mendrisio-e-la-situazione-degli-edifici-scolastici
archivio Ti-Press
Alle scuole dell’infanzia, elementari e al centro extrascolastico Scoiattolo
Mendrisiotto
17.10.2021 - 15:300

Mendrisio e la situazione degli edifici scolastici

Il gruppo Lega-Udc-Udf interroga il Municipio dopo i risultati del rapporto pubblicato dalla direzione dell’Istituto scolastico

a cura de laRegione

Gli spazi a disposizione dell’Istituto scolastico di Mendrisio sono stretti. A evidenziare il dato, emerso dal rapporto 2020-2021 pubblicato dalla direzione, è il gruppo Lega-Udc-Udf che ha presentato un’interrogazione, primo firmatario Roberto Pellegrini, che sollecita il Municipio di Mendrisio a informare il legislativo sulla situazione degli edifici scolastici (Scuola elementare e dell’infanzia, e Centro extrascolastico Scoiattolo). “Molte delle sezioni di Scuola dell’infanzia toccano i numeri massimi (si parla di 23-25 allievi) – si legge nell’interrogazione –. Il rapporto rileva una popolazione scolastica in crescita e quindi una necessità impellente di trovare soluzioni per poter accogliere tutti e rileva pure la necessità di poter mantenere le ‘buone condizioni’ attuali così che non vadano a deteriorarsi”. Discorso analogo per le Elementari, dove “le sedi ospitano il numero massimo di classi ipotizzabili” e il servizio extrascolastico Scoiattolo che “visto che solo nell’ultimo anno si è assistito a un aumento del 40 per cento delle richieste di iscrizione”. Riguardo alla manutenzione degli stabili, lo stesso rapporto evidenzia che “esistono degli interventi infrastrutturali che vengono percepiti come fondamentali e che non sono ancora realizzati”. Per affrontare questi temi è stato costituito un gruppo di lavoro che comprende dicastero istruzione, Ufficio tecnico e Team scientifico.

Al Municipio vengono chieste informazioni in merito alla situazione attuale degli spazi a disposizione, se sono stati elaborati scenari per il futuro, a che punto è il gruppo di lavoro, se anche nei prossimi anni potranno essere garantiti i necessari spazi senza rinunciare a determinate offerte didattiche e come mai gli interventi fondamentali agli stabili non sono stati effettuati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved