’articolo 10f dell’Ordinanza, con una pena pecuniaria o, a dipendenza della gravità del caso, con la detenzione fino a tre anni. Questo per chi non rispetta i provvedimenti indicati all’articolo 6, come per esempio il divieto di manifestazioni pubbliche o private, incluse quelle sportive e le attività societarie, oppure la chiusura di negozi (ad accezione degli alimentari), di ristoranti, bar, discoteche, locali notturni ed erotici, strutture ricreative e per il tempo libero, parrucchieri, saloni di massaggio e centri estetici. La persona che viola queste disposizioni commette un delitto». Quando constata un’infrazione, la Polizia, continua Pagani, «redige e invia alla Procura un rapporto con gli estremi della fattispecie, allegandovi il verbale di interrogatorio, in base a un modello che come Ministero pubblico abbiamo preparato e distribuito un paio di settimane fa alle forze dell’ordine, e indicando stato civile e situazione patrimoniale della persona». L’incarto «viene allestito dalla Polizia giudiziaria della Cantonale». Tocca poi «al procuratore pubblico di picchetto - sono e saranno i pp che trattano i reati cosiddetti di polizia, cioè gli illeciti non finanziari - a emettere la decisione, che può essere un decreto di accusa con conseguente proposta di pena, impugnabile davanti alla Pretura penale, o un decreto d’abbandono».

Le competenze della Polizia

Anche il singolo agente di polizia può sanzionare direttamente, senza cioè investire del caso il Ministero pubblico. «Può farlo infliggendo una multa disciplinare di 100 franchi in caso di contravvenzione ai sensi del terzo capoverso dell’articolo 10f dell’Ordinanza federale - riprende il procuratore generale -. In altre parole quando constata una violazione dell’articolo 7c dell’Ordinanza medesima, che vieta gli assembramenti di più di cinque persone - fino a cinque i presenti sono comunque tenuti a mantenere gli uni dagli altri una distanza di almeno due metri - nei luoghi pubblici, sui sentieri e nei parchi, o allorché constata una violazione dell’articolo 4 sulle restrizioni del traffico transfrontaliero delle persone». E se la persona si oppone? «Certo, ha la possibilità di opporsi: in questo caso l’agente di polizia deve trasmettere al Ministero pubblico il rapporto con l’intimazione della multa, perché la procedura diventa ordinaria. Sarà il procuratore, qualora ritenga che vi siano gli estremi per la sanzione, a emettere la multa, il cui importo, aggiungo, potrebbe essere superiore a 100 franchi. Anche in procedura ordinaria, la persona può fare opposizione a decreto e multa decisi dal pp e quindi rivolgersi alla Pretura penale». E se il multato non ha i soldi per pagare sul posto? «La polizia gli assegna un termine - afferma il pg -. Se non lo rispetta, scatta la procedura ordinaria. Ricordo che per decisione federale anche questi termini sono stati prorogati, da trenta a sessanta giorni».

Le risoluzioni ticinesi

Fin qui l’Ordinanza federale. Ma come ci si regola con le violazioni delle disposizioni, più restrittive di quelle federali, contemplate dalle risoluzioni del Consiglio di Stato ticinese, quali il blocco dei cantieri e delle attività aziendali considerate non essenziali, disposizioni reputate necessarie per superare la crisi sanitaria? «Constatata l’infrazione e tenuto conto anche della Legge federale sulle epidemie, richiamata dalle risoluzioni, la Polizia - indica il procuratore generale - stila il rapporto e redige il verbale di interrogatorio: dopodiché trasmette il tutto al Ministero pubblico per le decisioni del caso. Nella decina di rapporti inviataci tra il 24 e il 31 marzo, qualche incarto, infatti, concerne artigiani o ditte che eseguivano lavori presso privati senza essere autorizzati dall’autorità cantonale». L’epidemia in corso genera insomma nuove situazioni anche sul piano del diritto penale. «Peraltro non abbiamo giurisprudenza - osserva Pagani -. I procuratori generali cantonali sono ad ogni modo in contatto fra di loro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved