ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
5 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
6 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
7 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
8 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
8 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
8 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
8 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
9 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
9 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
9 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
30.03.2020 - 10:04

Coronavirus e diritto di visita, 'manca una base legale'

Per l'Associazione delle famiglie monoparentali l'assenza di direttive ufficiali 'dà adito a incomprensioni e a conseguente conflitto tra i genitori'

coronavirus-e-diritto-di-visita-manca-una-base-legale
Anche l'Associazione dei genitori non affidatari aveva sollevato la questione nei giorni scorsi (Ti-Press)

Non ci sono direttive ufficiali sul comportamento da seguire in materia di esercizio del diritto di visita per i genitori separati o divorziati durante l’emergenza coronavirus. Mentre le Autorità regionali di protezione (Arp) sono chiamate a decidere, in caso di disaccordo tra i genitori, senza disporre di un’aggiornata base legale.  Dopo l'appello dei giorni scorsi lanciato da Agna (l'Associazione dei genitori non affidatari) ora è l'Associazione ticinese delle famiglie monoparentali e ricostituite (Atfmr) a tornare sulla delicata questione.  Questione, scrivono in una nota, "che dà adito a incomprensioni e a conseguente conflitto tra i genitori, anche laddove si chiede di optare per un esercizio alternativo del diritto di visita, attraverso ad esempio le videochiamate".

Un esempio concreto

L'Atfmr parte da un esempio concreto per sottoporre la problematica: una famiglia monoparentale con mamma e figli che osserva le direttive da due settimane (contatti ravvicinati solo tra mamma e figli, contatti con l'esterno solo per fare la spesa o simili, mantenimento delle distanze di sicurezza all'esterno). Giunge il week-end e il padre, che vive altrove, vuole esercitare il diritto di visita. Ecco cinque scenari possibili:

- Il genitore non affidatario è rimasto a casa e non ha avuto contatti con l'esterno ravvicinati;

- Il genitore non affidatario è andato al lavoro e nel limite del possibile ha mantenuto la distanza di sicurezza;

- Il genitore non affidatario sa di non aver sempre mantenuto la distanza di sicurezza;

- Il genitore non affidatario lavora in una struttura tipo ospedale, casa anziani, dove sono transitati o sono ospitati anche malati di Covid-19.

- Il genitore non affidatario risiede in Italia

Quindi la domanda: come dovrebbero comportarsi questi genitori? In caso di disaccordo tra i due, è l’Arp a dover decidere. Ma su quali basi legali, non essendoci ancora disposizioni specifiche? Vi è il forte rischio che questa situazione insolita e incerta sfoci in un’esasperazione dei conflitti.

Il parere dell’avvocato contatto dall'Atfmr

Secondo un avvocato contattato dall'Associazione “deve essere fatta una ponderazione tra l’interesse dei figli e del genitore non affidatario di vedersi e il rischio di contagio. Il diritto di visita deve essere limitato solo se strettamente necessario per limitare il contagio e quindi in condizioni particolari, come per esempio se il genitore non affidatario lavora in una struttura tipo ospedale, casa anziani, dove sono transitati anche malati di Covid-19 o se il genitore non affidatario sa di essere a rischio e di non aver mantenuto la distanza di sicurezza. In un caso simile il diritto di visita può essere annullato cercando forme alternative come videochiamate per non interrompere il rapporto con i figli. Se invece il padre è rimasto a casa e non ha avuto contatti ravvicinati con l'esterno o se il padre è andato al lavoro e nel limite del possibile ha mantenuto la distanza di sicurezza il diritto di visita può avere luogo. I diritti di visita riguardanti genitori non affidatari che risiedono all’estero, che allo stadio attuale non possono entrare nel nostro Paese dovranno essere annullati. Anche in questi casi i genitori dovranno fare in modo di mantenere il contatto con i figli con telefonate e videochiamate”.

La richiesta al Consiglio di Stato 

Ciò che l’Atfmr richiede alle autorità competenti è di dare delle indicazioni chiare ai genitori separati su come gestire il diritto di visita durante questa fase acuta dell’emergenza coronavirus, tenendo conto delle diverse situazioni in cui viene esercitato il diritto di visita.

 

 

Leggi anche:

'Il coronavirus motivo in più per riorganizzare le Arp'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved