laRegione
Nuovo abbonamento
procuratore-straordinario-il-governo-ci-sente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
1 ora

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
1 ora

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
1 ora

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
2 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
2 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
2 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
2 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
2 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
2 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Bellinzonese
2 ore

Educare con empatia, tre incontri a Bellinzona

Gli appuntamenti gratuiti affronteranno alcuni aspetti delle relazioni con i figli, dei conflitti e della gestione delle emozioni
Bellinzonese
2 ore

A Villa dei Cedri si pianta un nuovo melo

L'evento viene organizzato domenica in collaborazione con la Società ticinese di scienze naturali
Luganese
2 ore

Lugano, Acli verso il 14esimo congresso

Le Associazioni cristiane lavoratori internazionali si riuniranno sabato. Fra le trattande, la votazione del presidente e del Consiglio cantonale
Ticino
2 ore

Gran Consiglio: approvati i conti 2019, scintille sui permessi

Con 43 favorevoli e 30 contrari il parlamento dà il proprio via libera al consuntivo dello scorso anno. Gobbi rinvia le polemiche a giovedì
Bellinzonese
2 ore

Serata pubblica su case anziani e Covid

La organizza l'Mps il 30 settembre alle Scuole Nord di Bellinzona. Sul piatto del giorno la gestione durante l'emergenza e nella fase degli allentamenti
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona verso un Ente autonomo unico per le zone collinari

Il Municipio risponde a un'interrogazione di Pedrioli (Ppd) sulla Sponda sinistra. Rimangono per ora esclusi i territori di Claro, Giumello e le cime di Medeglia
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, primo passo: una deroga a Roma

Il neo sindaco Roberto Canesi parla delle sfide imminenti del Comune;: la riapertura del casinò, i debiti, l'unione doganale europea e la questione sanità
Ticino
12.09.2018 - 13:410

Procuratore straordinario, il governo 'ci sente'

Sezione dei reati economico-finanziari, il Pg Pagani sembrerebbe aver convinto il Consiglio di Stato circa la necessità di un potenziamento

Un incontro «franco e trasparente, con informazioni aggiuntive da parte del Ministero pubblico che hanno portato il governo a confrontarsi sul tema di un procuratore pubblico straordinario». Sono le parole con cui pochi minuti fa, in conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline, il ministro delle Istituzioni Norman Gobbi ha lasciato intendere che dati e motivazioni fornite dal procuratore generale Andrea Pagani nel corso dell'incontro con il Consiglio di Stato potrebbero bastare per scendere sulla strada di un potenziamento del Ministero pubblico. Qualora si decidesse per il rafforzamento, ha aggiunto Pagani, la nuova figura difficilmente verrà assunta a concorso, perché il profilo dei candidati è solitamente troppo "verde" per un impegno simile. «Ci vuole un giurista o un avvocato di "peso" – ha detto il pg – che dal primo giorno possa essere pienamente operativo».

«La richiesta di un potenziamento della sezione partiva da una lettera da me scritta all'inizio di giugno. Il problema, noto, è che la sezione dei resti economico-finanziari ha un numero di procedimenti penali pendenti, in parte fermi, che non permette di ossequiare al principio della celerità». Oggi, ha proseguito, «con il governo è stato fatto un discorso molto franco e trasparente. Sono particolarmente soddisfatto di quanto è emerso da parte del Consiglio di Stato, che si riserva comunque di verificare e di esaminare un documento da me redatto e che fotografa con dati e considerazioni l'attuale situazione della sezione. Per il governo c'è materia sufficiente. Sono fiducioso per la risposta che si darà non tanto al Ministero pubblico che rappresento, quanto alla popolazione del canton Ticino».

Secondo Pagani, «una giustizia non celere non è giustizia. Inoltre, un potenziamento del Ministero pubblico non va visto come un costo, ma come un investimento: ci sono milioni sequestrati pendenti da 10-15 anni, che rischiano la prescrizione. Davanti a queste motivazioni, e al sistema di monitoraggio delle entrate e delle pendenze che c'è ora in Ministero pubblico, il governo potrà decidere in serenità».

Per Gobbi «è stato importante, per il governo, prendere atto del chiaro segnale d'indirizzo della direzione del Ministero pubblico sulla  gestione operativa del Ministero stesso. Rispetto al passato, emerge una nuova volontà di gestione attiva, per evitare prescrizioni che danneggino l'immagine del funzionamento della giustizia in Ticino. Si tratta di un cambio d'indirizzo da salutare». Pertanto, «guardiamo con più tranquillità alle richieste, che devono essere sostanziate da dati come queli ottenuti da Pagani. L'obiettivo non è dare "tout court" un procuratore pubblico in più, quanto piuttosto una risorsa per evadere le pendenze che giacciono da tempo, ottenendo chiusure che permettano di contenere i danni, anche magari non con piena soddisfazione di tutte le parti in causa».

La conferma del "nuovo corso" in Ministero pubblico è stata data da Pagani: «Ho segnalato al CdS che la nuova direzione del Ministero si prodiga per fare in modo che ci sia una migliore ridistribuzione dei dossier nell'ufficio. Non sarà più solo il caso, secondo il criterio del picchetto, a determinare l'attribuzione di un procedimento. Questa sarà, invece, il frutto di un lavoro che andrà fatto quotidianamente, tramite una miglior monitorazione generale».

Interrogato circa la presenza, nel pacchetto di richieste, anche dei 3 segretari giudiziari supplementari evocati qualche mese fa, il Pg ha parlato di priorità: «Prima il pp straordinario, poi il resto, in base alla politica dei piccoli passi che permette di solito di ottenere un consenso allargato».

'Non una norma a solo beneficio del Ministero pubblico'

Quanto ai tempi di una risposta da parte del governo, visto che servirà una modifica legislativa «prima si andrà in Gran Consiglio, poi in commissione Legislazione, poi nuovamente dal plenum, e infine si potrà mettere la norma in vigore – ha detto Pagani –. Siamo anche nell'anno elettorale, dove le cose tendenzialmente potrebbero andare più lentamente, o magari anche più velocemente». Un'altra puntualizzazione importante da parte del Pg è stata quella secondo cui «non vogliamo creare una norma a beneficio del Ministero pubblico, ma di tutti gli uffici giudiziari permanenti. Parliamo di una norma generale astratta in base alla quale il governo può, su preavviso del Consiglio della Magistratura, nominare un magistrato in caso di comprovato sovraccarico dell'ufficio. Non è importante dove ciò succeda. Ci si deve rendere conto che il mondo corre a una velocità folle e che i tempi necessari per mettere a posto un ufficio giudiziario non sono quelli della politica». 

Pagani ha anche ammesso che per il pp straordinario ci sarebbero già «2-3 nomi» di papabili. In merito infine alla situazione di perenne instabilità all'interno del Ministero pubblico, il Pg ha rilevato che «negli ultimi 7 anni il 66% dei procuratori è cambiato. Quindi molti dossier sono passati di mano. Chi arriva non sa esattamente cos'ha in dotazione. L'ultimo pp entrato in carica è da un mese che legge i dossier per capirlo. Certi incarti sono costituiti da quintali di materiale. Questa situazione mi spaventa parecchio».

© Regiopress, All rights reserved