ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
5 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
5 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
5 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
8 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
8 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
10 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
10 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
11 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
12 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
12 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
12 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
01.09.2022 - 18:28
Aggiornamento: 21:33

Comparto Valera, i commissari ci mettono la firma

Consegnato il rapporto che apre la strada al dibattito in Gran Consiglio. Sui banchi un Puc da 17 milioni di franchi

comparto-valera-i-commissari-ci-mettono-la-firma
Ti-Press
Un triangolo di territorio che farà la differenza

Atteso lo era da tempo. Dato per imminente in un paio di occasioni – l’ultima nel novembre scorso –, il rapporto su Valera alla fine si arenava sempre su qualche scoglio. E la speranza di veder approdare sui tavoli del Gran Consiglio il dossier su uno dei comparti cruciali del Mendrisiotto sembrava affievolirsi. Questa volta, però, per il futuro dei circa 190mila metri quadrati ritagliati tra Rancate, Genestrerio e Ligornetto (Quartieri di Mendrisio) è arrivata davvero la volta buona. Oggi pomeriggio la Commissione ambiente, territorio ed energia ha lasciato la riunione dopo aver consegnato il rapporto che apre la strada al dibattito parlamentare. Ad apporre una firma in calce al documento è stata la maggioranza dei commissari. Del resto, riuscire a fare l’unanimità – come si è capito in questi anni – appariva assai arduo. Il solo fatto di aver chiuso l’esame del Puc, il Piano di utilizzazione cantonale messo a punto dall’autorità cantonale, con un unico rapporto è già un risultato importante.

Ora tocca al Gran consiglio

Il parere staccato dalla Commissione ha tutta l’aria, quindi, di essere un buon viatico per il Puc di Valera. Conquistata lì la maggioranza dei granconsiglieri, la strada verso la decisione finale dovrebbe essere un po’ meno in salita. Da quanto da noi accertato, infatti, in un solo caso non si è aderito al lavoro dei colleghi, mentre alcuni deputati hanno espresso delle riserve, che scioglieranno a ridosso del voto. Detto altrimenti, uno scenario promettente in vista della prossima seduta di Gran Consiglio, in programma per questo mese, il prossimo 19 settembre.

Sia chiaro, tagliare il traguardo per la Commissione non è stato semplice. Anche oggi, da quanto trapelato, la discussione è stata lunga e accesa. Come lungo e travagliato è stato il percorso dell’esame commissionale, durato più del previsto. Il nodo gordiano? La questione finanziaria, che si intreccia alle diatribe giuridiche aperte con i privati (meglio i due maggiori proprietari della zona). La posta in gioco? Restituire un destino verde a Valera. Con il Puc, messo in consultazione nel febbraio del 2019, il Cantone è pronto a investirci 17 milioni di franchi, riservandone 6 agli espropri.

La popolazione attende da anni

Del resto, sono in molti nel Mendrisiotto ad attendere da tempo il riscatto del comparto nel ‘cuore’ del Distretto, che nei piani ora sarà restituito all‘agricoltura, alla natura e allo svago della popolazione locale. Nessuno dimentica le 6’800 firme raccolte nel 2012 da ’Cittadini per il territorio’, Società agricola del Mendrisiotto e Unione contadini ticinesi con l’intento di attirare l’attenzione su quel triangolo di territorio tanto strategico e consolidare la sua salvaguardia.

Il nodo finanziario

Sulla destinazione di Valera da sempre, però, è in atto anche un braccio di ferro con i due maggiori prioritari privati, determinati a perorare la loro causa davanti alle istanze giudiziarie. Il punto? Il valore dei terreni, al centro ancora di recente di una perizia richiesta, il marzo scorso, all’interno della Commissione speciale. Un mandato assegnato a un esperto esterno sul quale si esprime oggi il rapporto finale.

Sul tema, d’altro canto, non mancavano già i pareri. Su tutti quello pronunciato nel marzo del 2019 dal Tribunale di espropriazione che, di fatto, aveva rispedito al mittente (ancora una volta i due proprietari) le pretese di indennità.Il verdetto aveva sancito, infatti, la non edificabilità delle superfici (anche perché in origine vi era una pianificazione non rispettosa delle disposizioni federali). Ergo, agli occhi dei giudici per quegli appezzamenti andrebbe pagato un costo in linea con i terreni agricoli. Una decisione rimessa in discussione e portata poi davanti al Tribunale cantonale amministrativo. Insomma, una storia infinita.

Una zona di pianificazione per fare da cuscinetto

Giunti sin qui, la scelta del parlamento sarà quindi importante. Il Consiglio di Stato, dal canto suo, non ha mai fatto un passo indietro. A tal punto che, scaduti i due anni di blocco edilizio, l’aprile scorso si è corsi ai ripari istituendo, di nuovo, una zona di pianificazione all’interno del perimetro del comparto. Questo strumento pianificatorio, in effetti, permette di congelare la situazione per i prossimi tre anni (con la possibilità di prorogare la misura). L’obiettivo dichiarato a livello cantonale è quello di difendere il Puc. Non a caso il dispositivo messo in campo pone il veto sulla "trasformazione, il cambiamento di destinazione e l’ampliamento degli edifici esistenti". Ma soprattutto, "non sono ammesse nuove edificazioni". Di fatto potranno essere realizzate solo le opere di manutenzione, da sottoporre all’approvazione del Municipio di Mendrisio e al preavviso cantonale.

Leggi anche:

Mendrisio: per Valera adesso arriva il Puc

Una zona di pianificazione cantonale per Valera

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved