gastromendrisiotto-vede-sempre-piu-nero
Le preoccupazioni aumentano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
10 min

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
1 ora

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
1 ora

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
2 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
2 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
2 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
2 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
2 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
3 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
3 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
3 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
4 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
4 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
12.01.2021 - 06:00

GastroMendrisiotto vede sempre più nero

Crescono i timori tra gli esercenti del Distretto dopo l'annunciata chiusura sino a fine febbraio. 'Aspettiamo di vedere come si muove la politica'

Tra gli esercenti del Mendrisiotto sale la preoccupazione e scende il morale. Sin qui, chi sta dietro il bancone di un bar o ai fornelli di un ristorante ce l'ha messa davvero tutta per vedere il bicchiere mezzo pieno; oggi però è il pessimismo ad avere la meglio. La categoria anche qui, nel sud del Ticino, si sente penalizzata (più di altri) e un po' dimenticata in un'annata segnata pesantemente dalla crisi sanitaria da Covid-19. A dirla tutta, ci si aspettava di essere spalleggiati maggiormente dallo Stato. Invece, tra chiusure obbligate e affari ben al di sotto delle aspettative, adesso si teme il peggio. Uno stato d'animo percepito dalle comunità locali, là dove il ritrovo di paese ha una precisa funzione sociale, e che a Balerna ha mobilitato la politica. Ora poi che il Consiglio di Stato si dice intenzionato a seguire a ruota l'autorità federale sulle misure anti-pandemia, i timori si fanno sempre più concreti. Anche se da Palazzo delle Orsoline sale la richiesta di mettere in campo un programma di aiuti economici per i settori più colpiti; e in cima alla lista ci sono la ristorazione, la cultura, il tempo libero e il fitness. Un contributo finanziario invocato di recente pure da Gastrosuisse, l'organizzazione mantello nazionale: in caso contrario, ha paventato, quasi la metà di alberghi e ristoranti fallirà entro la fine di marzo.

'La preoccupazione cresce'

L'annuncio calato la settimana scorsa da Berna e la prospettiva di dover tenere i locali chiusi sino alla fine di febbraio non hanno fatto altro che dare un ulteriore colpo all'umore. «Come va? Di questi tempi vediamo nero - confessa a 'laRegione' Flavio Mamo Quadranti, alla testa di GastroMendrisiotto -. E pensare che abbiamo ancora quasi altri due mesi di chiusura. Tutto ciò renderà questo momento impegnativo per tantissimi di noi. Diversi colleghi, infatti, mi hanno manifestato una grande preoccupazione». Del resto, ci fa capire chiaramente il presidente, fare utili in un anno del genere era arduo. «Con quattro mesi di serrate e con un novembre e dicembre, di solito proficui con le festività imminenti e le cene aziendali, decisamente al di sotto della nostra media per le diverse restrizioni adottate, era difficile compensare un'annata così funesta». Anche Quadranti si dice un po' più pessimista adesso rispetto a qualche tempo fa. Ad attendere tempi migliori e darsi pensiero per il futuro prossimo sono circa 130 esercenti nella regione.

'Servono degli aiuti'

Le misure cuscinetto adottate dalle autorità a vari livelli - federale, cantonale e locale - non vi hanno dato un po' di ossigeno per resistere? «Soprattutto in questo periodo - spiega a chiare lettere il presidente di GastroMendrisiotto - senza aiuti non ce la facciamo. È vero, nel corso del primo 'lockdown' sono stati concessi dei crediti a zero interessi, ma non tutti gli associati ne hanno approfittato: l'idea di avere un debito può inquietare. Sia chiaro, non trascuriamo il fatto di aver potuto far capo al lavoro ridotto, pur avendo comunque delle spese fisse, a cominciare dai contributi sociali. Come abbiamo apprezzato i sostegni assicurati dai Comuni e il buono sconto di 25 franchi - promosso tra giugno e settembre nell'ambito dell'iniziativa 'Vivi il tuo Ticino', ndr - che ha riscosso senz'altro successo».

C'è chi teme di non riaprire

E sul fronte degli affitti? «Alcuni esercenti hanno trovato un accordo con il propietario, che si è dimostrato comprensivo, altri no - ci illustra Quadranti -. D'altro canto non c'erano direttive precise su questo fronte, quindi ci si è dovuti arrangiare». Si possono quantificare le perdite? «Tireremo le somme entro fine gennaio: a quel punto capiremo come è andata sin qui. Certo viviamo nell'incertezza: quando e come potremo riaprire?».

Giunti a questo punto, c'è il sentore che qualcuno possa non riprendere l'attività? «Il sentore c'è - ammette il presidente -. Quando cadranno le restrizioni, a conti fatti, avremo davvero il quadro della situazione della categoria. Sapremo chi ce l'ha fatta e chi sta per gettare la spugna - fa notare Quadranti -. Ecco perché restiamo in attesa delle decisioni della politica, di vedere come si muoverà e di capire se potremo contare su degli aiuti a fondo perso mirati». Aiuti che si rivelerebbero una cartina di tornasole, almeno per chi riuscirà a uscire indenne dalla crisi e restituirebbero qualche certezza in più in un momento in cui prevalgono le incertezze.

 

Leggi anche:

'Balerna sostenga i 'suoi' bar e ristoranti'

‘Sì al fermo di bar e ristoranti fino a fine febbraio’

Ristoratori e albergatori: Berna dia contributi a fondo perso

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiusura esercenti fine febbraio gastromendrisiotto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved