chiasso-il-nodo-da-sciogliere-resta-quello-finanziario
Bruno Arrigoni (Plr) e Roberta Pantani (Lega), attuali sindaco e vicesindaco di Chiasso, nella sala del Municipio (Ti-Press/Benedetto Galli)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
8 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
8 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
8 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
9 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
10 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
10 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
11 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
11 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
11 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
11 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
12 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
Ticino
12 ore

Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità

Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
Ticino
12 ore

Giudici di pace, Emma Crugnola nominata presidente

Sarà affiancata da Antonella Grassi Coduri e Mariella Lombardi
Locarnese
13 ore

Minusio, uscita micologica con il quartiere Rivapiana

L’associazione propone una gita con un’esperta per il controllo dei funghi
Locarnese
13 ore

Torna a esibirsi in pubblico la Filarmonica di Losone

La prima ‘Matinée musicale’ è prevista sotto il portico delle scuole comunali
Locarnese
17 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
17 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato
Ticino
18 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
1 gior

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
1 gior

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 gior

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
1 gior

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
1 gior

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
1 gior

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
1 gior

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
1 gior

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
1 gior

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
1 gior

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
1 gior

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
1 gior

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
1 gior

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
1 gior

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
1 gior

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
laR
 
24.03.2021 - 05:30
Aggiornamento : 17:09

Chiasso, il nodo da sciogliere resta quello finanziario

Faccia a faccia tra Bruno Arrigoni (Plr) e Roberta Pantani (Lega), sindaco e vicesindaco uscenti della cittadina di confine

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È stata una legislatura dedicata al risanamento delle finanze. Senza l'arrivo della pandemia e del conto economico che il Covid-19 presenterà nei prossimi anni, l'obiettivo è stato raggiunto. Cosa potrà succedere nel prossimo triennio?

Bruno Arrigoni: Tenendo presente che nel settore anziani i costi sono sempre in aumento, non abbiamo grossi problemi per chiudere il 2020: il consuntivo sarà in leggero disavanzo. Per il 2021 ci saranno due valutazioni da fare: capire quante saranno le entrare relative alle imposte alla fonte, per noi importantissime, e quanti saranno i conti che probabilmente il Cantone riverserà sui comuni. Quattro anni fa abbiamo dovuto aumentare il moltiplicatore per una situazione finanziaria abbastanza difficile: per una città finanziaria come Chiasso il 90 per cento è elevato e lo sappiamo. Senza pandemia staremmo probabilmente discutendo una diminuzione, ma dobbiamo aspettare di capire come si evolve almeno il 2021. Non abbiamo però la necessità o l'acqua alla gola per valutare un aumento. 

Roberta Pantani: L'errore più grande è stato quello di alzare il moltiplicatore perché tenendolo all'87 avremmo potuto comunque mantenere stabili le finanze comunali visto che abbiamo sempre presentato un consuntivo molto migliore rispetto al preventivo. In questo lustro le finanze sono state ‘risanate’ perché abbiamo rinunciato a fare investimenti e dovremo presentarci alla cassa nei prossimi anni. Il 2020-2021 è un punto di domanda perché i costi della socialità esploderanno e non sappiamo ancora se il Cantone rimborserà i costi legati alla pandemia che abbiamo sostenuti. L'errore di cui parlavo riguarda anche l'ottica di un'aggregazione, perché i nostri comuni vicini hanno dei moltiplicatori tenuti così bassi grazie al fondo di perequazione.

Perché l'aggregazione non si sblocca?

Arrigoni: Dopo il tentativo nel 2007, negli anni se ne è parlato ed è arrivato lo studio del Cantone che parlava di Comune unico, dando un ‘alibi’ ufficiale ad alcuni nostri vicini. Un'aggregazione del Basso Mendrisiotto è a vantaggio della popolazione e del comprensorio: se in alto c'è chiusura (confido in un cambiamento degli equilibri nei municipi, in modo da avere un'apertura maggiore), è giusto che i cittadini creino dei gruppi interpartitici per avviare la discussione che potrebbe sfociare in una votazione consultiva prima della fine del triennio.

Pantani: In questi 14 anni è nata la Città di Mendrisio. È opportuno che nei prossimi tre anni si mettano le basi dell'aggregazione, che non deve essere la grande Chiasso, ma l'unione dei comuni del Basso Mendrisiotto per cercare il bene dei cittadini, per evitare doppioni e anche per l'utilizzo delle risorse finanziarie che prossimamente mancheranno a tutti. Lasciamo da parte campanilismi, personalismi, pregiudizi e sediamoci a un tavolo, che dovrà essere immediatamente convocato, magari con l'aiuto del Cantone perché è facile fare piani di aggregazione e prevedere per il Mendrisiotto un unico comune, cosa a oggi irrealizzabile, come lo è continuare cosi. Lo abbiamo visto in questo anno di pandemia: se non avessimo lavorato tutti insieme in un'unica direzione probabilmente avremmo avuto più problemi.

Il Covid-19 vi ha toccato anche personalmente. Che anno è stato per Chiasso?

Arrigoni: Un anno sicuramente impegnativo che ci ha visto in prima fila dato che siamo stati i primi a essere toccati (io stesso ho preso il virus in modo leggero). A livello cantonale e comunale la prima fase è stata ben gestita. La seconda è sicuramente più complicata anche dal lato psicologico: non vedere l'uscita da questa situazione crea nervosismo per la parte sanitaria e, soprattutto, in ambito economico. Abbiamo completato la prima fase delle vaccinazioni e tutti hanno evidenziato l'impegno encomiabile delle persone coinvolte. Rimangono però due punti interrogativi che ci danno francamente fastidio: non avere sufficienti dosi di vaccino e i troppi paletti messi dal Cantone per il credito ponte. 

Pantani: Dal punto di vista della gestione politica è stato un anno vissuto pericolosamente. Ho avuto il compito di gestire il dicastero Socialità in questo periodo di crisi: nella prima fase siamo stati toccati per primi e abbiamo cercato di mettere in piedi le direttive sanitarie che in quel momento non erano ancora in vigore e, grazie all'impegno di amministrazione e Dicasteri, abbiamo anche organizzato tutta una serie di servizi alla popolazione (come la spesa a domicilio). Quella di Chiasso è stata la prima casa anziani toccata dal virus e, personalmente sono stata la prima persona che ha vissuto un decesso legato al Covid. La seconda ondata è stata gestita, ed è percepita, in maniera diversa perché se allora eravamo tutti consapevoli che era necessario un lockdown perché pensavamo che la situazione potesse migliorare a breve, a un anno di distanza non vediamo la luce in fondo a un tunnel. Grazie ai vaccini, anche se siamo di fronte a una carenza, si vedono i primi effetti: non ci sono più contagi nelle case anziani e si cominciano a rivedere i parenti che portano a spasso i loro cari. Ci si avvicina a una normalità, lo dovrebbe essere per tutti ma purtroppo non sarà cosi a breve termine.

L'emergenza è lungi dall'essere terminata. Per sostenere l'economia locale, Chiasso ha scelto il credito quadro di 2,1 milioni. Si poteva agire diversamente?

Arrigoni: Si può sempre fare diversamente, ma secondo me abbiamo agito bene, nel senso che non siamo partiti solo come Municipio, ma creando gruppi di lavoro e quindi chiedendo l'opinione a chi è sul campo. Da subito abbiamo detto che gli obiettivi erano quelli di proporre misure sul corto e sul medio-lungo termine. Siamo partiti con il rifacimento di alcune nostre strutture, dando delle opportunità di lavoro ad aziende del territorio. Per le misure a corto termine, ci siamo concentrati su esercenti e commercianti, le categorie più toccate. La tessera sconto distribuita ai cittadini ha seguito i voleri dei commercianti e purtroppo non è stata ben recepita e pubblicizzata dagli stessi commercianti. Per ovviare a queste lacune, nelle prossime settimane la popolazione riceverà un buono di 20 franchi.

Pantani: Il credito quadro è un mezzo adeguato per aiutare nell'immediatezza in caso di crisi finanziaria. Se questo sta avvenendo per le aziende di Chiasso alle quali abbiamo dato del lavoro, non per colpa nostra abbiamo fallito con commercianti ed esercizi pubblici. Abbiamo seguito pedissequamente le loro indicazioni, ma a mio parere non ha funzionato perché loro stessi sono stati sopraffatti dagli eventi. Probabilmente quando abbiamo discusso del credito quadro e del suo impiego, si pensava in una ripresa a breve, ma siamo arrivato a giugno-luglio e la ripresa non c'era. Più che il buono di 20 franchi, sul quale ho espresso qualche dubbio anche alla Società dei commercianti, bisognerebbe aprire un tavolo di lavoro più consistente e strategico con commercianti e GastroMendrisiotto per definire una strategia con loro sul dove vogliamo essere tra 3-5 anni.

A Chiasso ci sono numerosi progetti immobiliari e commerciali in corso. In quale, e per quale motivo, credete di più per il rilancio?

Arrigoni: In tutti, anche se fondamentale sarà sicuramente il comparto ferroviario composto da scuola della moda, Gleis 4, Piccola Velocità, nodo intermodale e ammodernamento interno. Vedo molto positive anche le iniziative ex Fernet Branca ed ex Trecor, due proprietà abbandonate e in decadimento che potranno diventare valori aggiunti nella direzione della tecnologia, fintech e digitale che è il nostro futuro. Resta aperta la problematica del Centro Ovale, struttura sfortunata sin dall'inizio: avere un edificio di tale aspetto e proporzioni vuoto all'entrata della Svizzera sicuramente non ci fa piacere.

Pantani: Il Centro Ovale è l'investimento privato su cui si deve mettere l'attenzione dal punto di vista del pubblico. Potrebbe essere il segno qualificante e caratterizzante di Chiasso in maniera positiva ma lo è in modo totalmente negativo. Saluto positivamente tutti i nuovi progetti che arriveranno a Chiasso e che mi auguro abbiano il successo che devono avere. Una nuova ventata la porterà la scuola di moda: avere un istituto in centro città con un numero importante di allievi e giovani darà un nuovo movimento di cui tutto il centro può beneficiare. Un aspetto fondamentale, che lego in modo importante agli investimenti privati che vengono fatti a Chiasso, è quello della diminuzione della popolazione: se vogliamo che questa città torni a essere interessante per abitarci, bisogna creare posti di lavoro. Mi va bene che ci siano investimenti privati per nuovi spazi commerciali, ma con l'auspico che verranno occupati da aziende che intendono offrire posti di lavoro a giovani del luogo che, se non trovano un impiego, si trasferiscono altrove. Oggi i giovani di Chiasso che lavorano a Chiasso si possono contare su due mani.

Nell'ultimo anno è stata avviata la discussione per lo spostamento in galleria dell'ultimo tratto della A2. Una visione o un'idea su cui lavorare?

Arrigoni: Come è emerso nell'ultimo incontro con la Regio Insubrica, è una visione che conviene approfondire concretamente. Bisogna sfociare in uno studio di fattibilità il prima possibile e presentarlo alle autorità di Berna e Roma. La recente caduta di calcinacci dal viadotto autostradale su via Bellinzona è un motivo in più per spingere questa soluzione. Già negli '90 c'era chi proponeva uno spostamento, ma non è riuscito a coinvolgere la base e avere il consenso per passare a uno step superiore. Parlare di dettagli è prematuro, vediamo se ci sarà la volontà di approfondire un discorso legato anche ad AlpTransit e all'eventuale terza corsia autostradale.

Pantani: È una bella idea ma è una visione a lungo termine che sovrasta le nostre competenze e che porterà a un iter politico lunghissimo.  L'idea è bella e credo piacerebbe a tutti, così come mi piacerebbe vedere Faloppia e Breggia rinaturati, ma il punto di domanda è sapere se sarà realizzabile o meno. Per questo credo dobbiamo investire su obiettivi più a corto termine.

Cosa ne pensate della terza corsia dinamica sulla A2?

Arrigoni: Non sono contrario, in quanto l'A2 attuale è stata inaugurata nel 1967-1968 ed è rimasta la stessa, mentre il traffico è notevolmente aumentato. 

Pantani: Sono assolutamente favorevole: credo sia una soluzione che possa finalmente dare una soluzione al traffico perché abbiamo un collo di bottiglia. Se ai cittadini del Mendrisiotto piace stare in colonna da Lugano a Chiasso, sapranno quello che devono fare, ma non credo sia così. Tutti noi vogliamo spostare i camion su AlpTransit e che le condizioni dell'Iniziativa delle alpi vengano rispettate, ma ci troviamo di fronte a una realtà che porta il Mendrisiotto a essere bloccato due volte al giorno.

Nella presentazione delle liste, sia il Plr che la Lega hanno parlato di sindacato. Perché vuole essere il sindaco di Chiasso?

Arrigoni: Gli obiettivi del Plr sono la conferma dei due municipali, del sindacato e il ‘recupero’ di almeno due consiglieri comunali. Sono sindaco da 5 anni, un'attività che mi ha preso parecchio e che mi piace. Mi sento chiassese, sono contento di fare qualcosa per il mio comune e spero di poter continuare anche per i prossimi 3 anni. Trovo che il mandato di un sindaco deve poter durare almeno due quadrienni per portare determinati progetti a compimento.

Pantani: Cinque anni fa la Lega ha mancato il raddoppio per poco e ci piacerebbe innanzitutto portare due nostri rappresentanti in Municipio, con l'obiettivo massimo di raggiungere anche il sindacato. Mi piacerebbe diventare sindaco perché credo che i tempi siano maturi per un cambiamento: sono in Municipio dal 2004, ho esperienza politica e la gente sa come lavoro. Magari posso non ispirare simpatia, ma so lavorare, so come si gestisce una città e le mie relazioni politiche a livello cantonale e federale sono più che ottime.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bruno arrigoni chiasso elezioni comunali roberta pantani sindaco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved