sciopero-delle-donne-illegale-illegale-e-la-disparita
Donne unite in vista del primo maggio. (Ti-Press)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
4 min

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
54 min

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
1 ora

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
1 ora

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
2 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
3 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
4 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
8 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
8 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
23 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Foto
27.04.2019 - 11:35
di Luca Berti

Sciopero delle donne illegale? 'Illegale è la disparità’

La replica dei sindacati al padronato sul diritto allo sciopero delle donne il prossimo 14 giugno. Intanto sarà un primo maggio al femminile

«Non abbiamo paura. E a chi cerca di scoraggiarci sostenendo che lo sciopero è illegale, rispondiamo che ad essere illegale è la discriminazione salariale». È una bordata quella di Chiara Landi, presidente delle Donne dell’Unione sindacale svizzera Ticino. Una bordata indirizzata, a 50 giorni dall’astensione nazionale dal lavoro da parte delle donne prevista per il 14 giugno, all’Unione padronale svizzera, che nelle ultime settimane «ha iniziato una campagna contro il diritto di scioperare». E alle parole, il Gruppo donne Uss, in collaborazione con l’Ocst donna-lavoro, ha fatto seguire pure i fatti: il prossimo 7 maggio alle 20 all’Hotel Pestalozzi di Lugano tre giuriste affronteranno l’argomento dal punto di vista del quadro legale.

Quadro che, peraltro, contempla da tempo la parità tra uomo e donna, scritta nero su bianco nella Costituzione a partire dal 1981 e ripresa nella legge nel 1996. «Ma la situazione è insoddisfacente sotto molti aspetti», ha rilevato Landi. Dopo quasi 40 anni di salari inferiori, sottorappresentanza, mancanza di pari opportunità e sessismo, le donne si dicono stanche di aspettare. Stanche, ma per nulla pronte ad abbandonare la lotta. «Abbiamo atteso 38 anni l’applicazione di una norma che tutt’oggi viene disattesa», ha detto Landi parlando - giovedì scorso - in un megafono in Viale Stazione a Bellinzona durante una breve manifestazione inscenata a corredo di un incontro con la stampa.

E in attesa del 14 giugno, anche il prossimo 1° maggio, festa dei lavoratori, sarà incentrato sui diritti delle donne. Slogan: “Senza muri e senza paure”. «In un mondo dove si costruiscono sempre più muri – ha chiosato Landi –, dove i poveri si accapigliano tra loro mentre i ricchi se ne approfittano, l’unico movimento che ha saputo abbattere qualsiasi ostacolo è stato quello femminista. Si è creata così una rete che ha premesso di riunire molte lotte rimaste settoriali. Le donne hanno dimostrato di avere coraggio». Un coraggio che intendono portare in piazza anche mercoledì prossimo a Locarno come protagoniste della manifestazione che prenderà avvio alle 11.30 con un corteo dalla stazione a Piazza Grande. Alle 12 sono poi previsti i discorsi seguiti dal pranzo.

«La questione del salario rimane centrale, soprattuto in Ticino. Ma è anche legata alla questione dell’accordo quadro con l’Unione europea, che mina le misure di accompagnamento, fondamentali per proteggere i lavoratori e le lavoratrici dal precariato», ha rimarcato Françoise Gehring, segretaria sindacale del Sev. E la lotta alla parità salariale, ha aggiunto, deve puntare a ottenere un giusto potere d’acquisto. Anche perché «con la femminilizzazione del lavoro, i salari tendono a scendere. E ciò va a scapito anche di quelli degli uomini».

Ma il 1° maggio si parlerà anche di violenza domestica. «Cosa c’entra? C’entra, perché si calcola che le vittime perdano capacità lavorativa per un totale di 40 milioni di franchi all’anno – ha fatto notare Pepita Vera Conforti, militante Vpod –. A ciò bisogna aggiungere dai 160 ai 280 milioni di costi diretti e 2 miliardi di costi intangibili». Vi sono poi quei «300mila franchi che una donna dovrebbe guadagnare, ma non guadagna, nel corso della vita a causa della discriminazione salariale. E ulteriori 250 milioni all’anno di lavori non retribuiti», ha commentato Renata Barella, segretaria sindacale Ssm. Non facendo mancare una frecciata ai media, dove «non più del 3% dell’attualità presenta un’immagine non stereotipata», mentre 3/4 delle persone menzionate sono uomini. E «nelle redazioni le donne sono solo un terzo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved