ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’

A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
2 ore

Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt

L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
2 ore

Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate

Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
9 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
9 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
12 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
12 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
12 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
13 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
13 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
16 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
17 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
21 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
2 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
2 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
2 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
2 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
2 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
2 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
24.10.2018 - 06:00

Tante misure ma l'emergenza code dei pendolari resta aperta

Per il Dipartimento del Territorio, qualcosa sta lentamente cambiando, c'è più gente in treno, più car pooling e cala la pressione del traffico nelle zone calde

di Simonetta Caratti
tante-misure-ma-l-emergenza-code-dei-pendolari-resta-aperta

“Rete viaria al collasso nel Sottoceneri. Le misure urgenti si giocano su mobilità aziendale e posteggi: abolire quelli abusivi in Ticino, così da obbligare i pendolari a fermarsi nei car pooling in Italia”. Lo scrivevamo 4 anni fa quando il ministro del Territorio Claudio Zali ci spiegava che voleva «favorire il car pooling in Italia, corsie preferenziali per car pooling in uscita, sostenere la mobilità aziendale con bonus a chi si dotava di una navetta, meglio se ecologica, per i pendolari». Che cosa è stato realizzato? I posteggi abusivi sono spariti. C’è la linea ferroviaria Stabio-Arcisate. Le corsie preferenziali per car pooling (attivate questo mese a Ginevra per un anno) sono allo studio in Ticino. La tassa di collegamento è ferma al Tribunale federale, ma proprio per questa incognita giuridica, le aziende la stanno contando nei loro budget. Tutto ciò sta alleggerendo il traffico, favorendo alternative all’auto, che siano navette aziendali, car pooling, mobilità lenta o altro? Abbiamo trovato un dato. Il progetto cantonale di mobilità aziendale MobAlt negli ultimi 3 anni ha tolto 1’500 auto dalle strade (500 nel comparto San Martino). Una lacrima in un oceano di traffico. Dal Dipartimento del territorio, che sta ricontando i transiti ai valichi e i lavoratori sui treni, parlano di un «calo della pressione del traffico, soprattutto nelle zone più colpite». Vediamo perché con Federica Corso Talento dell’Ufficio pianificazione e tecnica del traffico.

Quante auto sono state tolte dalla strada negli ultimi 2 anni grazie a car pooling, treno, navette aziendali?

È difficile fare una stima perché non tutte le aziende forniscono dati. Non ci si concentra solo sui numeri ma soprattutto sull’avviare misure incisive. Le cifre indicate da operatori come MobAlt sono precise riguardo alle aziende da loro seguite. Una cosa è certa: seppur timidamente, possiamo iniziare ad affermare che c’è un calo della pressione, soprattutto nelle zone più colpite. Fra il 2015 e il 2016 abbiamo iniziato a osservare una inversione di tendenza. Ci piace pensare che questa dinamica verso un maggior equilibrio nell’uso dei mezzi di trasporto possa essere ricondotta anche a progetti e misure che il nostro Dipartimento ha promosso e rafforzato dal 2014 per incentivare una mobilità più sostenibile.

Vediamole. Quante nuove aziende negli ultimi due anni hanno introdotto navette per frontalieri e chi paga? 

Più di 20 comparti aziendali hanno aderito. Sono state attivate diverse linee negli ultimi due anni (a queste si aggiungono servizi storici per un’azienda di Stabio, una di Mendrisio e una di Cadempino). A livello di contributi, questi servizi sono stati attivati ancora a titolo sperimentale. Sono stati stanziati 2 milioni dal Parlamento, e avviati più di 20 Piani di mobilità di comparto, su cui si stanno testando misure pilota.

I parcheggi oltrefrontiera per car pooling sono piuttosto vuoti o inesistenti: che cosa si sta facendo?

Quelli che esistono sono frutto di iniziative di singoli Comuni. Stiamo procedendo attraverso il progetto Interreg Smisto, operativo da un mese. Abbiamo individuato aree dove sarebbe possibile creare parcheggi di smistamento (sia per carpooling, sia per passare dall’auto privata alla navetta aziendale). Si tratta ora di sedersi intorno al tavolo coi partner italiani: Regione Lombardia, Province, Comuni e Comunità montane. È in agenda per i prossimi mesi.

Quanto costa togliere 100 auto dalla strada?

È una domanda singolare. Meglio sarebbe chiedersi quanto costa – in termini economici, di salute e qualità di vita – mantenerle, tutte queste auto: al cittadino, in particolare, non solo come utente, ma anche come tasse. Consideriamo che di soli costi esterni a carico della società (salute, inquinamento, tempo perso in colonna) il traffico motorizzato individuale nel 2015 è costato in Svizzera 7,2 miliardi di franchi (fonte Are) per un parco veicoli di 4,5 milioni, quindi 1’600 franchi per veicolo, rispettivamente, 160’000 franchi per 100 auto. 

‘Treni più pieni, bici pieghevoli, car pooling... qualcosa sta cambiando’

Quello del traffico è un tema complesso, nessuno ha la bacchetta magica, perché le strade sono quello che sono, c’è tutta una mentalità da cambiare e una Nazione vicina con cui dialogare per trovare strategie comuni. «Qualcosa si sta modificando. Vediamo treni più pieni, bici pieghevoli, più persone per auto, aziende che si insediano vicino alle stazioni ferroviarie. Importante è modificare le abitudini delle persone e dei manager che nella loro agenda oggi mettono anche la mobilità aziendale», spiega Federica Corso Talento dell’Ufficio della pianificazione e della tecnica del traffico.
Qualche azienda inizia a puntare sulle navette per i frontalieri. Ce le riassume la funzionaria. A Mendrisio, 8 linee con più corse per un’azienda capofila e altre che ne fruiscono saltuariamente. A Stabio, 3 linee con più corse per un’azienda capofila, a cui dovrebbe agganciarsi un’altra azienda. Pian Scairolo: navetta lacuale (battello) per una decina di aziende, successivamente rilevato nell’offerta di trasporto pubblico. A Bedano, navetta di collegamento tra la stazione di Lamone-Cadempino e l’area industriale per 3 aziende, altre che ne fanno un uso saltuario. A Muzzano, navetta sperimentale appena avviata tra la stazione Flp di Cappella-Agnuzzo e l’area industriale per 2 aziende. A Croglio-Monteggio e Bioggio e Manno: navette sperimentali interrotte per mancanza di massa critica.

Un altro tema sul tavolo è il telelavoro: «Se gli addetti che fanno un’attività compatibile con questa modalità lavorassero anche solo un giorno alla settimana a casa, sarebbe un 20% di traffico in meno sulle strade. Come amministrazione cantonale abbiamo in corso un progetto pilota che testerà l’impatto del telelavoro sull’amministrazione», precisa. Non inciderebbe molto su quella manodopera di frontalieri ai valichi che lavora in catena di montaggio, ma su professioni del terziario. Il problema maggiore è far capire anche che l’auto ha un costo spesso molto superiore ad altre modalità di trasporto. «Il solo costo della benzina corrisponde o supera nella maggior parte dei casi il costo di un abbonamento del trasporto pubblico o di una bici elettrica», conclude. 

‘Dateci 5 anni e toglieremo 5mila auto dalle strade ticinesi’

Car pooling, ovvero condividere auto private tra più persone, dividere le spese di viaggio e poter beneficiare di appositi posteggi che si possono prenotare. Così funziona la società BePooler che ha una piattaforma per car pooling, gestisce tre Park and Ride in Ticino e serve una ventina di aziende.

Giovanni Vergani, presidente del Cda di BePooler Sa, crede che questa soluzione sia la via giusta per ridurre il traffico: «Condividere un bene, che si giudica come un pezzo di casa propria, non è sempre facile. Ma se due persone condividono un veicolo togliamo un autovettura dalla strada. In cambio diamo accesso ad un bene raro, il parcheggio. Ed è un forte incentivo».

Attualmente BePooler – spiega Vergani – contribuisce a togliere 500 auto dalle strade del Ticino: «I nostri numeri sono in crescita, speriamo di raddoppiarli nei prossimi 12 mesi. Il nostro obiettivo nei prossimi 5 anni è portare 5mila auto fuori dal circuito, ossia il 10% di quelle che ogni giorno costituiscono il traffico pendolare nel cantone».
Attualmente BePooler conta su 18 posti auto, in fase di sperimentazione gratuiti, a Lugano-Cornaredo, riservati ai pendolari che entrano in città in auto e proseguono la tratta in bus; il P&R di Ponte Tresa Al Marcadello situato sopra la stazione Flp con 6 posti auto ormai pieno; un progetto nel Gambarogno che al momento non è ancora decollato con altri 6 posti auto. Ma la situazione posteggi è in costante evoluzione, si discute coi Comuni per cercare altri posteggi.
«Ci vuole tempo perché stiamo parlando di un cambiamento culturale, tutti tengono all’ambiente, ma al lavoro è più comodo andarci in auto. Se la tassa di collegamento, voluta dal Cantone, venisse implementata correttamente avremmo il vento in poppa. Perché la vera svolta si avrà quando chi transita e inquina viene chiamato alla cassa».
Il car pooling può soddisfare parte della popolazione aziendale. Ed è il segmento di cui si occupa BePooler. La parte restante deve essere invece servita con l’abbonamento Arcobaleno, con la navetta aziendale o con la bicicletta elettrica. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved