chi-decide-di-portare-una-mascherina-lo-faccia-bene
TiPress
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
10 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
10 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
10 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
10 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
10 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
11 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
11 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
11 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
11 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
12 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
12 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
12 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
12 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
laR
 
03.04.2020 - 11:50

'Chi decide di portare una mascherina, lo faccia bene'

Le persone sane si proteggono dal coronavirus indossandola? Le spiegazioni del farmacista cantonale Giovan Maria Zanini

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Uno parla, tossisce o starnutisce e così facendo propaga goccioline potenzialmente o effettivamente portatrici di un virus. Queste possono finire direttamente sulle mucose del naso e della bocca e sugli occhi di un’altra persona; oppure sulle sue mani, con le quali prima o poi si toccherà la bocca, il naso o sugli occhi. Le mascherine di protezione (parliamo qui di quelle di uso comune, dette igieniche o chirurgiche, non di quelle di protezione respiratoria, destinate prevalentemente al personale sanitario) riducono la diffusione dei germi presenti nelle goccioline emesse da persone infette: proteggono quindi soprattutto gli altri. Offrono però anche ai soggetti sani che le indossano "una certa protezione dal contagio", stando al 'Piano svizzero per pandemia influenzale' (2018). Ma allora perché l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) non raccomanda a chi non ha contratto il nuovo coronavirus di indossarle, facendo anzi valere che le mascherine “non proteggono efficacemente una persona sana da un contagio virale delle vie respiratorie” e che potrebbero pertanto “infondere un falso senso di sicurezza”? ’laRegione’ lo ha chiesto al farmacista cantonale Giovan Maria Zanini.


Signor Zanini, cosa deve fare il comune cittadino di fronte a questi messaggi apparentemente contraddittori?

In poche settimane la domanda di mascherine di protezione da parte di tutti – consumatori e sistema sanitario – è esplosa a livello mondiale. Di conseguenza, oggi è diventato quasi impossibile trovarne sul mercato. Questo fatto era stato ampiamente previsto dagli esperti. Ed è questa la ragione per cui il Piano pandemico della Confederazione raccomanda ai privati di tenere sempre 50 mascherine a testa quale scorta d’emergenza personale. Infatti, ci sono alcune situazioni in cui anche le persone non facenti parte del sistema sanitario devono portare le mascherine. Si tratta per esempio delle persone con una malattia acuta delle vie respiratorie, che sono costrette a uscire di casa per andare dal medico e che non possono sempre tenere una distanza minima di due metri con le altre persone; oppure di chi ha avuto il coronavirus e non è ancora completamente guarito. Andando avanti ci saranno, per fortuna, sempre più persone che usciranno dai nostri ospedali e potranno tornare in famiglia: anche queste persone per un certo periodo devono continuare a portare una mascherina quando si avvicinano troppo agli altri. Chi ha seguito la raccomandazione della Confederazione e ha già a casa qualcosa, non dovrà penare a cercarle nei negozi. So che molti Ticinesi avevano conservato le vecchie mascherine della pandemia di suina di 10 anni fa. Posso confermare che queste mascherine sono ancora utilizzabili.

Anche in Ticino si vedono in giro sempre più persone che le indossano. Ha senso farlo in un luogo pubblico (un supermercato, al lavoro, in un ascensore, ecc.) se si è asintomatici?

L’autorità federale e cantonale non ha finora raccomandato alle persone sane di indossare mascherine di protezione in pubblico. E non prevede di farlo nemmeno in futuro. Per la popolazione generale, il provvedimento più importante ed efficace per la protezione individuale e delle altre persone dal contagio è il rispetto delle regole di igiene e di comportamento (stare a casa e distanziamento sociale).  Non raccomandare di usare le mascherine è però una cosa ben diversa dal raccomandare di non usarle; quindi ognuno ha sempre il diritto di fare come meglio credo. Consiglierei però a chi decide di portare una mascherina di essere coerente e di farlo bene. Purtroppo vedo molte persone con il naso fuori: in questo modo la mascherina non serve proprio a niente!

L'Ufsp avverte: indossando le mascherine di protezione si induce una sensazione di "falsa sicurezza". In che senso?

Non basta portare una mascherina per essere protetti. Bisogna anche essere molto rigorosi con l’igiene, in particolare lavandosi frequentemente e a fondo le mani con acqua e sapone e disinfettandole ogni volta che è necessario. La mascherina, per essere efficace, va indossata correttamente, deve essere cambiata regolarmente e deve essere toccata il meno possibile quando è in posizione. Inoltre, anche se si porta la mascherina è sempre meglio mantenersi a distanza di sicurezza dagli altri. Il modo migliore per proteggersi rimane sempre quello di restare a casa.

Le mascherine sono un bene raro, scarseggiano laddove ce n'è più bisogno (ospedali, case anziani, studi medici, servizi Spitex). Anche in Ticino c'è penuria in questi settori?

Il termine “penuria” non è adeguato, perché a mia conoscenza nessuno che aveva davvero bisogno di una mascherina è rimasto senza. È invece giusto dire che il quantitativo a disposizione è limitato e di conseguenza è necessario utilizzarle in modo molto parsimonioso. Per questa ragione siamo stati costretti a escludere dall’approvvigionamento determinate categorie di operatori sanitari che forniscono prestazioni non indispensabili e quindi posticipabili. L’esempio più facile è quello delle estetiste. Mi dispiace per loro (e per le altre categorie escluse) se non hanno più potuto lavorare, ma soprattutto in questo momento le priorità sono altre. Questo discorso vale per tutto il materiale di protezione, ma anche per numerosi medicamenti, il cui fabbisogno in questa crisi è aumentato notevolmente rispetto alla situazione normale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved