Zurigo
Young Boys
14:15
 
Udinese
0
Genoa
0
1. tempo
(0-0)
novazzano-in-cantiere-altre-17-case-insorge-una-via-intera
Preludono ad altre 17 case unifamiliari
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo allo scomparso docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Locarnese
2 ore

Brissago, famiglie patrizie riunite in assemblea

L’ente terrà una seduta martedì prossimo alle 20, nella sala del consiglio comunale
Locarnese
3 ore

Locarno, pranzo Atte e tombola

Appuntamento giovedì prossimo al Centro diurno. Iscrizioni entro martedì
Ticino
18 ore

L’UDC non commenterà con la RSI i risultati delle votazioni

I democentristi: ‘Professionalità e imparzialità non sono garantite’. L’emittente respinge le accuse
Bellinzonese
20 ore

Nuovo Irb: ‘Sogno realizzato’ a favore delle scienze della vita

Oggi si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del nuovo edificio a Bellinzona. Una giornata di festa che permette di guardare ‘al futuro con ottimismo’
Bellinzonese
20 ore

Morena Pedruzzi, la vita dopo l’attentato, diretta streaming

Sabato 27 novembre 2021 - dalle 17 presentazione del libro Risollevarsi
Locarnese
1 gior

Incendio a Cugnasco

In un’abitazione in via al Bosco si sono sviluppate delle fiamme dalla canna fumaria del camino
Locarnese
1 gior

‘L’unico consenso possibile è senza bus lungo viale Cattori’

Nodo intermodale all’impasse alla stazione di Muralto: la condizione-base di Gianluigi Varini, imprenditore, albergatore e rappresentante degli oppositori
Ticino
1 gior

‘Una rendita ponte cantonale per i disoccupati anziani’

È la proposta di Ps e Ppd. ‘Il Ticino si doti di una propria legge affinché la prestazione transitoria sia riconosciuta dai 55 anni di età’
Bellinzonese
1 gior

Pronto intervento Bellinzona, Minotti esce allo scoperto

Il municipale e presidente del Patriziato di Carasso proprietario del terreno, caldeggia un approfondimento sul mappale Sarecc
Luganese
1 gior

Energia, la Capriasca diventa ‘comunità di autoconsumo’

Dopo il progetto pilota di Lugaggia, a inizio dicembre parte una nuova tappa che coinvolge l’arena sportiva di Tesserete
Mendrisiotto
1 gior

Martedì i tecnici al capezzale della pista di ghiaccio

Le strutture sportive chiassesi sono sotto pressione, e si annunciano gli importanti lavori al Palapenz
Ticino
1 gior

‘Le regioni devono cooperare durante le crisi’

L’auspicio è stato espresso dal consigliere di Stato Norman Gobbi durante l’incontro della Comunità di lavoro alpina Arge Alp
Mendrisiotto
17.08.2021 - 18:490
Aggiornamento : 19:54

Novazzano, in cantiere altre 17 case. Insorge una via intera

Le famiglie di via Lischée contestano il progetto presentato al Municipio. Si temono l'impatto ambientale e il rischio che si ripeta il 'caso Adria'

Una vera e propria selva di modine: se la sono trovata davanti alcune settimane orsono le famiglie che, a Novazzano, abitano in via Lischée, lì in zona Torraccia. Per loro è stato solo l'assaggio di un progetto risultato subito indigesto. I promotori immobiliari che hanno messo gli occhi sul grande prato ancora edificabile in fondo alla strada di servizio - terreno di proprietà di una società con sede a Chiasso - hanno intenzione di costruirvi 17 case unifamiliari con autorimessa. È bastato questo per far sobbalzare i vicini sulla sedia, che non sono certo rimasti insensibili ai piani allegati al dossier in pubblicazione (con proroga) sino alla fine del mese e destinato al vaglio del Dipartimento del territorio. In effetti, i termini non sono ancora scaduti ma sul tavolo del Municipio locale nei giorni scorsi sono già arrivate due opposizioni firmate dagli abitanti della via, poco meno di una decina. Per loro, dicono a chiare lettere in una nota indirizzata al giornale, c'è odore di "una chiara speculazione edilizia".

'Tutta via Lischée è preoccupata'

Le famiglie di via Lischée non hanno faticato, del resto, a trovare degli argomenti per fermare queste nuove velleità edilizie. Consapevoli, ci fanno capire, che, prima o poi, in quell'appezzamento sarebbero arrivate le gru, a lasciarle sconcertate sono le dimensioni di una operazione immobiliare che non solo interviene a ridosso del Parco di Valle della Motta, ma prospetta un impatto ambientale importante. I residenti, ci confermano, sono «tutti preoccupati» per le possibili conseguenze del cantiere.

Si teme si ripeta il 'caso Adria'

D'altro canto, a Novazzano è ancora aperta, poco distante (all'inizio della Torraccia), la ferita territoriale dell'Adria Village, un progetto partito nel 2014, mai portato a termine e finito nel mezzo di un crac edilizio. In quel caso le villette di cui si vantano i pregi (almeno sulla carta) erano 25. Nelle intenzioni dovevano sorgere sui fondi che oggi, in parte, sono stati messi all'asta per decisione dei giudici. Ecco che il timore di ritrovarsi di fronte a un caso 'Adria due' non viene sottaciuto, anche negli ambienti comunali. Quell'opera incompiuta, in effetti, oltre al cagionare il danno si è rivelata una beffa tanto per gli aspiranti proprietari che avevano già versato la caparra, che per il Comune di Novazzano, confrontato con i disagi di un'opera abbandonata.

Proprio il degrado ambientale originato a confine del nuovo progetto da quel cantiere dismesso, nato, come ricordano ancora le famiglie di via Lischée, "da una speculazione immobiliare simile", dà da pensare. "Come mai - si chiedono - non si può intervenire, risanando il territorio? Una situazione assurda che ci si auspica non venga ripetuta, a tutela del paesaggio".

'Parametri non rispettati'

E allora, sembrano suggerire, meglio prevenire che curare. Ad attirare l'attenzione, poi, non è solo il valore naturalistico del parco vicino o l'assenza di contenuti attenti agli aspetti ambientali ed energetici, ma altresì alcune pecche dell'incarto presentato al Municipio con l'obiettivo di staccare la licenza edilizia. Il progetto, motivano i firmatari delle opposizioni, "non rispetta alcuni parametri di edificabilità del territorio", di conseguenza, "andrebbe a compromettere il perimetro confinante con il paesaggio del Parco Valle della Motta, oltre a creare un impatto importante a livello urbanistico".

Due sono gli aspetti che vengono sollevati in particolare. Il primo richiama l'assenza di una via d'accesso alle future abitazioni. Infatti, spiegano i residenti, la via Lischée è a fondo cieco, quindi stando alle normative comunali va prevista una piazza di giro, che non c'è. Senza trascurare che la strada mostra già "evidenti cedimenti strutturali": come potrà, ci si chiede, reggere al via vai del cantiere? Un altro nodo da sciogliere secondo gli autori delle opposizioni è anche l'altezza delle facciate, superiore, si è calcolato, di un metro e mezzo rispetto al massimo indicato (di sette metri e mezzo).

'Lanciamo un sasso'

Allargando lo sguardo alla regione, le famiglie di Novazzano fanno aleggiare un altro dubbio: l'operazione della Student Living Mendrisio - società nata circa un anno fa - non farebbe che accrescere l'offerta di abitazioni sfitte in un mercato che appare saturo. Certo, non lo si nasconde, avere una vista su altri tetti non entusiasma. Per finire, però, la richiesta che si leva da via Lischée in buona sostanza richiama una valutazione attenta dell'intervento pianificato da parte delle autorità. «Diciamo - ci dicono - che abbiamo lanciato un sasso». Con quali effetti, lo si vedrà.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved