paolo-sauvain-alla-testa-della-fondazione-monte-generoso
Foto Jacques Perler
La Cascina d’Armirone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
30 min

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
51 min

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
Bellinzonese
2 ore

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo skilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione
Locarnese
3 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
3 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
4 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
28.06.2022 - 10:45
Aggiornamento: 12:30

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri

Passaggio di testimone alla testa della Fondazione Monte Generoso. Dopo dieci anni alla guida dell’ente Riccardo Rossi ha infatti ceduto il passo a un nuovo timoniere, Paolo Sauvain, la cui nomina è stata ufficializzata l’aprile scorso e resa pubblica oggi, martedì, in una nota. Il rinnovo ai vertici è stato radicale. Con Rossi hanno lasciato, in effetti, pure gli ormai ex vice presidente Mauro Maternini, la segretaria Ornella Spinedi e il membro Marco Bronzini, rispettivamente da 9, 6 e 4 anni partecipi a questo progetto.

A dare continuità all’opera di promozione della montagna di casa al fianco di Sauvain ci saranno adesso Nadia Fontana-Lupi, attuale direttrice di MendrisiottoTurismo, che assume la carica di vice, e Luigi Brenni, che farà le veci di segretario. Entrambi siedono nel Consiglio di fondazione già da diversi anni. Si sono poi aggiunti tre nuovi membri in sostituzione dei partenti, ovvero Federico Cattaneo, Michele Molinari e Giampaolo Tommasini. Completa il gremio la vice sindaca di Mendrisio Francesca Luisoni.

Il nuovo Consiglio è già all’opera

Il Consiglio si è messo subito al lavoro proprio, si fa sapere, per "seguire e sviluppare le attività della Fondazione che, da statuto, ha come scopo ‘il promovimento naturalistico e turistico del Monte Generoso attraverso la valorizzazione paesaggistica del territorio, conformemente a quanto stabilito dal Piano d’utilizzazione cantonale)’, in quanto proprietaria dei terreni che un tempo appartenevano alla società Bellavista Monte Generoso Sa che si trova sui Comuni di Mendrisio, Melano (oggi Val Mara, ndr) e Castel San Pietro e che ora gestisce".

Le ragioni del ricambio

Durante la recente riunione il neo presidente Paolo Sauvain ha salutato gli uscenti e li ha ringraziati "per l’impegno con il quale hanno svolto i loro rispettivi ruoli e anche per gli importanti traguardi che la Fondazione ha potuto raggiungere in questi anni". Di fatto si è trattato di dimissioni di gruppo. Cosa le ha motivate? La decisione di lasciare il posto in Fondazione è spiegato, si legge ancora nel comunicato, con l’intenzione di "svolgere altre attività e dare modo alla Fondazione di rinnovarsi e di introdurre delle nuove persone, che ambiscano a dare continuità e nuovi stimoli al lavoro del Consiglio".

Traguardi importanti

La gestione precedente, si ricorda infine, ha avuto "modo di instaurare importanti relazioni con i partner nel territorio", contribuendo "in maniera determinante alla gestione della proprietà della Fondazione, come anche allo sviluppo di una serie di progetti quali la sistemazione della Cascina d’Armirone, la costruzione del parco giochi, la sistemazione della Peonia e la realizzazione del progetto Momò Bellavista".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fondazione monte generoso monte generoso paolo sauvain riccardo rossi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved