aziende-unite-sul-mercato-energetico-distretto-al-lavoro
Ti-Press
Pronti a infilare la spina della cooperazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
6 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
10 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
10 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
10 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
16 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
18 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
18 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
20 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
20 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
20 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
20 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
22.06.2022 - 19:43
Aggiornamento: 20:13

Aziende unite sul mercato energetico: Distretto al lavoro

Si sta valutando una collaborazione stretta tra Aim di Mendrisio, Ams di Stabio e Age Sa di Chiasso per far fronte alla liberalizzazione

L’apertura del mercato elettrico anche ai medi e ai piccoli consumatori dà da pensare. Al momento una data a livello federale non c’è, ma nel Mendrisiotto non ci si vuole far trovare impreparati. È vero, sin qui si è retto il colpo della liberalizzazione varata nel 2009 della fetta che riguarda i grandi ‘mangiatori’ di energia – per capirci, chi veleggia oltre i 100mila kWh all’anno –, ma tolte tutte le barriere la vita per le Aziende locali potrebbe complicarsi. E allora, che fare? Rafforzare le collaborazioni potrebbe rivelarsi una carta vincente. Così ci si è messi al tavolo per ragionare su una intesa a tre, ovvero Aim di Mendrisio, Ams di Stabio e Age Sa di Chiasso. Al momento si resta ancora nel campo delle ipotesi, non senza però iniziare a sondare il terreno. La svolta possibile? Immaginare un unico soggetto capace di muoversi tra vendita e acquisto di watt a nome delle tre realtà di riferimento del Distretto.

Informati i gruppi politici

I tecnici, per ora, mantengono il riserbo sul progetto, peraltro in fase embrionale. Prima di pronunciarsi occorre andare al fondo di valutazioni, dati e cifre. Anche se, di sicuro, le analisi condotte dallo studio di consulenza, al quale ci si è rivolti per approfondire la tematica e avere elementi utili ai fini di una futura decisione, potranno essere d’aiuto. I risultati del lavoro, come preannunciato dal capodicastero Aziende Massimo Cerutti ai consiglieri comunali di Mendrisio, sono stati presentati martedì sera ai gruppi politici. Un incontro informativo che ha tutta l’aria di essere un iniziale test di gradimento. Certo il cammino ha tutta l’aria di essere ancora lungo a fronte di una mossa che potrebbe, comunque, rivelarsi strategica.

‘Sono in corso delle riflessioni’

«In effetti – si conferma dal Municipio della Città –, sono in corso delle riflessioni con le altre Aziende su una possibile cooperazione». Che è altra cosa, si lascia intendere, da una fusione delle tre realtà locali. La priorità oggi, infatti, è capire come affrontare la sfida di un mercato totalmente libero, con la consapevolezza che trovare una soluzione comune potrebbe essere la strada giusta. E qualche breccia, almeno nella politica mendrisiense la si è già aperta.

E nel legislativo il tema fa breccia

Anche vista (lunedì sera) dai banchi del Consiglio comunale la formula del ‘fare squadra’ appare quasi come l’unica possibilità per vincere la partita e, per dirla con le parole di Manuel Aostalli (Ppd, già capodicastero Aziende) per «restare attori nel commercio dell’energia». Detto altrimenti, come osservato a sua volta da Gabriele Ponti (Plr), andrebbe data la precedenza alle strategie, poi ai singoli progetti in un’ottica di economie di scala. E d’altra parte lo si è messo nero su bianco pure nel rapporto della Commissione della gestione a margine dei Consuntivi 2021 delle Aim – peraltro approvati quasi all’unanimità –, spalancando di fatto la porta all’ipotesi comunitaria.

"Per fronteggiare la situazione del mercato dell’energia, in particolare l’apertura del mercato per l’elettricità – si legge infatti nel documento –, l’auspicio è di poter valutare delle eventuali collaborazioni con altre Aziende, sotto questo aspetto le Aim, in collaborazione con Age Sa a Chiasso e Ams a Stabio stanno elaborando una proposta di costituzione di un soggetto unico che si occupi di commercio di energia, questo nuovo soggetto accorperebbe tutto il business dell’energia elettrica oggi frammentato presso le tre Aziende, facendo leva sulle economie di scala per meglio essere pronti ad affrontare l’apertura del mercato elettrico".

Nel frattempo, si pensa alla sede

Il quadro, insomma, è chiaro. Si sta, invece, ancora delineando lo stato dell’arte della futura sede delle Aziende industriali. Sul tavolo i bilanci, la domanda è arrivata puntuale. Accantonato il progetto più ambizioso di una nuova struttura per ragioni di risparmio, di recente il Municipio ha incontrato i progettisti, i quali hanno proposto una variante che dà modo di rivalutare gli stabili comunali. La soluzione possibile, infatti, è immaginare di inserire la parte amministrativa nella palazzina accanto al Palazzo civico – stabile da ristrutturare nella sua funzionalità – e di realizzare un nuovo magazzino. Un approccio che darebbe modo, come confermato all’aula consiliare, di contenere i costi e centrare comunque l’obiettivo logistico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende elettricità mercato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved