ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
59 min

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Cinque professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
59 min

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
8 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
12 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
13 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
13 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
13 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
13 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
13 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
14 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
15 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
15 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
16 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
17 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
18 ore

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
18 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
1 gior

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
1 gior

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
2 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
11.03.2019 - 06:00
Aggiornamento: 05.04.2019 - 20:50

Polizia, la legge è al Tribunale federale

Il ricorso di due giuristi: 'Gravi restrizioni preventive dei diritti fondamentali, da annullare le norme votate in dicembre dal Gran Consiglio'

di Andrea Manna
polizia-la-legge-e-al-tribunale-federale

La recente controversa revisione della Legge cantonale sulla polizia ha imboccato la strada per Losanna. A contestarla – sottoponendola all’esame del Tribunale federale con un ricorso in materia di diritto pubblico – sono due giuristi ticinesi: Martino Colombo e Filippo Contarini. Gli stessi, per intenderci, che avevano impugnato sempre davanti all’alta Corte le norme ticinesi che proibiscono di nascondere il volto in pubblico, ottenendo parzialmente ragione: il Cantone ha dovuto precisare gli ambiti di applicazione del divieto. Stavolta nel mirino di Contarini e Colombo, entrambi del Comitato di Berna, c’è il testo legislativo varato dal Gran Consiglio lunedì 10 dicembre, durante l’ultima sessione del 2018. Testo che permette la cosiddetta custodia di polizia (durata massima ventiquattro ore), che disciplina trattenimento e consegna di minorenni e che regolamenta le indagini, anche ‘mascherate’, preventive. Spedito a Mon Repos giovedì 7 marzo, il ricorso chiede l’annullamento delle modifiche alla Legge sulla polizia, ovvero delle disposizioni volute dal Consiglio di Stato e accolte, seppur con qualche circoscritto ritocco al progetto governativo, dal parlamento.
Le motivazioni del ricorso sono contenute in 27 pagine. Con la nuova legge, scrivono Colombo e Contarini a mo’ di premessa, “si introducono nel mansionario della Polizia istituti tipici della procedura penale, in primis la detenzione degli individui (il riferimento è alla custodia di polizia ndr), appannaggio finora dell’azione repressiva dello Stato esercitata sotto l’egida del potere giudiziario”. Per i ricorrenti, “a fare le spese di queste misure anti-minaccia straordinarie sono però i diritti individuali fondamentali: in questo modo infatti con l’introduzione di nuove misure securitarie non giustificate dalla situazione storica (non vi è un incremento statistico significante di reati gravi; non viviamo situazioni di instabilità sociale dovuta a criminalità diffusa o a nuovi fenomeni criminogeni), viene indebolita la nostra tradizione legata allo Stato di diritto liberale, mentre aumentano i rischi connessi alla creazione di potenziali strumenti legislativi di repressione politica o di controllo sociale, oltre che all’irrimediabile sbilanciamento degli equilibri tra i poteri dello Stato, dove l’azione della Polizia – e quindi del governo – viene di fatto sottratta a un effettivo controllo giudiziario”.

‘No ai processi alle intenzioni’

Secondo i due giuristi, “il problema principale che si pone di fronte a questo tipo di attività preventiva è che non è ammissibile ricorrere a delle misure che limitano i diritti fondamentali per verificare la conformità alla legge di qualsiasi comportamento dell’individuo, senza che vi sia un sospetto (fondato su degli indizi concreti) che abbia commesso delle illegalità”. L’interesse pubblico “alla scoperta della verità (che può giustificare la restrizione dei diritti fondamentali) nasce unicamente dopo la conoscenza (a livello di sospetto fondato su indizi concreti) da parte dell’autorità di un fatto penalmente rilevante”. In caso contrario “si spalancherebbero le porte del processo alle intenzioni e agli abusi”.

L’adozione di misure preventive di polizia “che limitano i diritti fondamentali non si giustifica per qualsiasi scopo di interesse pubblico, ma richiede un interesse pubblico particolarmente importante come la prevenzione di gravi delitti o la protezione di beni giuridici fondamentali quali l’integrità fisica dei cittadini, la sicurezza pubblica o l’esistenza dello Stato”. Pertanto l’adozione di queste misure “deve essere subordinata a delle condizioni più restrittive che nel caso delle misure repressive di perseguimento penale e richiede di principio l’approvazione preliminare di un giudice indipendente”. Ora, si sostiene nel ricorso, le modifiche alla Legge cantonale sulla polizia non rispetterebbero “queste condizioni” e non costituirebbero “una base legale sufficientemente precisa e chiara, a fronte delle gravi restrizioni preventive dei diritti fondamentali (privazione della libertà personale e della sfera privata) che attuano”. Le norme contestate “non permettono in sostanza un effettivo controllo di proporzionalità e costituzionalità nella loro applicazione e arrischiano quindi di diventare uno strumento di illimitato potere discriminatorio e antidemocratico”.
«Abbiamo analizzato a fondo la nuova legge, consultando dottrina e diversi altri giuristi – spiega Colombo alla ‘Regione’ –. Una legge che riteniamo contraria alla Costituzione federale e alla Convenzione sui diritti dell’uomo». La sentenza al Tribunale federale.

‘Le nostre censure non sono contro le forze dell’ordine, ma per evitare abusi’ 

«Il nostro ricorso – puntualizza Colombo, interpellato dalla ‘Regione’ – non è contro la Polizia, ma contro una legge che riteniamo conferisca un eccessivo e ingiustificato margine di manovra alle forze dell’ordine. E gli abusi, derivanti da norme generiche e non chiare come in questo caso, sono dietro l’angolo. Il ricorso è quindi a tutela dei diritti fondamentali del cittadino». Buona parte delle ventisette pagine indirizzate al Tribunale federale – un passo che Colombo aveva preannunciato a metà febbraio in un’intervista al ‘Caffè’ e che giovedì scorso è stato formalmente compiuto – è dedicata alla custodia di polizia (massimo 24 ore), strumento previsto dal nuovo articolo 7c della Legge cantonale sulla polizia. Quanto alla detenzione delle persone che ‘possono rappresentare un pericolo per la sicurezza di terzi’, secondo la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, annotano fra l’altro i ricorrenti, “il pericolo deve essere presente e non deve essere formulato in modo ipotetico”. La detenzione, inoltre, “per essere legittima deve essere pure necessaria. Tuttavia, considerate la vaghezza e l’indeterminatezza di tale norma, l’articolo 7c capoverso 1 lettera a) non evidenzia per nulla il requisito della necessità, poiché un agente di polizia è in definitiva legittimato a disporre di una custodia di polizia in base alle proprie sensazioni soggettive. Questo è molto grave poiché evidentemente la legge viene applicata quando ancora non vi è alcuna commissione di reato (nel qual caso si applicherebbero le norme del Codice di procedura penale)”. L’articolo 7c afferma inoltre che la polizia ‘può porre provvisoriamente’ sotto custodia anche persone ‘che, per il loro comportamento, perturbano la sicurezza e l’ordine pubblico in modo grave e imminente’. Il concetto di perturbamento della sicurezza e dell’ordine pubblico, si osserva nel ricorso,“non è solo troppo vago, ma è anche improprio in quanto non permette un’interpretazione conforme ai dettami costituzionali”. E allora “anche una manifestazione non autorizzata ma pacifica che non crea pericolo (raccolta firme sulla via pubblica), potrebbe essere considerata come perturbazione alla sicurezza e/o all’ordine pubblico”. Inchiesta mascherata di polizia per prevenire anche il reato di sommossa? Per i ricorrenti, il rischio è che la “necessità” di infiltrare “non sia di polizia ma politica e di controllo sociale in generale”, andando così a ledere “libertà fondamentali come quella religiosa, di riunione, di associazione”. Queste e altre le censure. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved