ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
16 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 gior

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
1 gior

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
1 gior

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
1 gior

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
1 gior

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
1 gior

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
28.07.2022 - 05:20
Aggiornamento: 17:56

Il Distretto ha sete? ‘Urge pescare acqua dal lago’

A quasi 25 anni dalla petizione pro acquedotto sul Ceresio, i promotori rilanciano il tema. Il fronte rossoverde è pronto a difendere i vecchi pozzi

il-distretto-ha-sete-urge-pescare-acqua-dal-lago
Ti-Press/Gianinazzi
Pozzi e fiumi (la Breggia) in secca

In queste settimane nel Mendrisiotto e Basso Ceresio gli appelli alla parsimonia idrica si sprecano, anche se ormai non basta più essere virtuosi per tamponare le falle dell’‘emergenza acqua’. A proposito di sprechi da queste parti non ci si può più permettere di scialacquare nemmeno un litro del prezioso liquido che sgorga dai rubinetti di casa. In effetti, non c’è un Comune che non abbia richiamato i propri cittadini a un uso coscienzioso delle riserve liquide custodite da pozzi e sorgenti. Di più: Aziende come l’Age a Chiasso e le Aim a Mendrisio hanno parlato (forse per la prima volta) del rischio concreto di divieti, restrizioni e persino di razionamenti. Ecco allora che lo sbocco al Ceresio torna a riproporsi come una risposta urgente alle necessità del territorio. Chi da sempre sostiene la captazione a lago in questi giorni ha tolto dal cassetto della memoria una petizione di ormai 24 anni orsono – correva l’anno 1998 – a sostegno del cosiddetto acquedotto a lago. Anche all’epoca d’estate si restava a secco.

‘Gli obiettivi non sono cambiati’

I decenni passano, i bisogni restano. «Le motivazioni che ci avevano spinto allora a raccogliere le firme – 1’171 per la cronaca, da Castel San Pietro e dalla regione, ndr – sono ancora oggi attuali», annota Filippo Gabaglio, tra i promotori con Giorgio Cereghetti e Maurizio Albisetti della petizione popolare. È vero ora il Distretto ha il suo Piano cantonale di approvvigionamento idrico e il Consorzio Arm (Acquedotto regionale Mendrisiotto) è una realtà, ma l’acquedotto a lago in quanto tale, ci fa capire Gabaglio, non c’è ancora. «A questo punto – aggiunge – c’è da capire se a breve vi è la possibilità di arrivare a definire la questione. Tanto più che nel frattempo il problema della carenza idrica si è esteso di fatto all’intero Mendrisiotto».

D’altro canto, se oggi urge individuare una soluzione, le ragioni che nel 1998 hanno spronato a promuovere una petizione non sono passate di moda. «La nostra richiesta ruotava, in effetti, attorno alla necessità di garantire un approvvigionamento sicuro sul piano della quantità, ma al contempo una risposta di qualità all’eventualità di un inquinamento delle fonti. Eventualità che negli anni si è verificata». E qui l’elenco è dolente, tra contaminazioni da idrocarburi (il Pozzo Polenta a Morbio Inferiore), pesticidi (come il clorotalonil, trovato in più pozzi nel Distretto), o da perfluorottano sulfonato (Pfos venuto a galla nel Pozzo Prà Tiro a Chiasso).

I tempi e le scelte della politica

Ce n’è quanto basta per Gabaglio e Cereghetti – autori di una lettera aperta – per riannodare i fili del discorso. «Il nostro intento – spiega Gabaglio, già presidente distrettuale del Ppd, a ‘laRegione’ – non è quello di alimentare una discussione inutile, ma piuttosto quello di far comprendere che i tempi della politica sono un po’ lunghi. La problematica poteva essere già stata risolta qualche anno fa».

Ciò significa che la politica non ha compreso l‘urgenza del ‘dossier acqua’? «All’inizio – ci risponde Gabaglio – un ostacolo è stato rappresentato dai Comuni, diversi, che non percepivano il nodo della scarsità di acqua come problematico avendo riserve generose. Anche se poi, ripercorrendo per sommi capi la vicenda, si è arrivati a mettere in rete gli acquedotti». Passaggio intermedio, quest’ultimo, sulla via della captazione a lago. «Poi a pesare, anche sui ritardi – chiarisce Gabaglio –, è stata pure la componente economica, che determina un po’ le scelte. Davanti ai grandi numeri – e la spesa iniziale dell’operazione aveva spaventato tutti – si danno altre priorità, salvo poi rendersi conto che investimenti di questo tipo rappresentano un beneficio per tutti».

Tra clima e crisi idrica

Ci hanno pensato, però, i cambiamenti climatici a dare la sveglia. «Negli ultimi anni – riconosce Gabaglio – è mancata la capacità di avere delle visioni riguardo al nostro territorio: forse non si è mai affrontata la tematica in maniera approfondita. La crisi che stiamo vivendo, anche sul piano economico e agricolo, ci ha messo di fronte all’evidenza che le nostre fonti non sono inesauribili e che non è scontato avere acqua di qualità in quantità».

Non potrebbe essere più d’accordo Matteo Mombelli, municipale a Morbio Inferiore. «Mai come quest’anno – ci dice – ci siamo accorti che esiste un ’problema acqua’». L’Unità socialista e i Verdi di Morbio e la Sinistra e i Verdi di Balerna, sempre in questi giorni, hanno lanciato infatti un’altra sfida. Siccità e penuria idrica fanno invocare l’acquedotto a lago. Ma per il fronte rossoverde si tratta di una medaglia a due facce.

Occhio ai vecchi pozzi

«Non dimentichiamo che con l’acquedotto a lago andranno persi molti pozzi nel Basso Mendrisiotto – fa memoria Mombelli –: l’intenzione del Consorzio Arm è questa, anche se ci appare sempre più incomprensibile. Viene da chiedersi: cosa ne facciamo di questi pozzi? Non solo, chiudere queste fonti significa anche togliere le zone di protezione. Quindi permettere di costruirci sopra, perdendo in modo irrimediabile delle falde importanti, magari per un uso diverso, a vantaggio del sistema agricolo e industriale».

Lo si è toccato con mano proprio in questo periodo: Comuni come Mendrisio e Stabio hanno riattivato vecchi pozzi (di acqua non potabile) per garantire i servizi esterni comunali e andare in soccorso di contadini e viticoltori della regione. «Si è visto bene – rende attenti Mombelli – come anche l’acqua di pozzi dismessi sia sempre preziosa. Purtroppo certe captazioni non sono state gestite bene. Insomma, dobbiamo ricordarci del passato e che se siamo a questo punto c’è un perché: certe zone non sono state protette a sufficienza».

Preservare le fonti, una ‘necessità’

Mombelli e con lui Sinistra e Verdi di Morbio e Balerna sanno bene dove andare a parare: quella di preservare i quattro pozzi del Basso Mendrisiotto – ovvero Pozzo Polenta, Pozzo Prà Tiro e i due pozzi Prà Grand a Vacallo – rappresenta una "necessità". Occorre essere lungimiranti, fa capire ancora il municipale, e immaginare un loro utilizzo se non a scopo potabile almeno agricolo e industriale, "sempre con l’obiettivo di un risanamento futuro".

In altre parole, "la Sinistra e i Verdi di Morbio e Balerna – come si legge in una nota – ritengono che sia il momento di chiedere a Comuni, Cantone e Confederazione di ripensare con urgenza la propria politica di approvvigionamento idrico". E i primi a mobilitarsi, esortano, devono essere proprio le autorità del Basso Mendrisiotto. Anche perché ricordano, "non ci sarà un piano B".

Pronti anche al referendum

La prima mossa dei due gruppi è stata quella di presentare due interrogazioni (a Morbio e a Balerna), per chiedere altresì conto del destino dei Pozzi Polenta e Prà Tiro. Ma per perorare la causa si è pronti, si fa sapere, "a far capo a tutti gli strumenti politici, compreso il referendum". Solo una provocazione? «L’opzione referendum è riferita in particolare alla vicenda del Pozzo Polenta – spiega Mombelli –. Tra poco si riprenderà in mano l’incarto della pianificazione del comparto Serfontana-Bisio, silente sin qui sul destino delle zone di protezione, ancora in vigore. Da parte nostra intendiamo difendere il pozzo e il mantenimento dell’area verde. Sarebbe un po’ una forma di risarcimento verso un luogo che ci ha serviti per tanti anni e non siamo stati capaci di tutelare a dovere».

Leggi anche:

Emergenza idrica: sinistra e verdi invitano a preservare i pozzi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved