mendrisio-e-la-battaglia-del-moltiplicatore
Ti-Press/M. Piccoli
Plr e Ppd, vicini eppure lontani (almeno sulla fiscalità)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
23 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
2 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
laR
 
11.05.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:12

Mendrisio e la battaglia del moltiplicatore

Per Crimaldi (capogruppo Plr) la Città è a un bivio: deve decidere per l’aumento. Per Padlina (capogruppo Ppd) può essere l’inizio di una ‘escalation’

I cittadini di Mendrisio è meglio che si preparino. Che comincino a farsi i conti in tasca: l’anno prossimo, infatti, potrebbero veder lievitare di due punti il moltiplicatore. Le previsioni del Municipio lo danno al 77 per cento (dall’attuale 75). Passerà, però, questa linea? Succederà se ci saranno i numeri, non quelli dei dati finanziari bensì quelli dei gruppi politici che siedono in Consiglio comunale. Sulla carta, comunque, pare proprio di sì, che la misura potrebbe avere la meglio. A fare muro oggi a un aumento della pressione fiscale ci sono, di fatto, ‘solo’ Ppd e Lista civica (salvo qualche dissidente sui banchi delle altre forze partitiche). Lo si è visto bene lunedì sera nell’aula consiliare durante il dibattito sul Piano finanziario 2020-2027. Sia chiaro, le loro ragioni non sono del tutto assimilabili, ma le conclusioni sì. E d’altro canto, alla fine è tutta una questione di scelte politiche e di responsabilità istituzionale.

Nel passato recente non è la prima volta

Certo nel passato recente la Città ha sempre fatto un vanto della capacità di tenere basse quelle due cifre, persino di fronte alla crescita dell’‘altro’ moltiplicatore, quello aritmetico (salito oltre l’80 per cento). Farlo riuscendo comunque a far quadrare i bilanci. In effetti, è dal 2014 che il Comune veleggia a quota 75. In quello stesso anno il Consiglio comunale – pure allora diviso – aveva deciso un ritocco verso l’alto, passando dal 70 al 75 per cento appunto. E tra i favorevoli si iscriveva anche il Ppd, schierato all’epoca al fianco della Sinistra. Sul fronte opposto i Verdi, mentre Plr e Lega-Udc-Indipendenti si erano posti nel mezzo, propensi a un aumento più contenuto (di soli 3 punti).

‘È il momento di agire’

A otto anni di distanza circa si è davanti, quindi, a una nuova resa dei... conti. Mendrisio, insomma, è a un bivio inevitabile? «Sì, ci siamo arrivati», Vincenzo Crimaldi, capogruppo del Plr in Consiglio comunale va dritto al punto. Non ha avuto bisogno che la notte gli portasse consiglio: il partito appare compatto dietro al ‘suo’ sindaco (Samuele Cavadini). «È indubbio, aumentare il moltiplicatore – annota subito a ‘laRegione’ – è una decisione non facile e impopolare. Nessuno vorrebbe giungere a tanto: deve essere l’ultima ratio. Ma lo ribadisco, siamo arrivati al momento di agire; di dire cosa si vuole fare». Per Crimaldi non c’è altra via di uscita: o si rivede l’aliquota fiscale – condizione sine qua non per conservare le cose come stanno – o la si lascia dov’è, pena il taglio di qualche servizio. E a essere toccati, richiama il capogruppo, potrebbero essere tutti i settori, dal sociale al ricreativo. A uscirne indenni, su questo punto sono stati chiari anche i sostenitori dell’aumento, saranno gli investimenti. «Se si vuole progredire questo è necessario», commenta.

‘Ci vuole comunicazione’

«È chiaro – rende attenti Crimaldi – ci deve essere più comunicazione fra il Municipio e il Consiglio comunale su questo tema. Esecutivo e legislativo sono chiamati a prendersi, ciascuno, la loro responsabilità, ma insieme». Dallo scranno dell’autorità cittadina lo si è fatto capire in modo nitido. Per il capogruppo Plr la parola chiave, dunque, è condivisione. «Mi aspetto che ogni gruppo – rilancia – porti le sue proposte da discutere».

Sul tavolo, però, ci sono anche i suggerimenti del consulente esterno interpellato un paio di anni fa dallo stesso Municipio. Risultato, un risparmio di 2 milioni e mezzo che la maggioranza della Gestione invita a "leggere in modo critico". «Lo studio esterno – presentato sinora solo ai commissari della Gestione, ndr – dà delle indicazioni, ad esempio sul versante delle manifestazioni. Ma resta il fatto che siamo chiamati a decidere che Città vogliamo».

‘Manca la volontà di andare fino in fondo’

In effetti, il momento è cruciale anche per Gianluca Padlina, capogruppo del Ppd. Ma il riferimento è al cambiamento della ‘macchina’ comunale. Leggere fra le righe del Piano finanziario – messo a punto il dicembre scorso, prima quindi degli stravolgimenti della guerra in Ucraina – che oggi è "indispensabile" aumentare il moltiplicatore l’ha fatto, confessa, saltare sulla sedia. «Per quale motivo? Perché i risultati non arrivano? La verità è che manca la volontà di fare l’esercizio del controllo della spesa pubblica fino in fondo. Esercizio peraltro promesso, da noi sollecitato e più volte rinviato, nonostante il lavoro del consulente. Invece – incalza Padlina –, si preferisce lasciare tutto com’è e modificare il moltiplicatore».

La ricetta del consulente

A proposito dell’operato dell’IQ Center, dall’aula consiliare è salita la richiesta di poter visionare il rapporto (richiesta che non è rimasta inascoltata). Come commissari della Gestione avete avuto modo di averla fra le mani, concretamente qual è la ricetta? «Il lavoro è serio e di qualità – ci risponde Padlina –. Esemplifico, si focalizza con particolare attenzione sul progetto di ottimizzare le risorse umane e finanziarie o sulla nuova amministrazione». Detto in parole povere? «Non si tratta – spiega il capogruppo Ppd – di toccare la socialità o rinunciare alla Sagra del Borgo. Se poi si pensa che Mendrisio è la Città in Ticino che spende meno per cultura e sport... Il potenziale di risparmio, come illustra il consulente, è insito nelle misure di contenimento applicabili alla politica del personale – si parla di circa 200mila franchi, ndr –, nella gestione delle manifestazioni – diverse centinaia di migliaia di franchi, ndr – o degli stabili o degli sportelli comunali – insieme 300mila franchi, ndr –. In fila vengono messi quattordici punti».

‘L’aumento? Solo se costretti e dopo aver risparmiato’

Non c’è verso, allora, che il Ppd cambi idea sul moltiplicatore? «In Gestione abbiamo effettuato due stress test dei bilanci e, pur modificati i parametri, ne è scaturito in entrambi i casi un aumento del moltiplicatore. Quindi, noi non diciamo che in assoluto non si possa arrivare a essere costretti a rivedere la pressione fiscale. Prima, però occorre portare a termine il processo di verifica dei costi del Comune, esplorando e attuando tutto il margine di risparmio esistente».

Se si passa al 77 per cento cosa temete? «Che sia solo l’inizio. Il primo gradino di una scala che rischia di continuare a salire. Insomma, un effetto domino».

Leggi anche:

Un tabù chiamato moltiplicatore. Mendrisio litiga

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved