laRegione
Nuovo abbonamento
polveri-fini-i-consigli-del-cantone-per-ridurle
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
22 min

Posteggiare bene per la sicurezza stradale

Il Dipartimento istituzioni: 'Importante parcheggiare nelle zone adibite, affluenza straordinaria rispetto agli scorsi anni nelle zone turistiche'
Gallery (6 foto)
Locarnese
22 min

Motoscafo distrutto dalle fiamme ad Ascona

I pompieri di Locarno in azione per spegnere le fiamme sviluppatesi a bordo del natante
Ticino
39 min

Progetti Interreg, 7,2 milioni di finanziamenti straordinari

L'apertura del bando è stata decisa dal Comitato di sorveglianza del programma, composto da Ticino, Grigioni, Vallese e alcune regioni italiane
Mendrisiotto
53 min

Gli InterCity non si fermeranno nel Mendrisiotto

Le Ferrovie rispondono (e respingono) le richieste sollevate da Mendrsio, Chiasso, Ers, Astuti e Crtm.
Bellinzonese
1 ora

Annullato 'Ul gir di alp' nella zona del Nara

Evitare nuovi contagi da Covid-19. Il comitato organizzatore rimborserà i molti iscritti
Bellinzonese
1 ora

Sussidio bici elettriche, Biasca ha raggiunto il limite

Per quest'anno l'aiuto non sarà più concesso
Bellinzonese
1 ora

Riaperta all'utenza la Biblioteca comunale di Giubiasco

Ma dal 17 al 28 agosto sarà di nuovo chiusa per aggiornamento programma gestione prestiti libri
Bellinzonese
1 ora

Cinema sotto le stelle a Dalpe: attenti arriva 'Joker'

La proiezione sabato sera 8 agosto nei prati di Bedrina, con entrata libera ma vietata ai minori di 16 anni
Luganese
1 ora

Era un 'piccolo chimico' della droga sintetica

Il 24enne luganese condannato a una pena di 180 giorni aveva 'rubato' le tecniche di fabbricazione delle sostanze stupefacenti dal web.
Ticino
17.10.2018 - 10:350

Polveri fini, i consigli del Cantone per ridurle

Riscaldamento degli edifici e utilizzo dei veicoli a motore, ecco l'elenco dei comportamenti virtuosi

Le stagioni autunnali e invernali sono frequentemente caratterizzate da situazioni di stabilità atmosferica e d’inversione termica (temperature in montagna superiori a quelle nel fondovalle). Inoltre, il carico supplementare d’inquinanti causato dall’attivazione delle fonti di riscaldamento va ad aggiungersi a quello originato durante tutto l’anno da altre fonti, principalmente il traffico e il settore industriale. Per questi motivi si possono verificare aumenti delle medie giornaliere di PM10 nell’aria oltre il limite di legge, fissato a 50 microgrammi per metro cubo dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico (OIAt).

Nell’espletamento dei suoi compiti di prevenzione e d’informazione, il Dipartimento del territorio raccomanda alla popolazione alcuni provvedimenti atti a limitare le emissioni di PM10.

Energia e riscaldamento

Riducendo le temperature in casa (circa 18°C nelle stanze da letto e tra 19°C e 21°C nelle altre stanze) è possibile dare un contributo alla diminuzione delle emissioni di PM10. In particolare quando gli impianti di riscaldamento sono alimentati con combustibili fossili. Per quanto riguarda gli impianti a legna, di fondamentale importanza è l’utilizzo di legna secca, così come una gestione corretta del focolare, utilizzando il metodo dell’accensione dall’alto (video esplicativo all’indirizzo web www.ti.ch/aria). Durante i periodi con elevate concentrazioni di PM10, i gestori d’impianti di riscaldamento a legna secondari (come ad esempio stufe e caminetti) possono contribuire a migliorare la qualità dell’aria rinunciando al loro utilizzo o perlomeno limitando l’uso di combustibile.

Veicolo motorizzato privato

Scegliere il trasporto pubblico - laddove possibile - in alternativa al veicolo privato. L’automobile è talvolta sostituibile con spostamenti a piedi o in bicicletta. Se è necessario utilizzare il mezzo privato, si può scegliere di condividere i viaggi; infine, uno stile di guida moderato aiuta a ridurre le particelle prodotte dall’abrasione dei freni, così come il risollevamento delle polveri dalla carreggiata

Informazioni sullo stato dell’aria sono reperibili attraverso i seguenti canali:

“airCHeck”, l’applicazione gratuita per Smartphone che permette la consultazione in tempo reale dei principali inquinanti atmosferici in ogni punto del territorio svizzero:

La pagina www.ti.ch/oasi permette di accedere direttamente ai dati sulla qualità dell'aria, come pure al bollettino sull'inquinamento atmosferico con i grafici delle concentrazioni di PM10 registrate negli ultimi sette giorni. Le pagine www.ti.ch/aria (a livello ticinese) e www.polveri-sottili.ch (a livello svizzero) approfondiscono il tema dello smog invernale.

I collegamenti radiofonici riprendono da gennaio 2019, ogni lunedì su Rsi Rete 1 verso le 12.55. Il bollettino aggiorna sullo stato delle concentrazioni di PM10 della settimana precedente e presenta una previsione per i giorni seguenti; sempre su Rete 1 vengono diramate giornalmente le concentrazioni delle stazioni di misura dove si registrano dei superamenti del limite di legge.

© Regiopress, All rights reserved