villa-argentina-adesso-mendrisio-ha-un-parco-tutto-suo
Abbattuti i confini: il parco è tutto della Città (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
10 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
16 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
18 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
22 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
22 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
22 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
1 gior

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
1 gior

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
1 gior

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
1 gior

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
1 gior

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
20.09.2021 - 23:05
Aggiornamento: 23:21

Villa Argentina, adesso Mendrisio ha un parco tutto suo

Il Consiglio comunale vista gli 8 milioni che daranno modo di avverare un sogno che i cittadini cullano dal 2009

Parco di Villa Argentina, il caso (o meglio la vertenza) è chiuso. E con il sigillo di un Consiglio comunale unanime. Ci sono voluti anni a Mendrisio per veder compiuto un sogno che ci si porta dietro almeno dal 2009; alla fine però la Città ha centrato l’obiettivo. Certo il cammino è stato lungo e tortuoso e c’è voluto persino il verdetto di un Tribunale - quello d’espropriazione - per mettere un punto finale. Proprio per questo (forse) questa sera, lunedì, sono bastati pochi minuti all’aula consiliare per dire di ‘sì’ agli oltre 8 milioni che, non solo mettono nelle mani del Comune i mezzi per procedere a un esproprio materiale - detto altrimenti l’indennizzo da versare ai proprietari privati - del terreno collinare, ma altresì per dare seguito a un esproprio formale. In questo modo con un piccolo sforzo finanziario ulteriore la Città sarà anche la sola titolare dell’intero parco. Un atto conclusivo che ha il sapore dell’evento storico per chi c’era, proprio nel 2009, quando sulla spinta di 2’870 cittadini un Comitato popolare chiedeva al Municipio di allora, in buona sostanza, di salvare il parco tutto intero. Come per Renato Simoni: seduto tra il pubblico (in passato era fra i banchi del legislativo) non ha voluto mancare l’appuntamento con una speranza che si avvera.

Un passo inevitabile

Questo passo, insomma, era da fare. Già la Commissione della gestione - unanime nell’avallare il dossier -, per voce di Roberto Pellegrini (Lega-Udc-Udf), lo ha fatto capire in modo chiaro. E le ragioni sono almeno due. La prima è pratica: volente o nolente Mendrisio dovrà ridurre le proprie zone edificabili, sovradimensionate come ha ribadito anche il Tribunale d’espropriazione. In altre parole, rinviare questa decisione, ormai “inevitabile”, non farebbe altro, come hanno fatto notare i commissari, che far lievitare la cifra da riconoscere ai privati. La seconda è ’ideale’: da tempo ci si prefiggeva, come detto, di restituire alla cittadinanza il Parco di Villa Argentina così come lo si è pensato in origine.

Quel ‘boccone agrodolce’

È indubbio, oggi l‘operazione, come fatto osservare da Claudia Crivelli Barella (AlternativA), ha un costo notevole per la collettività, «ma che siamo disposti a spendere» per un angolo della Città che vale un «biglietto da visita». Del resto, ha ricordato, «senza parco una città è monca, difettosa, cieca ai bisogni suoi abitanti». Nicola Rezzonico (Plr), non può dimenticare comunque che si tratta di «boccone agrodolce; e l’amarezza - ha spiegato - deriva dal fatto che il Comune avrebbe potuto acquistare l’area già tanti anni orsono, a metà del 2003, quando andò all’asta per poco più di 3 milioni d franchi. La leadership politica di allora, però, decise di non agire», lasciando il passo al privato. D’altro canto, si è aggiunto Tiziano Fontana (Lista civica), per l’autorità locale quel fondo ora parte integrante del Parco di Villa Argentina era privo di ’valore culturale’. Come scriveva il Comitato nel 2009, la politica, ha rilanciato Fontana, è nella sua essenza scelta di priorità. E adesso come all’epoca «la priorità resta la ricostituzione del parco storico».

Luisoni: ‘Ci attende una grande sfida’

Ciò che conta, in ogni caso, ha annotato dal canto suo Davide Rossi (Ppd), è che ora Mendrisio potrà godere di un parco, quindi di verde, in centro. A questo punto occorre guardare avanti, con l’auspicio di «vedere a breve un progetto di sistemazione - pianificato fra il 2023 e il 2025, costo 3 milioni - e a medio termine la sua realizzazione, senza dimenticare che pure la villa merita un restauro e una destinazione a scopo pubblico per il futuro». Tutto dipenderà, ha rammentato Jacopo Scacchi (AlternativA), da «quale tipo di Città vogliamo». Sarà quindi importante che il parco rimanga «fruibile e attrattivo» per tutti. Con o senza l’ampliamento a confine dell’Accademia di architettura? Questo sarà un nodo da sciogliere. Francesca Luisoni, a capo del dicastero Pianificazione, è consapevole di avere davanti a sé una «grande sfida». Occorrerà, ha ribadito, «elaborare un giusto compromesso tra il concetto storico e il parco che oggi vogliamo, arrivando con un progetto il più possibile destinato a tutta la popolazione». Così da fare del Parco di Villa Argentina «un punto riferimento per l’intera città».

Valera: si va in causa

Il Puc, il Piano di utilizzazione cantonale, è ancora fra le mani della Commissione ambiente, territorio ed energia, ma il comparto Valera, 190mila metri quadrati fra Rancate, Genestrerio e Ligornetto, continua a tenere sulle spine la Città di Mendrisio. Città che non intende indietreggiare d‘un passo sulle sue posizioni e sulle aspirazioni di farne un polmone verde per la regione. Chiamato in causa (una volta di più) da uno dei maggiori propietari della zona - la comunione ereditaria Fontana -, il Comune non si tirerà indietro, pronto a contestare davanti ai giudici la richiesta di risarcimento di oltre 4 milioni di franchi. Il Consiglio comunale questa sera ha, infatti, dato il suo nullaosta (quasi all’unanimità) alla richiesta del Municipio di poter ’stare in lite’. Una via obbligata, del resto, come osservato anche dalla Commissione della gestione, per “tutelare gi interessi della comunità e del Comune” davanti alla Pretura di Mendrisio Nord. All’origine della vertenza legale vi è la licenza edilizia negata a suo tempo (correva l’anno 2007): sul tavolo il progetto di costruire un capannone prefabbricato da adibire a deposito. «Questa autorizzazione - ha richiamato il sindaco Samuele Cavadini - è la conditio sine qua non per permettere al Municipio di difendersi in questa procedura, e avere un’eventuale copertura assicurativa, per quanto riguarda le accuse portate avanti dalla comunione ereditaria. I tribunali decideranno; noi faremo valere le ragioni dell’ente pubblico».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale mendrisio parco villa argentina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved