(foto Ti-Press)
Ticino
07.02.2019 - 11:170

Tavolino magico salva 4198 tonellate di cibo per i poveri

Cresce l'attività dell'associazione che in Ticino distribuisce alimenti ogni settimana 1'800 persone disagiate. Per crescere Tavolino ha bisgono di aiuto

Anche nel 2018 l’ente svizzero di sostegno alimentare Tavolino Magico è cresciuto, con un nuovo record di generi alimentari distribuiti ogni settimana a 19'110 indigenti. Questo successo è però anche una sfida. L’associazione ha bisogno infatti di più mezzi finanziari per far fronte all’impegno logistico. La piattaforma di Cadenazzo di Tavolino Magico, ha raccolto nel 2018, 660 tonnellate di cibo (il 1,2% in più rispetto all’anno precedente) poi distribuito settimanalmente a 1800 persone in difficoltà finanziarie attraverso una rete di 13 centri di distribuzione, gestita da 280 volontari. Grazie alla generosità di chi sostiene l’associazione, sia con collette alimentari, sia con preziose donazioni, sia mettendo a disposizione il proprio tempo, Tavolino Magico continua a crescere di anno in anno.

 

Riduciamo gli sprechi

Come tutti gli Stati membri dell’ONU, anche la Svizzera si è impegnata ad attuare l’«Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile». Ciò include la riduzione dello spreco alimentare del 50% a livello nazionale entro il 2030. Quest’obiettivo è estremamente ambizioso perché, come in tutti i Paesi occidentali, anche in Svizzera un’enorme quantità di alimenti commestibili finisce nella spazzatura. Diversi studi parlano di circa due milioni di tonnellate l’anno, ossia 320 grammi a persona al giorno, quasi un intero pasto. Le perdite maggiori si registrano nelle famiglie e nell’industria alimentare. Questo enorme spreco colpisce ancora di più se si considera che, anche nella ricca Svizzera, ci sono persone indigenti che potrebbero trarre grande sollievo da questo cibo prezioso.


3000 volontari e una distribuzione sempre più capillare


Gli enti di sostegno alimentare offrono, in tutto il mondo, un importante contributo alla lotta contro lo spreco e la povertà, poiché salvano dal macero alimenti commestibili e di qualità per distribuirli a chi ne ha bisogno. L’associazione Tavolino Magico, fondata 20 anni fa, è stata la prima organizzazione di questo tipo in Svizzera. Riceve le eccedenze alimentari soprattutto dai produttori di alimenti e dal commercio al dettaglio, e li trasferisce in tutto il Paese a persone autorizzate a riceverle da un ente sociale dopo attenta verifica della situazione finanziaria. Nel 2018 Tavolino Magico ha aperto quattro nuovi centri di distribuzione: uno a Soletta Ovest, un altro a Basilea, uno a Wallisellen nel zurighese e uno a Steinach SG. La rete nazionale dei centri di distribuzione comprende dunque 129 sedi. Quasi 3000 volontari, senza il cui sostegno Tavolino Magico non potrebbe esistere, si occupano con grande responsabilità di una distribuzione equa e controllata dei generi alimentari.



Nonostante il volume record, resta ancora molto da fare

Nel 2018 i beneficiari indigenti aventi diritto erano complessivamente 19’110, anche questo un record nella nostra storia. Anche la quantità di alimenti salvati dal macero è aumentata nel 2018. Infatti Tavolino Magico ha distribuito in totale circa 4198 tonnellate di derrate, il 5,7 % in più rispetto all’anno precedente. Ciò corrisponde a 20'990'000 piatti da 200g ciascuno. Questa crescita è ancora più notevole se si considera che, per motivi ecologici ed etici, anche i donatori di prodotti di Tavolino Magico si impegnano sempre di più per evitare di produrre eccedenze. «Ciò nonostante, siamo stati in grado di avviare nuovi progetti con l’industria alimentare e di collaborare fianco a fianco con altri enti di sostegno alimentare», afferma Alex Stähli, direttore nazionale di Tavolino Magico.


Una logistica sempre più professionale ma costosa

Più difficile per l’associazione è stato aumentare le donazioni finanziarie. La distribuzione dei generi alimentari è impegnativa e spesso soggetta a scadenze temporali inderogabili. Presuppone dunque una logistica gestita in modo professionale. I team logistici di Tavolino Magico contano da soli oltre 100 collaboratori in tutta la Svizzera, dei quali il 6% impiegati fissi, circa il 85% in programmi di integrazione del lavoro mentre il 10% prestano servizio civile. Più donazioni di prodotti significano anche più lavoro e più costi. Pertanto la sfida per Tavolino Magico nel mercato delle donazioni finanziarie è enorme. «Possiamo aumentare la nostra efficacia e contribuire maggiormente agli obiettivi dell’Agenda 2030 solo aumentando i nostri mezzi finanziari», riflette Alex Stähli. L’attuazione di un progetto sensato di salvataggio e aiuto alimentare è estremamente impegnativa, soprattutto nel settore alimentare che è rigorosamente controllato. Un maggiore impegno nel fundraising dovrebbe migliorare la situazione. L’obiettivo è assicurare una solida posizione a livello di utili dal 2021 per garantire un finanziamento sostenibile.


Semplificazione nel sistema delle carte acquisti

In questo contesto, rimane importante per l’associazione che tutti i processi siano progettati nel modo più snello possibile con possibilità di miglioramento continuo. Pertanto nel 2018 è stato rivisto interamente il sistema delle carte acquisti. Adesso i circa 1300 servizi sociali locali possono ordinare online le carte acquisti per i relativi beneficiari, il che riduce notevolmente gli oneri e il margine di errore per tutte le parti coinvolte.

Potrebbe interessarti anche
Tags
tavolino magico
distribuzione
associazione
tavolino
alimenti
svizzera
cibo
sostegno
donazioni
generi alimentari
© Regiopress, All rights reserved