mendrisio-e-la-battaglia-del-moltiplicatore
Ti-Press/M. Piccoli
Plr e Ppd, vicini eppure lontani (almeno sulla fiscalità)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
20 min

Sbanda con l’auto, che si rovescia: donna ferita in modo serio

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
24 min

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
1 ora

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
1 ora

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
2 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
2 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
2 ore

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
2 ore

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
2 ore

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
2 ore

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
3 ore

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
4 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
6 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
9 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
9 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
19 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
20 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
20 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
20 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
20 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
laR
 
11.05.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:12

Mendrisio e la battaglia del moltiplicatore

Per Crimaldi (capogruppo Plr) la Città è a un bivio: deve decidere per l’aumento. Per Padlina (capogruppo Ppd) può essere l’inizio di una ‘escalation’

I cittadini di Mendrisio è meglio che si preparino. Che comincino a farsi i conti in tasca: l’anno prossimo, infatti, potrebbero veder lievitare di due punti il moltiplicatore. Le previsioni del Municipio lo danno al 77 per cento (dall’attuale 75). Passerà, però, questa linea? Succederà se ci saranno i numeri, non quelli dei dati finanziari bensì quelli dei gruppi politici che siedono in Consiglio comunale. Sulla carta, comunque, pare proprio di sì, che la misura potrebbe avere la meglio. A fare muro oggi a un aumento della pressione fiscale ci sono, di fatto, ‘solo’ Ppd e Lista civica (salvo qualche dissidente sui banchi delle altre forze partitiche). Lo si è visto bene lunedì sera nell’aula consiliare durante il dibattito sul Piano finanziario 2020-2027. Sia chiaro, le loro ragioni non sono del tutto assimilabili, ma le conclusioni sì. E d’altro canto, alla fine è tutta una questione di scelte politiche e di responsabilità istituzionale.

Nel passato recente non è la prima volta

Certo nel passato recente la Città ha sempre fatto un vanto della capacità di tenere basse quelle due cifre, persino di fronte alla crescita dell’‘altro’ moltiplicatore, quello aritmetico (salito oltre l’80 per cento). Farlo riuscendo comunque a far quadrare i bilanci. In effetti, è dal 2014 che il Comune veleggia a quota 75. In quello stesso anno il Consiglio comunale – pure allora diviso – aveva deciso un ritocco verso l’alto, passando dal 70 al 75 per cento appunto. E tra i favorevoli si iscriveva anche il Ppd, schierato all’epoca al fianco della Sinistra. Sul fronte opposto i Verdi, mentre Plr e Lega-Udc-Indipendenti si erano posti nel mezzo, propensi a un aumento più contenuto (di soli 3 punti).

‘È il momento di agire’

A otto anni di distanza circa si è davanti, quindi, a una nuova resa dei... conti. Mendrisio, insomma, è a un bivio inevitabile? «Sì, ci siamo arrivati», Vincenzo Crimaldi, capogruppo del Plr in Consiglio comunale va dritto al punto. Non ha avuto bisogno che la notte gli portasse consiglio: il partito appare compatto dietro al ‘suo’ sindaco (Samuele Cavadini). «È indubbio, aumentare il moltiplicatore – annota subito a ‘laRegione’ – è una decisione non facile e impopolare. Nessuno vorrebbe giungere a tanto: deve essere l’ultima ratio. Ma lo ribadisco, siamo arrivati al momento di agire; di dire cosa si vuole fare». Per Crimaldi non c’è altra via di uscita: o si rivede l’aliquota fiscale – condizione sine qua non per conservare le cose come stanno – o la si lascia dov’è, pena il taglio di qualche servizio. E a essere toccati, richiama il capogruppo, potrebbero essere tutti i settori, dal sociale al ricreativo. A uscirne indenni, su questo punto sono stati chiari anche i sostenitori dell’aumento, saranno gli investimenti. «Se si vuole progredire questo è necessario», commenta.

‘Ci vuole comunicazione’

«È chiaro – rende attenti Crimaldi – ci deve essere più comunicazione fra il Municipio e il Consiglio comunale su questo tema. Esecutivo e legislativo sono chiamati a prendersi, ciascuno, la loro responsabilità, ma insieme». Dallo scranno dell’autorità cittadina lo si è fatto capire in modo nitido. Per il capogruppo Plr la parola chiave, dunque, è condivisione. «Mi aspetto che ogni gruppo – rilancia – porti le sue proposte da discutere».

Sul tavolo, però, ci sono anche i suggerimenti del consulente esterno interpellato un paio di anni fa dallo stesso Municipio. Risultato, un risparmio di 2 milioni e mezzo che la maggioranza della Gestione invita a "leggere in modo critico". «Lo studio esterno – presentato sinora solo ai commissari della Gestione, ndr – dà delle indicazioni, ad esempio sul versante delle manifestazioni. Ma resta il fatto che siamo chiamati a decidere che Città vogliamo».

‘Manca la volontà di andare fino in fondo’

In effetti, il momento è cruciale anche per Gianluca Padlina, capogruppo del Ppd. Ma il riferimento è al cambiamento della ‘macchina’ comunale. Leggere fra le righe del Piano finanziario – messo a punto il dicembre scorso, prima quindi degli stravolgimenti della guerra in Ucraina – che oggi è "indispensabile" aumentare il moltiplicatore l’ha fatto, confessa, saltare sulla sedia. «Per quale motivo? Perché i risultati non arrivano? La verità è che manca la volontà di fare l’esercizio del controllo della spesa pubblica fino in fondo. Esercizio peraltro promesso, da noi sollecitato e più volte rinviato, nonostante il lavoro del consulente. Invece – incalza Padlina –, si preferisce lasciare tutto com’è e modificare il moltiplicatore».

La ricetta del consulente

A proposito dell’operato dell’IQ Center, dall’aula consiliare è salita la richiesta di poter visionare il rapporto (richiesta che non è rimasta inascoltata). Come commissari della Gestione avete avuto modo di averla fra le mani, concretamente qual è la ricetta? «Il lavoro è serio e di qualità – ci risponde Padlina –. Esemplifico, si focalizza con particolare attenzione sul progetto di ottimizzare le risorse umane e finanziarie o sulla nuova amministrazione». Detto in parole povere? «Non si tratta – spiega il capogruppo Ppd – di toccare la socialità o rinunciare alla Sagra del Borgo. Se poi si pensa che Mendrisio è la Città in Ticino che spende meno per cultura e sport... Il potenziale di risparmio, come illustra il consulente, è insito nelle misure di contenimento applicabili alla politica del personale – si parla di circa 200mila franchi, ndr –, nella gestione delle manifestazioni – diverse centinaia di migliaia di franchi, ndr – o degli stabili o degli sportelli comunali – insieme 300mila franchi, ndr –. In fila vengono messi quattordici punti».

‘L’aumento? Solo se costretti e dopo aver risparmiato’

Non c’è verso, allora, che il Ppd cambi idea sul moltiplicatore? «In Gestione abbiamo effettuato due stress test dei bilanci e, pur modificati i parametri, ne è scaturito in entrambi i casi un aumento del moltiplicatore. Quindi, noi non diciamo che in assoluto non si possa arrivare a essere costretti a rivedere la pressione fiscale. Prima, però occorre portare a termine il processo di verifica dei costi del Comune, esplorando e attuando tutto il margine di risparmio esistente».

Se si passa al 77 per cento cosa temete? «Che sia solo l’inizio. Il primo gradino di una scala che rischia di continuare a salire. Insomma, un effetto domino».

Leggi anche:

Un tabù chiamato moltiplicatore. Mendrisio litiga

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved