laRegione
Nuovo abbonamento
i-cinque-volti-dei-comunisti-per-il-consiglio-di-stato
Ti-Press/Crinari
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min
'Le donne esistono e hanno un peso'
Françoise Gehring è la seconda donna che siede in Municipio a Mendrisio nello spazio di una legislatura. 'Un viatico per il 2021? Lo spero'
Ticino
13 min
Quando la politica ticinese fa nomi e cognomi
Uno studio dell'Ustat sulla partecipazione elettorale racconta tante cose di come siamo e com'eravamo. Con un occhio all'anagrafe, ma non solo
Ticino
11 ore
Mobilità sostenibile e ferroviaria, c'è il master Supsi
Partirà a settembre la seconda edizione del Mas destinato ai dirigenti delle aziende di trasporto
Luganese
11 ore
Viganello, nessuna scemata responsabilità per l'omicida
L'esito della perizia parla chiaro: il 34enne che causò la morte di Matteo Cantoreggi era in grado di valutare il carattere illecito dei propri atti
Locarnese
11 ore
Locarno, il grande schermo per curare anche l'anima
Al via giovedì al Palacinema di Locarno la rassegna 'Torniamo al cinema!', organizzata in collaborazione con il Film Festival Diritti Umani e con l'Otello di Ascona
GALLERY
Mendrisiotto
12 ore
Restaurata la chiesetta in vetta al Monte Generoso
La Ferrovia Monte Generoso ha finanziato i lavori con la vendita virtuale dei 441 pali del vecchio binario del 1890
Mendrisiotto
12 ore
Anteprima di Ferruccio Cainero a LaFilanda a Mendrisio
L'autore e regista prova il suo ultimo spettacolo dedicato a Socrate e al pensiero filosofico occidentale
Ticino
12 ore
Attacchi informatici, come difendersi
Seconda conferenza online del Gruppo Cyber Sicuro del Cantone Ticino. Appuntamento è per il 23 luglio.
Bellinzonese
12 ore
Il Teatro Sociale di Bellinzona si apre ai visitatori
Accesso libero la sera di venerdì 17
Ticino
11.01.2019 - 12:510
Aggiornamento : 17:25

I cinque volti dei comunisti per il Consiglio di Stato

Presentata oggi la lista per il governo dopo la mancata intesa con Mps e Ps. "Abbiamo particolarità che vogliamo portare davanti all'elettorato"

L'alternativa alle sinistre. A quella "qualunquista, urlata e senza proposte concrete" del Movimento per il socialismo (Mps) e a quella "senza coraggio, ambigua sui temi di sinistra, senza prospettive e visioni a lungo termine" del Partito socialista (Ps). Si vogliono proporre così i comunisti agli elettori ticinesi: come un'"opposizione costruttiva" a tutto campo, senza aver paura di scomodare "tabù" a "favore di popolazione e lavoratori". Tra questi, la "statalizzazione, il 'più stato', la gratuità dei servizi pubblici, il voto ai 16enni".

Lo hanno chiarito ieri i candidati comunisti al Consigio di Stato, presentandosi alla stampa. Sulla lista figurano il granconsigliere uscente Massimiliano Ay, il giurista Edoardo Cappelletti, il laureando in storia ed economia politica e coordinatore dal Sisa (il Sindacato indipendente studenti e apprendisti) Zeno Casella, la agronoma e municipale di Serravalle Lea Ferrari e l'economista Alessando Lucchini. Media d'età: 28 anni. "Probabilmente saremo di gran lunga i più giovani tra tutte le liste". Ma "a differenza degli altri, l'avere dei giovani che corrono alle elezioni non è una scelta di visibilià: le giovani generazioni sono parte integrante del nostro partito e chi è in lista lo è perché ha l'esperienza necessaria per farlo".

Una lista quella al Consiglio di Stato che rappresenta una prima in casa comunista e che è sembrata quasi una necessità per "trainare quella al Gran Consiglio", dove l'unico seggio da loro occupato (attualmente vi siede Ay) è "concretamente in pericolo" dopo che "l'Mps ha rotto l'unità che ha permesso alla sinistra alternativa di entrare in parlamento" e dopo la mancata intesa con il Ps. E proprio i socialisti potrebbero risultare penalizzati nel tentativo di difendere il seggio in governo (in che misura sarà da vedere)  proprio dalla decisione del Partito comunista di presentare cinque nomi per l'esecutivo.

«Non riconoscevamo differenze tali che giustificassero una nostra discesa in campo in solitaria – ha annotato Edoardo Cappelletti –. Vista la situazione, però, abbiamo ritenuto comunque di avere delle peculiarità politiche che era necessario portare davanti all'elettorato». Cosa che non sarebbe stata possibile altrimenti: «Se avessimo costruito una lista unitaria con il Ps avremmo anche costruito un programma unitario che andava bene a entrambi – ha commentato a margine della conferenza stampa Ay – . Invece in questo caso avremmo dovuto fare desistenza passiva, senza nemmeno candidarci, e dire che andava bene la lista socialista. Così non va bene, siamo un partito indipendentee e se il compromesso non è possibile, semplicemente proseguiamo come indipendenti».

L'appello è stato "al voto utile", per "mantenere il seggio in parlamento". Unico modo per "portare avanti le nostre proposte concrete per costure il domani migliore che vuole la sinistra". Ay da questo punto di vista ha rivendicato il proprio lavoro, con oltre 60 atti parlamentari inoltrati nel quadriennio. E alcune vittorie sul fronte delle proposte. Un modo per rispondere a chi (dall'Mps) accusa il deputato "di essere semplicemente non pervenuto".

Guarda tutte le 7 immagini
© Regiopress, All rights reserved