laRegione
ballottaggio-per-gli-stati-le-due-richieste-del-ricorso
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, lungolago chiuso e pedonale

Domenica 31 gennaio, dalle 10 alle 16 le auto non circoleranno tra la rotonda del LAC e piazza Castello
Luganese
3 ore

Club privé Massagno, il proprietario salva il locale ‘hot’

Deserta l’asta indetta dall’Ufficio esecuzioni del mobilio del luogo per scambisti. E il fondatore se la aggiudica per 50 franchi. ‘Sanerò gli affitti’
Ticino
3 ore

Boom di ‘fake review’ nell’anno della pandemia

La maggior parte degli utenti le considerano valide quanto i suggerimenti di amici e parenti. Il web è però pieno di recensioni false o tendenziose
Luganese
3 ore

‘Riaprite la prostituzione almeno negli appartamenti’

Le ultime risoluzioni governative vietano l’attività in tutto il cantone. La critica di una ragazza: ‘La richiesta c'è, così ci spingono nell'illegalità’
Locarnese
11 ore

Tenero, alla scoperta della Biblioteca per persone cieche

L’istituto, nato oltre 70 anni fa, ha da poco ricevuto un riconoscimento dall’Ufficio federale della cultura. Ce lo presenta la sua responsabile
Ticino
12 ore

Rustici in pericolo per ‘l'intransigenza di Berna’

Un'interpellanza interpartitica chiede chiarimenti al Governo riguardo ai numerosi ricorsi dell'Are
Mendrisiotto
13 ore

Con i Bitcoin Chiasso rilancia la piazza finanziaria

Il Municipio ci crede e alza a mille franchi la quota d'imposte da pagare in criptovaluta. Il sindaco: 'Le aziende del settore sono benvenute'
Ticino
13 ore

I Verdi rinnovano sito e comunicazione online

Ospita tutti e tre i livelli istituzionali in cui sono presenti eletti ecologisti. Lanciata anche una piattaforma dedicata alle conferenze in streaming
Ticino
13 ore

‘Nuovi aiuti da Berna doverosi, ma occhio ai conti pubblici’

Le reazioni dal parlamento ticinese sul raddoppio delle risorse finanziarie per i casi di rigore. Gobbi: passo timido sugli ingressi in Svizzera
Bellinzonese
14 ore

Due alberghi in vendita a Olivone: Posta e San Martino

Per entrambi progetti di rilancio non andati in porto. Luciano Cattaneo, titolare della società proprietaria del San Martino: ‘In valle manca entusiasmo’
Ticino
14 ore

‘I test Covid rapidi generano falsa sicurezza’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa (Dss) sollecita chiarezza scientifica sulla proposta del Consiglio federale di testare a tappeto
Mendrisiotto
14 ore

A Vacallo nel 2020 raccolti 1'350 sacchi di plastiche

Un anno prima erano stati 1'590 (pari a 27 vagoni), 240 in più fra contenitori e cellophane separati nella raccolta
Locarnese
15 ore

A Cevio i posteggi si tingono di blu

Da febbraio nel capoluogo della Vallemaggia nuove regole per il parcheggio. Il sindaco: ‘Così ci sarà più rotazione’
Luganese
15 ore

Aiuti sociali urgenti: una mozione a Lugano

Dagli apprendisti ai commerci, all'uso del suolo pubblico
Ticino
15 ore

Domani il processo d'appello per l'ex funzionario del Dss

Il 61enne era stato giudicato colpevole nel 2019 per coazione sessuale ai danni di una giovane donna
Mendrisiotto
15 ore

Assemblea digitale per il Plr di Vacallo

I candidati alle elezioni comunali del prossimo 18 aprile saranno presentati giovedì 4 febbraio
Ticino
27.11.2019 - 19:200
Aggiornamento : 22:10

Ballottaggio per gli Stati, le due richieste del ricorso

L'avvocato Padlina lo ha inoltrato il 20 novembre al Tram: accertare l'irregolarità della procedura preparatoria; in via cautelativa, una nuova votazione

Martedì 19 novembre ha inoltrato un’istanza al Consiglio di Stato affinché quest’ultimo desse disposizione ai Municipi di conservare “tutte” le buste contenenti le schede di voto e le carte di legittimazione “pervenute dopo il 17 novembre”, quando si è tenuto il secondo turno delle federali, ovvero il ballottaggio per gli Stati. Mercoledì 20 il governo ha dato seguito alla richiesta. Lo stesso giorno, il 20 novembre, ha inoltrato un ricorso al Tram, il Tribunale cantonale amministrativo. L’uno-due è dell’avvocato e consigliere comunale Ppd di Mendrisio Gianluca Padlina, che solleva dubbi sulla regolarità della procedura preparatoria all’elezione di domenica 17, avendo saputo prima della chiusura dei seggi, sostiene, di ritardi nel recapito del materiale di voto ai ticinesi residenti all’estero. I quali non avrebbero potuto così esercitare il voto per corrispondenza, essendo le buste giunte fuori tempo massimo ai Comuni nei cui cataloghi sono iscritti.

Due le richieste di Padlina ai giudici d’Appello. Una in via principale, ma formulata a titolo cautelativo, dato che al momento della presentazione del ricorso (il termine scadeva proprio il 20) l’avvocato momò non conosceva, e non conosce, il numero esatto delle buste arrivate dall’estero. Ebbene, in via principale chiede che il Tram accolga il ricorso, decretando l’annullamento dell’“esito del turno di ballottaggio dell’elezione dei deputati ticinesi al Consiglio degli Stati” e ordinando al governo cantonale “di procedere alla ripetizione” del voto del 17, quando sono stati eletti alla Camera dei Cantoni il democentrista Marco Chiesa e la socialista Marina Carobbio, che l’ha spuntata sul popolare democratico Filippo Lombardi per soli 46 voti. In via subordinata Padlina chiede al Tribunale cantonale amministrativo di “accogliere parzialmente il ricorso”, accertando “l’irregolarità della procedura preparatoria del turno di ballottaggio” e dunque che il materiale di voto “non è pervenuto a tutti gli elettori ticinesi residenti all’estero entro il termine minimo di 10 giorni prima del giorno dell’elezione”, così come stabilito dalla Legge cantonale sull’esercizio dei diritti politici. Il Tram ha già intimato le nove pagine del ricorso al Consiglio di Stato, che per formulare osservazioni ha tempo sino a dopodomani, venerdì.
Venerdì scorso, con la pubblicazione dei risultati definitivi sul ‘Foglio ufficiale’, sono intanto scattati i trenta giorni per eventualmente ricorrere al Tribunale federale. Una strada che Padlina potrebbe imboccare – lui o altri cittadini – a dipendenza (anche) della decisione del Tram.

Tramite l’istanza e il ricorso ai giudici cantonali, Padlina intende soprattutto conoscere il numero delle buste giunte tardivamente (le operazioni di spoglio cominciano alle 12 della domenica del voto) ai Comuni ticinesi dai residenti all’estero che hanno fatto capo al voto per corrispondenza. Ed è alla luce di questo numero che il legale valuterà se interpellare o meno il Tribunale federale.

Per Padlina, scrive infatti nel ricorso al Tram, è “fuori dubbio che nella legge sia chiaramente indicato che ad essere determinante sia il momento entro il quale il materiale di voto debba effettivamente essere recapitato agli elettori”. Il ballottaggio era stato fissato per il 17 novembre, quindi, rileva il ricorrente, “il materiale di voto avrebbe dovuto pervenire al domicilio degli aventi diritto (inclusi quelli domiciliati all’estero) al più tardi entro il 7 novembre”. Alcuni ticinesi che vivono all’estero gli avrebbero indicato “di non aver ricevuto il materiale di voto nei termini di legge”. In alcuni casi in Europa, continua Padlina, il materiale di voto “è pervenuto solo il 15 novembre”. E sottolinea: “Se questo materiale di voto non è stato inviato tempestivamente agli elettori domiciliati all’estero, questi ultimi (o comunque una parte rilevante di essi) potrebbero essere stati impediti, senza loro colpa, di esercitare il loro diritto costituzionale di voto”.

Il precedente a Berna: il Tf bocciò il ricorso

6 marzo 2011, Canton Berna, elezioni suppletive per il Consiglio degli Stati. La lotta è serrata: Adrian Amstutz (Udc) raccoglie 163’537 preferenze, Ursula Wyss (Ps) 159’900.

Un risultato risicato. Tanto da portare due persone a ricorrere al Tribunale cantonale amministrativo mettendo in dubbio la tempestività dell’invio del materiale di voto. Con la richiesta di ripetere l’elezione. Uno dei due ricorrenti sostenne che “12’600 bernesi all’estero non avevano ricevuto per tempo il materiale di voto e non avevano quindi potuto esprimersi.

Anche l’altro ricorrente adduceva ritardi nella ricezione delle schede”. Nel primo caso, il Tribunale cantonale amministrativo era giunto alla conclusione che “qualora l’organizzazione della procedura elettorale cantonale non permette un recapito tempestivo del materiale di voto agli svizzeri all’estero con diritto di voto nel Canton Berna, questi ultimi devono accettare la limitazione del loro diritto di voto”, riferì ai tempi la Berner Zeitung.

Per il secondo reclamo, venne escluso che “l’invio ritardato ma comunque entro i termini possa aver falsato l’esito dell’elezione”. Il Tribunale federale, tre mesi dopo la sentenza, ne confermò il contenuto: una ripetizione della votazione sarebbe stata presa in considerazione solo se si fosse verificata una notevole irregolarità nella preparazione o nello svolgimento del voto.

Non è stato questo il caso, per il Tf. Sipario.

© Regiopress, All rights reserved