ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
23 min

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
47 min

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
1 ora

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
2 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
3 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
3 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
3 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
4 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
4 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
4 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
5 ore

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
5 ore

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
5 ore

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
5 ore

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
16.12.2020 - 16:24

Riva, nuova luce per l'abside centrale del Battistero

Terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro avviati dalla Supsi. Gli interventi continueranno nei prossimi anni

riva-nuova-luce-per-l-abside-centrale-del-battistero
Dopo l'abside centrale, si procederà con quelli laterali (Ti-Press/Alessandro Crinari)
+6

È uno dei monumenti storici che caratterizzano il Comune di Riva San Vitale e l'intero Mendrisiotto. Un importante esempio di architettura paleocristiana risalente al V secolo. Il Battistero di San Giovanni Battista ha iniziato a scrivere un ulteriore capitolo della sua storia. È infatti terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro, avviati dalla Supsi, che hanno interessato i dipinti dell'abside centrale. «Il Battistero è l'emblema di Riva San Vitale – sottolinea il sindaco Fausto Medici –. Il Municipio non poteva esimersi di contribuire, tramite l'Ufficio tecnico, al coordinamento dell'operazione e alla partecipazione ai costi». L'intervento appena eseguito – il cantiere didattico master si è svolto dal 13 luglio al 18 settembre con la partecipazione di tre studenti, sotto la conduzione della professoressa Paola Iazurlo – si inserisce all'interno di un più ampio progetto cominciato nel 2018 con le analisi preliminari dello stato di conservazione delle opere e che proseguirà ancora per alcuni anni, fino al completamento dei lavori previsti. «I dipinti dell'abside centrale hanno ora nuova luce e splendore – spiega il presidente del Consiglio parrocchiale Pio Crivelli –. La seconda fase dei lavori, pandemia permettendo, si terrà l'anno prossimo». Durante il cantiere, aggiunge il sindaco, «si è approfittato per eseguire alcuni lavori alla struttura dell'edificio, in particolare per eliminare le infiltrazioni d'acqua alle porte d'entrata e all'abside centrale, per il restauro del portale ligneo situato a ovest della costruzione e per la pulizia e risanamento del tetto a forma ottagonale». I costi preventivati per tutta l'opera ammontano a 120mila franchi. Comune e Consiglio parrocchiale hanno contribuito con 30mila franchi ciascuno; il rimanente è stato finanziato da Cantone e Confederazione.

Una tesi di bachelor il punto di partenza

L'impulso che ha portato ai lavori è stata la tesi di bachelor Supsi ‘I dipinti murali del Battistero: studio tecnico-conservativo’ presentata nell'agosto 2018 dagli studenti Nicole Celoria e Martino Manzoni. «Un lavoro di osservazione, discussione e analisi sullo stato di conservazione delle pitture che ha fatto emergere delle criticità – commenta Lara Calderari, collaboratrice scientifica del Servizio monumenti –. Questo è stato il primo motivo per cui l'Ufficio dei beni culturali si è chinato sulla problematica e ha deciso di entrare in materia». Il Battistero, ricorda la responsabile dell'Ubc Rossana Cardani Vergani, «è il più antico monumento svizzero che si è conservato perfettamente e custodisce al suo interno pitture medievali e tardomedievali». L'edificio è stato oggetto negli anni 1953-1955 di un restauro globale a parte degli architetti Guido Borella e Ferdinando Reggiori, che ne determina di fatto l'aspetto attuale. In virtù delle sue peculiarità storiche e architettoniche, l'edificio è un bene culturale d'interesse cantonale ai sensi della Legge sulla protezione dei beni culturali del 13 maggio 1997.

L'esecuzione dei lavori

A spiegare come sono stati effettuati i lavori, ci ha pensato la responsabile del corso di laurea in conservazione e restauro Giacinta Jean. «Come un paziente molto anziano, fragile, delicato e prezioso, un edificio storico ha bisogno di cautela e rigore prima di essere toccato». Considerate le citate criticità emerse – in particolare estesi distacchi dell'intonaco, abrasione del colore, presenza di efflorescenze saline ed estensione delle ridipinture imputabili ai precedenti restauri – è stata effettuata anche un'indagine diagnostica più approfondita, estesa anche alle superfici dipinte dell'abside e comprensiva di ulteriori analisi scientifiche perla caratterizzazione dei materiali di restauro. In seguito sono stati eseguiti alcuni saggi di intervento finalizzati alla messa a punto del metodo per la rimozione dei residui di scialbo (i resti delle tinteggiature con cui, nel corso dei secoli, erano stati ricoperti questi dipinti), delle ridipinture e delle stuccature eseguite durante precedenti restauri che ora sono fortemente alterate e compromettono la leggibilità delle scene, fino alla definizione dell possibili soluzioni da attuare per la futura presentazione estetica finale.

Le prossime tappe

Iniziata con i dipinti del sottarco e la ‘Crocifissione’ nell'abside, la campagna di restauro continuerà come detto nei prossimi anni. «Le fasi successive consentiranno una progressiva acquisizione di informazioni, permetteranno un affinamento delle tecniche da adottare e una costante verifica delle operazioni effettuate nell'intero arco temporale dei lavori», precisa Lara Calderari. Nella zona del ‘Velarium’ è per esempio stata programmata una campagna di monitoraggio climatico per la verifica dell'andamento dei parametri di temperatura e umidità relativa per comprendere se le loro variazioni possono influire negativamente sulla conservazione dei dipinti. Una decisione in merito alla rimozione degli estesi rifacimento ‘a neutro’ presenti sia nell'abside che nelle due nicchie verrà invece presa quando i lavori saranno in fase avanzata, con l'obiettivo di proporre una lettura unitaria dell'intero ciclo pittorico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved