laRegione
Nuovo abbonamento
il-panico-divora-sempre-piu-adolescenti-e-chi-sta-in-citta
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min
Mendrisio, il Municipio conferma la fiducia all'Ecam
Sollecitato da un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Ind., l'esecutivo spiega di essere stato informato regolarmente sulla pandemia in casa anziani
Bellinzonese
31 min
Villa dei Cedri a Bellinzona, due le opere vandalizzate
Oltre al gigante cui è stata amputata la gamba sinistra, con un oggetto appuntito sono state sfregiate le superfici di un'installazione marmorea
Bellinzonese
1 ora
Nante di traverso: 'Ok l'alta tensione, ma non i tralicci'
L'associazione chiarisce il senso dell'opposizione contro la nuova linea elettrica aerea progettata da Swissgrid in alta Leventina
Mendrisiotto
1 ora
Da ‘Pittura in libertà’ un sostegno alla ricerca medica
La vendita dei dipinti realizzati al centro culturale LaFilanda di Mendrisio ha permesso di donare 1'250 franchi
Mendrisiotto
1 ora
Quattro serate di cultura all'aperto a Vacallo
È quanto propone il dicastero Cultura da mercoledì 15 luglio. Gli eventi sono gratuiti ma occorre iscriversi
Grigioni
3 ore
Grigioni, alpinista muore dopo una caduta di 400 metri
È successo ieri mattina attorno alle 10 sul Pizzo Bernina sul confine con l'Italia. L'uomo apparteneva a un gruppo formato da tre coppie
Gallery (10 foto)
Luganese
4 ore
Bissone, schiacciato sul tetto della chiesa da del materiale
Un uomo è rimasto ferito in modo non grave nel corso dei lavori di restauro della parrocchiale di San Carpoforo
Luganese
5 ore
Massagno, il consuntivo 2019 registra un utile
Il risultato positivo consente al Comune di aumentare il capitale proprio e di abbattere il debito pubblico di 5,7 milioni di franchi
Ticino
5 ore
Coronavirus, otto i nuovi casi registrati nel weekend in Ticino
Il numero totale sale a quota 3'375, sempre fermi a 350 i decessi. E un paziente dimesso dall'ospedale
Locarnese
6 ore
Mezzo milione per la Fondazione Bolle di Magadino
Il credito, adottato dal Consiglio di Stato, coprirà il periodo compreso tra il 2020 e il 2023
Luganese
9 ore
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
9 ore
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
9 ore
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Ticino
03.05.2018 - 06:000

Il panico divora sempre più adolescenti e chi sta in città

Genitori iperprotettivi e social, un mix che fa ammalare di disturbi di ansia sempre più giovani. Perché succede, come inizia e come se ne esce

Chi scappa è perduto! È la regola che ogni terapeuta insegna sull’attacco di panico: bisogna affrontare il ‘mostro’ e farselo amico. Evitarlo, lo fa diventare più forte. Subentra la paura della paura che divora pezzi di vita fino a confinarti in casa. «Gli attacchi di panico sono molto diffusi, colpiscono maggiormente chi vive in città e sempre più giovanissimi, fino al 35% degli adolescenti», spiega lo psichiatra Michele Mattia

L’aumento degli attacchi di panico tra i giovanissimi, secondo la professoressa Sandra Sassaroli (che dirige gli studi cognitivi alla Scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva e dirige il Dipartimento di psicologia di Milano della Sigmund Freud University) potrebbe essere legato – ma non ci sono evidenze scientifiche al riguardo – alla tendenza di molti genitori ad essere iperprotettivi. «Sempre più famiglie hanno un unico figlio, che sarà il loro unico testimone, quello che porterà avanti i geni, e di conseguenza si tende a proteggerlo in modo esagerato. Un tempo si facevano fino ad otto figli e non si investiva così tanto solo su un figlio. Oggi è diverso. Penso a mamme iperansiose che vincolano o non permettono ai loro figli l’esplorazione del mondo, ripetendo in modo ossessivo ‘fai attenzione a questo, fai attenzione a quello...’. . Penso ad una madre che pretendeva di accompagnare il figlio trentenne ansioso in terapia», spiega la psicoterapeuta. Atteggiamenti che possono creare un terreno fertile per far crescere un’ideologia di fragilità, invece di favorire l’indipendenza di individui equilibrati e coraggiosi. Un genitore deve poter riconoscere le proprie ansie, verbalizzarle e contenerle.  

Un male insidioso e sottovalutato che attraversa la nostra società. Quasi una persona su tre lo incrocia. Conoscerlo è il primo passo per farcela, come ci spiega il dottor Mattia il presidente dell’Associazione della Svizzera italiana per i disturbi ansiosi, depressivi e ossessivo-compulsivi. 

Perché ne soffre di più chi sta in città? 
Si vive in locali piccoli dentro palazzi dove si devono tollerare i rumori altrui, per spostarsi spesso si è in coda, sui bus, sempre affollati, dove manca lo spazio. C’è anche più competizione sociale: sono tutti elementi che aumentano lo stress e riducono la capacità di gestire l’ansia.

Perché i giovani sono i più colpiti? 
Curiamo anche preadolescenti. Le nuove tecnologie possono essere un attivatore del panico. Pensiamo ai social, ai ‘like’ che creano approvazione o disapprovazione, una continua competizione e frustrazione che può influenzare l’equilibrio psichico di un adolescente . Viviamo in una società dell’iper controllo e della competizione ad alto rischio di ansia.

Non si nasce con l’ansia, perché inizia?
Alcuni segnali ci sono già in età infantile. Una certa tendenza all’ansia, un’insicurezza eccessiva che porta a evitare delle situazioni, diminuisce la comunicazione e aumenta l’isolamento. Ci può essere l’angoscia a presentare una relazione a scuola. Di regola, un periodo di stress, insoddisfazione o frustrazione precedono l’attacco. Non è legato, per forza, a un evento esterno ma a un accumulo di stress che la mente non può sopportare. Può arrivare anche di notte. Quando deflagra viene spesso scambiato erroneamente per una problematica cardiaca.

Perché il panico diventa un carcere?
Perché la paura di un nuovo attacco porta a evitare luoghi che crediamo minacciosi. Si può iniziare da una galleria – si va in panico perché non si vede l’uscita – fino a evitare tutti i tunnel. Si inizia a prendere solo la cantonale. Poi non si supera più il Ceneri. L’ansia si allarga a macchia d’olio fino a chiuderti in una prigione.

Come uscirne?
Facendosi aiutare. In 6 mesi si possono ottenere buoni risultati con la terapia cognitiva comportamentale, che lavora sui pensieri disfunzionali. Del tipo ‘se vado in ascensore si blocca e non esco più’. Osservare questi pensieri errati e ristrutturarli è il principio di questa psicoterapia. La tappa successiva è affrontare la paura. Se è l’ascensore, si focalizza la terapia sul lift, si osservano le emozioni che suscita e si impara a gestirle. Il tasso di successo quando il paziente si impegna è molto alto. La farmacoterapia all’occorrenza è utile. Yoga, meditazione e attività fisica aiutano. Più migliora lo stile di vita più riusciremo a curare il panico.

© Regiopress, All rights reserved