ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
33 min

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
57 min

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed e consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
59 min

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
59 min

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L‘associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ’Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
Bellinzonese
1 ora

Ex direttore Stalvedro, pena ridotta ma carcere confermato

Ricorso in Appello parzialmente accolto. L’uomo è stato condannato a 27 mesi, di cui 3 da espiare e non 6 come deciso in prima istanza
Bellinzonese
2 ore

Capanna Cremorasco pronta per la primavera

I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Mendrisiotto
4 ore

Ricercato, viaggiava su un treno proveniente dalla Svizzera

L’uomo è stato fermato dai finanzieri alla stazione di Como. Su di lui pendeva una condanna per vari reati legati a droga, ricettazione e furto
Ticino
8 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
8 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
14 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
15 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
16 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
18 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
20 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
21 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
21 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
29.11.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:31

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario

di Carlo Canonica
il-museo-dei-fossili-di-meride-spegne-dieci-candeline
Museo dei fossili del Monte San Giorgio
Un museo al passo coi tempi
+11

Ticinosuchus, Serpianosaurus, Ceresiosaurus. Questi sono solo alcuni degli animali che sono stati scoperti negli anni sul Monte San Giorgio, il migliore esempio al mondo di quella che fu la vita marina nel periodo Triassico medio (247-237 milioni di anni fa). Dietro a queste scoperte c’è un lavoro spesso poco notato, ma grazie al Museo dei fossili di Meride è diventato un po’ meno difficile da comprendere e negli ultimi anni anche in modo interattivo e all’aperto.

Il Museo, che quest’anno compie dieci anni, ha come direttore Luca Zulliger, il quale come tanti ragazzi ha una passione per la paleontologia che si porta dietro fin da piccolo. «Mio nonno era un amante di fossili e minerali e quando andavo da lui ero circondato da questo mondo – si racconta a ‘laRegione’ –. Poi durante i miei studi in geografia ho seguito dei corsi complementari in geologia e paleontologia, lì ho riscoperto questa passione che avevo lasciato un po’ in disparte». Tornato in Ticino, ha collaborato con il Museo cantonale di storia naturale e successivamente, nel 2015, è diventato direttore del Museo dei fossili di Meride. «Qui ho potuto focalizzarmi non solo sull’aspetto scientifico, ma anche su quello divulgativo per il pubblico, soprattutto per le scuole e i più giovani in particolare».

Gli obiettivi del Museo in questa decade

Dalla nascita del nuovo Museo, nel 2012, gli obiettivi sono sempre state chiari: divulgare e sensibilizzare la popolazione riguardo il valore universale eccezionale del Monte San Giorgio, che dal 2003 fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Da quando Zulliger è arrivato a Meride, dopo aver continuato il lavoro iniziale dell’esposizione permanente, l’attenzione si è focalizzata sulla divulgazione e l’aggiunta di attrazioni multimediali. Come ci spiega il direttore, «fin dall’inizio si è cercato di coinvolgere più persone con l’intento di aumentare il numero di visitatori rivolgendosi anche a un pubblico sempre più giovane. Dati i risultati che abbiamo ottenuto ci siamo riusciti: siamo passati da una media di 8-10mila visitatori all’anno, ai 21mila del 2021». Il coinvolgimento delle scuole e dei ragazzi in generale «è stato di grande importanza – continua Zulliger –, ora i visitatori al di sotto dei sedici anni rappresentano più della metà dei nostri ospiti».

La realtà virtuale come attrazione

I fossili esposti, grandi anche due metri, restano sempre l’attrazione principale, ma «quello che coinvolge di più – ribadisce il direttore – sono le esperienze multimediali che offriamo, come per esempio i cortometraggi, i video e la realtà virtuale e aumentata che riportano in vita questi animali», questo ha appunto permesso di attirare un pubblico sempre più giovane. Come precisa Zulliger «potersi immergere nel mare di 240milioni di anni fa e nuotare con i rettili e i pesci di allora, permette ai visitatori di apprezzare al meglio i fossili esposti nel Museo». Alcuni visitatori vengono attirati al Museo solo per queste esperienze che fungono da calamita. Purtroppo però alcuni "ninnoli di queste strane creature" (cit. Tracy Chevalier) spesso vengono osservati meno, «un riccio di mare grande pochi centimetri – sottolinea Zulliger –, nell’esposizione si perde un po’ in mezzo ai grandi rettili. Anche i piccoli esemplari però hanno delle particolarità molto interessanti sia da un punto di vista scientifico che estetico».

Il presente e il futuro nel Museo

L’obiettivo della Fondazione e del Museo dei fossili del Monte San Giorgio è anche quello di uscire dalle quattro mura museali e mettere in valore il territorio e tutta la regione. Tre anni fa, a pochi passi dal museo, è stata inaugurata la Terrazza panoramica della Val Mara, dove si può ammirare l’imponente parete rocciosa sopra il torrente Gaggiolo, e quest’anno è stata realizzata la postazione denominata ‘Aula didattica di Carpanée’ nei pressi dello scavo paleontologico di ‘Acqua del Ghiffo’, a soli trenta minuti a piedi da Meride, dove è presente anche un’area pic-nic. «Questa nuova aula immersa nel bosco è fruibile tutto l’anno e mostra i fossili e gli animali che popolavano il mare di allora», ci illustra il direttore. Sabato 26 novembre è stata inaugurata, invece,una nuova teca chiamata ’vetrina terrario’ che, come ci spiega Zulliger, «è la ricostruzione dell’habitat terrestre e al suo interno è presente una ricostruzione tridimensionale di Macrocnemus, uno dei pochi rettili terrestri trovati nelle rocce del Monte San Giorgio». Nel futuro è in programma anche «un progetto di un percorso esperienziale tra Arzo, Tremona, Meride e Serpiano con otto postazioni non solo dedicate alla paleontologia, ma anche alla cultura e alla storia con un forte legame al territorio».

Porte aperte il 3 e 4 dicembre

Giunti sin qui, il direttore Luca Zulliger invita tutta la popolazione a festeggiare il decimo anniversario del Museo dei fossili di Meride: «Sarà possibile entrare gratuitamente al Museo e farsi accompagnare dalle nostre guide, oppure usufruire delle audio guide sia per i bambini, pensate per aiutarli a seguire la visita con un linguaggio più semplice, che per gli adulti». Le porte si apriranno il 3 e 4 dicembre, dalle 9 alle 17. Un’occasione in più per scoprire la vita di un passato lontano nel tempo, ma molto vicina a noi territorialmente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved