laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 ore
Gordola, ritrovato dopo 8 giorni il 34enne disperso
Era scomparso il 3 luglio sui Monti di Motti. L'uomo era caduto in una zona impervia. Ha riportato ferite gravi.
Gallery
Mendrisiotto
14 ore
Arzo: l'estrazione del marmo rischia di morire
Nel 2017 avevano ridato vita all'attività, lÎ alle cave. Adesso il blocco delle esportazioni li ha messi terra. 'Se non arrivano commesse, chiudiamo'
Ticino
17 ore
La terra trema nel Sopraceneri
La scossa tellurica, di magnitudo contenuta (2,9), è stata avvertita dalla popolazione del Bellinzonese
Mendrisiotto
17 ore
Il Mendrisiotto vuole far fermare i treni InterCity
Lanciata una petizione popolare (online) per scongiurare i piani dell'orario 2021, che 'stoppano' i convogli a lunga percorrenza a Lugano
Grigioni
19 ore
Grigioni, oltre un centinaio di persone in quarantena
Diversi gli episodi che hanno portato alle misure, tra cui un bimbo positivo in un campo vacanza
Ticino
1 gior
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
1 gior
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
1 gior
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
1 gior
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Mendrisiotto
1 gior
Padre violento condannato. Ma 'chi sapeva non ha parlato’
Il giudice Amos Pagnamenta auspica che la posizione dei docenti informati sui maltrattamenti venga approfondita
Ticino
1 gior
Col lockdown più tele e meno radio. Radio3iii supera Rete Tre
L'assenza degli spostamenti in auto ha fatto calare il pubblico radiofonico. Vanetti, RadioTicino: 'Nel post pandemia impennata di pubblico'
Ticino
1 gior
Tutti i radar di settimana prossima
Spoiler: nelle valli dell'Alto Ticino, l'unico controllo sarà ad Airolo.
Mendrisiotto
1 gior
Al m.a.x. museo di sera. Lo spazio apre fuori orario
Da vedere a Chiasso la mostra dedicata ad Alberto Giacometti. Trieste invece ospita l'esposizione su Dudovich
Luganese
1 gior
'Una grande opportunità per la Val Mara'
I sindaci di Maroggia e Rovio sulla campagna per l'aggregazione nel Basso Ceresio: occhio al sito web
Mendrisiotto
1 gior
‘Ha ignobilmente infierito su moglie e figli’, 8 anni di carcere
Condannato il siriano a processo per tentato omicidio. Tre i casi riconosciuti dalla Corte delle Assise criminali
Ticino
1 gior
I derby di hockey tornano alla Rsi
La radiotelevisione pubblica trasmetterà le partite tra Hcap e Hcl per i prossimi due anni
Ticino
1 gior
Cliniche e ospedali attendono ancora il lavoro ridotto
L'allarme è stato lanciato dall'Associazione delle cliniche private ticinese. Senza copertura pubblica, si rischiano licenziamenti
Ticino
14.05.2018 - 06:000

Il ‘coach’ per i genitori c'è anche in Ticino

Figli di famiglie più fragili, meno bravi a scuola: un educatore aiuta i neogenitori. È la via più efficace come dimostra uno studio zurighese.

Se la chiamano Tata Matilda storce il naso. «Non calo insegnamenti dall’alto o impongo teorie, il genitore resta l’esperto di suo figlio, il mio ruolo è quello di rinforzare quello che c’è già», spiega la pedagogista Martina Flury Figini. Coordina il progetto pilota ‘PAT-Imparo con i genitori’, iniziato un anno e mezzo fa, che mira a rafforzare le competenze dei genitori nelle famiglie più fragili. Si inizia quando il bebè è in pancia o ha 6 mesi e si va avanti, a ritmo di un incontro ogni 2 settimane, finché compie tre anni.

Attualmente in Ticino, quattro professioniste formate stanno facendo da ‘coach’ a 22 famiglie. Lo scopo è dare ai bambini le chance migliori quando inizieranno la scuola.

Talvolta chi proviene da famiglie più disagiate (con genitori senza formazione, poco integrati o mamme fragili e sole) rischia di avere più problemi a scuola, sempre più selettiva e con limitate possibilità di recupero. Un modello sperimentato negli Usa, in Germania, in Svizzera tedesca e ora in Ticino. «Seguiamo un programma standardizzato, concepito a Zurigo, che adattiamo. Entro fine giugno 2019, quando termina la fase test, contiamo di arrivare ad una cinquantina di famiglie. Altre sette persone sono in formazione», precisa.

Come avete scelto la ventina di famiglia che state sostenendo? 

Le situazioni di fragilità ci vengono segnalate da levatrici, infermiere materno-pediatriche, pediatri e ginecologi. Sono nuclei con vulnerabilità economiche, sociali, personali o di malattia, che interferiscono con la capacità di occuparsi del nascituro che rischia di non poter sviluppare al meglio le sue potenzialità.

La famiglia può rifiutare il vostro aiuto? 

Nulla viene imposto. Ogni famiglia deve dare il suo consenso e può interrompere il percorso in ogni momento.

Quali incertezze hanno i neo genitori?  

C’è una grande difficoltà a gestire la frustrazione del bimbo quando si mette un divieto. L’unico modo che un bimbo ha di manifestare la sua frustrazione è urlare, pestare i piedi e magari succede al supermercato sotto gli occhi di tutti. Diversi genitori faticano a contenere queste reazioni. Sarebbe meglio non cedere. A volte basta aspettare.

Non cedere alle urla, perché i no di oggi faranno bene domani?

Troppi no sono faticosi sia per il genitore sia per il figlio. È utile definire poche regole fondamentali, magari legate alla sicurezza, e su quelle non transigere. Ad esempio, quando si sale in auto, si attacca la cintura e se ci sono urla non si parte. Ciascun genitore deve trovare le sue regole.

Le teorie sull’educazione continuano a cambiare: cosa fate coi genitori? 

Questa generazione è la prima che si pone domande e non segue modelli rigidi. E questo è un bene. Lavoriamo insieme, senza calare lezioni. Un esempio è l’interazione tra genitore e bambino. Semplici giochi, come quello del ‘Cucù’, sono importanti da fare col proprio bimbo, perché impara la permanenza dell’oggetto. Questo gli permette di staccarsi della mamma in sicurezza. Come il Cucù va e viene, anche la mamma se esce dalla stanza, continua ad esistere.

E sui temi classici, dormire o mangiare da solo o coi genitori, come vi regolate? 

Sono aspetti educativi che vengono discussi, adeguati allo sviluppo del bambino con approcci diversi. Ad esempio, un bebè lo si fa mangiare prima per comodità, ma da quando sta seduto è meglio metterlo a tavola e farlo partecipare al pasto, così ha un modello. Rassicurante il rituale per farlo addormentare (lavare i denti, pigiama e storia), evitando di lasciarlo appisolare in qualsiasi parte della casa. Lo scombussola addormentarsi in un luogo e svegliarsi in un altro.

 

‘Sostenendo mamma e papà, i figli sono diventati studenti migliori’

«Se rafforziamo i genitori nel loro ruolo educativo vedremo i frutti sui loro figli. È la via più efficace per riequilibrare le differenze al primo anno di scuola tra bambini più o meno svantaggiati. Lo dimostra lo studio che abbiamo fatto a Zurigo». A parlare è il prof. Andrea Lanfranchi, direttore dell’Istituto professionalizzazione e sviluppo dei sistemi alla Scuola superiore di pedagogia speciale a Zurigo. Psicologo scolastico per anni, ha notato come alla scuola dell’infanzia i bimbi partivano già da livelli molto diversi. «A causa di varie situazioni di disagio in famiglia che generano stress possono venire a mancare gli stimoli necessari per uno sviluppo armonico del bambino. Ho capito che dovevamo intervenire sui genitori per colmare svantaggi futuri. Così le famiglie cambiano le pratiche educative, ma la prevenzione deve iniziare subito, perché già a 3 anni le differenze di sviluppo possono essere molto grandi». Così nel 2011, Lanfranchi avvia a Zurigo la ricerca Zeppelin. L’obiettivo è verificare se tramite misure di sostegno nei primi anni di vita con il programma ‘PAT-Imparo con i genitori’ si riesce davvero ad alzare il livello di riuscita scolastica di quei bambini cresciuti in nuclei precari e fragili.

«Il 10% delle famiglie è vulnerabile. Abbiamo scelto 250 famiglie residenti in 10 comuni della cintura di Zurigo con un elevato tasso di immigrazione. Metà di loro era seguita dalle educatrici del programma PAT con 2 visite al mese, l’altra metà riceveva aiuti standard». Tutti monitorati per 3 anni per misurare lo sviluppo dei bambini e le competenze dei genitori. I risultati sono stati positivi. «I figli delle famiglie seguite col programma PAT erano più avanzati a livello linguistico, meno iperattivi e ansiosi (ad esempio, a un anno dormivano di notte senza svegliarsi). I loro genitori, che si sentivano più appoggiati, erano più empatici. Riuscivano a leggere meglio i bisogni dei bimbi rispetto al gruppo di controllo». Visti i risultati il programma è stato esportato a San Gallo, Turgovia, Frauenfeld e Ticino. A Zurigo oggi sono seguite 150 famiglie con fondi cantonali, comunali e privati. Sostenere una famiglia costa 20mila fr. su tre anni. «Per ogni franco investito ne rientrano da 3 a 9». Nel senso che intervenire dopo è più costoso.

 

© Regiopress, All rights reserved