ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
7 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
19 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
19 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
19 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
16.09.2019 - 11:28

Attenzione ai cosmetici ad alto rischio

Usiamo una decina di prodotti al giorno per la cura del corpo e per tutta la vita. Sappiamo davvero cosa contengono? Un'app analizza gli ingredienti per noi

di Katiuscia Cidali
attenzione-ai-cosmetici-ad-alto-rischio
Sempre particolare attenzione alla scelta della crema da sole

L’abbronzatura è ormai un ricordo e le creme solari che ci hanno accompagnato sono state riposte nell’armadio. Sul mercato ci sono centinaia di marche e varietà: con anti-aging, con acceleratore d’abbronzatura e con diversi fattori di protezione. Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta, ma come orientarsi? Che sostanze pericolose possono nascondere nella loro composizione? Un valido strumento che può dare una mano nella scelta del prodotto è un’applicazione per smartphone. Si chiama Frc Cosmétiques ed è stata realizzata dalla Fédération romande des consommateurs. In realtà l’app (disponibile in francese) non si limita ad analizzare la composizione degli ingredienti delle creme solari ma di tutti i prodotti che vengono utilizzati nella cura quotidiana del corpo.

Decifrare la lista degli ingredienti di un prodotto può infatti risultare difficile ai più – diciamo che nomi altisonanti come Butylphenyl methylpropional non aiutano – ed ecco quindi che l’app lo fa per noi. Basta scansionare il codice a barre presente sulla confezione e si riceverà istantaneamente l’analisi della composizione del prodotto, con indicazioni molto semplici sulla nocività degli ingredienti contenuti. Se un prodotto non si trova nella banca dati, è possibile fotografarlo (anche la lista degli ingredienti) e l’équipe scientifica dell’app analizzerà in qualche giorno i componenti, completando così costantemente la banca dati. Se il contenuto presenta dei rischi per la salute, vengono proposte delle opzioni migliori. Per ogni prodotto analizzato vengono indicate quattro categorie: bambini piccoli (da 0 a 3 anni), donne incinte, bambini e adolescenti (3-16 anni) e adulti. Si può scegliere di vedere il risultato per ogni categoria oppure di usare un filtro e vedere solo i risultati che interessano. Per ogni categoria, un’icona colorata indicherà il grado di rischio per la salute: rosso per un prodotto con ingredienti che presentano un rischio significativo, arancione per un prodotto con un rischio medio, giallo per un rischio limitato e verde per nessun rischio identificato al momento. Cliccando sull’icona vengono elencate le sostanze che fanno sì che un prodotto venga classificato come privo di rischio oppure no. Facciamo un esempio: scansioniamo una crema idratante di una nota marca francese e nei risultati l’icona rossa indica un rischio significativo. Cliccando sul simbolo ci viene indicato che la sostanza incriminata è Sodium propylparaben. L’app ci fornisce delle indicazioni su questa sostanza, apprendiamo così che si tratta di un perturbatore endocrino, ovvero di sostanze che alterano la normale funzionalità ormonale dell’apparato endocrino. Possono causare tumori, difetti alla nascita, alterate capacità riproduttive e altri disturbi dello sviluppo in relazione al sistema bersagliato dagli interferenti.

Oltre a questi vi sono altre tre categorie di sostanze da evitare: le nanoparticelle, gli agenti irritanti e gli allergeni. I problemi derivano dall’esposizione duratura e cumulativa a queste sostanze, basti stimare che ognuno utilizza una decina di prodotti al giorno e per tutta la vita. Ci sono diversi fattori che influenzano il grado di nocività di una stessa sostanza: ad esempio se questa verrà risciacquata o no (quindi se contenuta in un gel doccia o in una crema idratante). Nell’app vengono distinte otto categorie di prodotti: deodoranti e profumi, prodotti solari, per la cura del corpo, trucchi, cura del viso, prodotti d’igiene orale, prodotti per bebè e bambini e cura dei capelli. Scommettiamo che dopo aver scansionato i vostri prodotti vi renderete conto di non volerne più ricomprare alcuni? L’auspicio è che anche i fabbricanti si rendano conto che i consumatori sono più consapevoli e che decidano quindi di produrre cosmetici meno dannosi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved