chiasso-in-municipio-ci-sono-troppe-persone-da-ufficio
Carlo Coen (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

Dpd Ticino e quel Duce appeso sulla scrivania

A Giubiasco un quadretto di Benito Mussolini ha fatto per anni bella mostra di sé nell'ufficio di un dirigente del colosso privato delle consegne
Bellinzonese
18 min

Biasca, via Losanna e via Zurigo chiuse per lavori

Martedì 9 marzo prenderanno inizieranno i lavori di pavimentazione della via Losanna che provocheranno inevitabilmente alcuni disagi al traffico
Ticino
39 min

Continua a salire la curva dei contagi in Ticino

Dai 28 nuovi casi di lunedi si è passati ai 57 odierni. Calano i letti occupati negli ospedali: fra i 55 pazienti ricoverati si registra un altro decesso
Locarnese
41 min

Locarno, dallo Zonta Club sostegno sociale e materiale

Il sodalizio in questi mesi di pandemia ha svolto un' importante opera di sensibilizzazione e ha aiutato il progetto di Casa Armonia
Locarnese
1 ora

Dalila Zambelli migliore apprendista cuoca della Svizzera

La ventenne gambarognese, impiegata tra i fornelli della Piazza d'armi di Isone, ha vinto il Campionato nazionale tenutosi a Baden
Ticino
3 ore

Sergio Ermotti l’anno scorso ha guadagnato 13 milioni

Il buon andamento di Ubs durante il 2020 ha premiato l’ex Ceo ticinese. In nove anni ha incassato quanto un ticinese medio in 1'800 anni
Mendrisiotto
3 ore

Fermato a Chiasso con due Rolex nei calzini

Inglese intercettato dai doganieri italiani sul treno Bellinzona-Milano
Ticino
4 ore

Il proprietario indigente tra socialità e indebitamento

Dopo la proposta del Ps di introdurre il prestito vitalizio ipotecario si schierano gli altri partiti tra dubbi e sostegno. La Catef: c'è casa e casa
Locarnese
13 ore

Locarno, un posto unico per lo scambio di semi locali

Il progetto denominato Semiteca sta tutto in un armadio. Lo si trova da una settimana allo Spazio Elle ed è accessibile in qualsiasi momento
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Novazzano, cittadini in difesa del 'cuore' del paese

In 250 firmano una petizione che invoca la salvaguardia del nucleo. Da rivitalizzare il complesso a due passi dalla Casa comunale
Luganese
15 ore

Covid, al liceo di Savosa indagine ambientale estesa

In settimana sono stati registrati 8 studenti positivi. Tutti gli allievi e i docenti saranno invitati a farsi testare, ma le lezioni proseguiranno
Ticino
15 ore

‘Mantenere le restrizioni per evitare la terza ondata’

Il medico cantonale riguardo all'aumento dei casi di Covid–19 in Lombardia: ‘Il virus non conosce nessun confine’
Bellinzonese
16 ore

Polizia, nelle Tre Valli più assistenti e più prossimità

Prevista una fase pilota che prevede l'assunzione di sette assistenti di polizia al servizio della Regione VIII. Una manovra strategica ma anche di risparmio
Ticino
16 ore

Jelmini (Ppd): 'Piani sociali, serve una base legale'

Il deputato popolare democratico e sindacalista Ocst, dopo il dibattito sugli ex collaboratori di Lugano Airport, chiede chiarezza
Luganese
16 ore

Aeroporto, spunta il ricorso del gruppo indiano

Contestata la scelta del Municipio di Lugano che ha presentato il messaggio per avviare le trattative con i due gruppi. Deciderà il Consiglio di Stato
Luganese
16 ore

Furti di biciclette nel Luganese, l'imputato diserta l'aula

La giudice rinvia il dibattimento a carico di un 21enne italiano accusato di aver rubato 12 velocipedi di alta gamma
Luganese
17 ore

Nell'enclave si festeggiano i 100 anni di Carmela Rorro

L'arzilla festeggiata ha ricevuto la visita del sindaco Roberto Canesi e della vicesindaco Tanina Padula
Luganese
17 ore

Il Consolato ceco di Lugano si estende al Grigioni

Lo ha deciso il Ministero degli esteri della Repubblica ceca
Luganese
18 ore

Allerta cani avvelenati a Lugano, 151 firme al Municipio

L'appello dell'autorità cittadina ai proprietari e alla popolazione: denunciate gli episodi al Ministero pubblico e al veterinario cantonale
Mendrisiotto
19.01.2021 - 22:450

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe

  ELEZIONI COMUNALI - LE IDEE
Sei un candidato alle prossime elezioni?

«Non me ne vado sbattendo la porta», ma qualche sassolino e qualche rammarico, come il non essere stato preso in considerazione per il Municipio («visto il mio impegno, me lo sarei aspettato»), sono rimasti. Qualcosa nelle convinzioni di Carlo Coen è cambiato rispetto al 2020, quando era intenzionato a sollecitare il suo terzo mandato in Consiglio comunale. Il nome dell'esponente del Plr non sarà più sulla lista per il legislativo di Chiasso. Coen, attuale presidente della Società commercianti del Mendrisiotto, ha deciso di lasciare la politica cittadina. Il suo «può essere solo un arrivederci perché amo la politica e questa città». Se, e quando, ci sarà un ritorno non è ancora dato a sapere. L'unica cosa al momento certa è che il suo nome non figurerà come indipendente su altre liste. «Non nego di avere ricevuto delle telefonate da altri gruppi – spiega Coen alla ‘Regione’ –. Ma è fantapolitica: in questi anni mi sono creato delle amicizie, anche a livello cantonale, nel mio partito, e non mi piace deludere le persone a cui tengo». Ad aprile Coen lascerà quindi la politica chiassese dopo 9 anni di legislativo, durante i quali è stato anche primo cittadino e presidente delle commissioni Edilizia e Piano regolatore. Nel suo curriculum politico ci sono anche 4 anni di vice presidenza distrettuale e due candidature al Gran Consiglio.

‘Non mi sento più parte del progetto’

L'anno del Covid-19 ha sicuramente lasciato il segno. «Mi sono concentrato su questo e sul contesto legato ai commercianti, facendomi per esempio promotore del buono acquisto di 20 franchi per la popolazione e la valorizzazione del mercato del venerdì – ammette Carlo Coen –. A livello comunale e politico non mi è piaciuto per niente come è stata affrontata questa pandemia: secondo me su tante cose è stato dimostrato il peggio piuttosto che il meglio». Nella sua attività politica, «ho fatto molto per Chiasso e non ce la faccio più a restare imbrigliato: in questa città ci sono troppe cose che avrei voluto cambiare e non continuare a navigare a vista». Non si sente più preso in considerazione dal partito? «Quando ho iniziato, con Moreno Colombo, mi sono sentito parte di un progetto e di un gruppo. Cosa che non percepisco più». Ma nessuna polemica con gli attuali vertici della sezione «perché non porta a nulla».

‘Chiasso ha perso il treno’

Qualche sassolino, dicevamo, è però rimasto. A partire dalla situazione ferroviaria. «Chiasso ha perso il treno, e non è la solita frase fatta, lo ha perso veramente – continua Carlo Coen –. Non si può aspettare che AlpTransit arrivi da sola ma bisogna lottare per averla. In passato abbiamo visto un sindaco che si è messo di traverso sulle rotaie, ora vedo immobilismo o piuttosto un'accettazione della situazione e un voler attendere tempi migliori». Per raggiungere l'obiettivo «si sarebbe dovuto lottare con gli altri Comuni del Mendrisiotto: Chiasso si è sviluppata grazie alla ferrovia, ma adesso la nostra stazione è allo stesso livello di quella di Balerna». L'anno scorso ci sono state le rivendicazioni per confermare gli InterCity nel Mendrisiotto. «È tutto concatenato – commenta Coen –. La nuova dogana virtuale è stata spostata da Chiasso a Lugano. Non riesco a capire come mai stiamo fermi senza lottare quando Chiasso sta perdendo tutti quei servizi che l'hanno resa una grande e importante città e che ne hanno fatto la fortuna».

Economia basata su ‘redditi artificiosi’

Uno dei punti importanti che ha caratterizzato gli ultimi anni politici è stato il risanamento delle finanze. «Ogni anni Chiasso ha sempre meno abitanti, mentre i frontalieri aumentano al punto che a breve ci saranno più frontalieri che abitanti e che, pur avendo il più alto numero di appartamenti vuoti, si fa fatica a trovare uffici disponibili – analizza ancora l'esponente del Plr –. Abbiamo un Comune i cui conti si stanno sistemando e reggendo grazie ai contributi delle imposte alla fonte». Uno scenario che per Carlo Coen «doveva essere un forte campanello d'allarme perché significa basare l'economia di una città su redditi artificiosi che oggi ci sono e domani non si sa. So di importanti aziende che hanno lasciato Chiasso perché “volevano entrare in Svizzera”. Avremmo dovuto puntare su qualcosa di consolidato nel territorio, una soluzione strutturale da vagliare e pianificare con dei progetti a lunga scadenza».

I rapporti con il Municipio

Chiediamo a Carlo Coen perché, secondo lui, il Municipio non si è posto i suoi stessi interrogativi. «Nell'esecutivo ci sono troppe persone da ufficio che stanno trasformando questa città a loro immagine e somiglianza – risponde –. Tante volte litigo con loro perché la mia tipologia di pensiero da commerciante-imprenditore è diversa da quella di chi lavora in ufficio: anche se le cose non vanno bene, si guarda nel breve termine ma non nel lungo». Così facendo, «Chiasso non sarà più una cittadina, ma sempre più un paese e questo per me è un grosso peccato». Come risolvere questa situazione? «Chiasso avrebbe bisogno di un sognatore tra i suoi municipali, di qualcuno che abbia progetti e sogni su cui lottare. A mio parere, se in queste elezioni comunali dovessero ricandidarsi i tre ex sindaci, vincerebbero facilmente». Un'affermazione forte che significa che non crede nel sindaco Bruno Arrigoni? «Non dico questo – sottolinea Coen –. Da quello che ho percepito, nell'ultimo anno molti cittadini hanno perso fiducia in questo Municipio e sono convinto che molta gente ha cambiato il suo parere su chi votare, e non mi riferisco solo al mio partito».

L'aggregazione? ‘Iniziamo a collaborare’

Altro tema sempre caldo è quello dell'aggregazione. «C'è ancora troppa diffidenza e lontananza tra i vari comuni. I Comuni dovrebbero iniziare a collaborare tra loro su varie iniziative e nell'arco di poco tempo la fusione diventerebbe automatica». L'augurio ai candidati alle prossime elezioni è che «le mie osservazioni servano per poter rilanciare al meglio questa città e farle fare quel salto di qualità che merita veramente – conclude Carlo Coen –. Chiasso ha una potenzialità enorme per diventare un polo più importante di Mendrisio. La differenza? Mendrisio ha saputo valorizzare quello che ha, Chiasso no».

© Regiopress, All rights reserved