ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Yurii Colombo e la situazione politico-sociale in Russia

Il Comitato contro la guerra in Ucraina mercoledì 26 ottobre alla Casa del popolo di Bellinzona organizza una conferenza-dibattito
Luganese
5 min

Le aziende non scelgono Lugano solo per la banda larga

A interessare, spiega il Municipio rispondendo a un’interrogazione, sono fattori come il quadro fiscale, la posizione e l’offerta di collegamenti
Locarnese
16 min

Si cerca il miglior ratafià di noci del canton Ticino

L’evento è promosso dall’associazione Girasole Benefico e i proventi andranno in beneficenza, nello specifico alla Lega ticinese contro il cancro
Locarnese
40 min

Obesità infantile, serata di sensibilizzazione per i genitori

La propone il Centro Oto-logopedico dell’Istituto Sant’Eugenio il 13 ottobre alle 19.45 in Via al Sasso 1. Posti limitati, iscrizioni entro il 12 ottobre
Mendrisiotto
44 min

Riva San Vitale sensibilizza sul risparmio energetico

Il Municipio non rinuncerà a organizzare, nei mesi di novembre e dicembre, alcuni eventi tradizionali
Luganese
51 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta-Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
51 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
56 min

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
Locarnese
59 min

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
1 ora

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
1 ora

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
1 ora

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
1 ora

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
1 ora

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
16.12.2020 - 16:24

Riva, nuova luce per l'abside centrale del Battistero

Terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro avviati dalla Supsi. Gli interventi continueranno nei prossimi anni

riva-nuova-luce-per-l-abside-centrale-del-battistero
Dopo l'abside centrale, si procederà con quelli laterali (Ti-Press/Alessandro Crinari)
+6

È uno dei monumenti storici che caratterizzano il Comune di Riva San Vitale e l'intero Mendrisiotto. Un importante esempio di architettura paleocristiana risalente al V secolo. Il Battistero di San Giovanni Battista ha iniziato a scrivere un ulteriore capitolo della sua storia. È infatti terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro, avviati dalla Supsi, che hanno interessato i dipinti dell'abside centrale. «Il Battistero è l'emblema di Riva San Vitale – sottolinea il sindaco Fausto Medici –. Il Municipio non poteva esimersi di contribuire, tramite l'Ufficio tecnico, al coordinamento dell'operazione e alla partecipazione ai costi». L'intervento appena eseguito – il cantiere didattico master si è svolto dal 13 luglio al 18 settembre con la partecipazione di tre studenti, sotto la conduzione della professoressa Paola Iazurlo – si inserisce all'interno di un più ampio progetto cominciato nel 2018 con le analisi preliminari dello stato di conservazione delle opere e che proseguirà ancora per alcuni anni, fino al completamento dei lavori previsti. «I dipinti dell'abside centrale hanno ora nuova luce e splendore – spiega il presidente del Consiglio parrocchiale Pio Crivelli –. La seconda fase dei lavori, pandemia permettendo, si terrà l'anno prossimo». Durante il cantiere, aggiunge il sindaco, «si è approfittato per eseguire alcuni lavori alla struttura dell'edificio, in particolare per eliminare le infiltrazioni d'acqua alle porte d'entrata e all'abside centrale, per il restauro del portale ligneo situato a ovest della costruzione e per la pulizia e risanamento del tetto a forma ottagonale». I costi preventivati per tutta l'opera ammontano a 120mila franchi. Comune e Consiglio parrocchiale hanno contribuito con 30mila franchi ciascuno; il rimanente è stato finanziato da Cantone e Confederazione.

Una tesi di bachelor il punto di partenza

L'impulso che ha portato ai lavori è stata la tesi di bachelor Supsi ‘I dipinti murali del Battistero: studio tecnico-conservativo’ presentata nell'agosto 2018 dagli studenti Nicole Celoria e Martino Manzoni. «Un lavoro di osservazione, discussione e analisi sullo stato di conservazione delle pitture che ha fatto emergere delle criticità – commenta Lara Calderari, collaboratrice scientifica del Servizio monumenti –. Questo è stato il primo motivo per cui l'Ufficio dei beni culturali si è chinato sulla problematica e ha deciso di entrare in materia». Il Battistero, ricorda la responsabile dell'Ubc Rossana Cardani Vergani, «è il più antico monumento svizzero che si è conservato perfettamente e custodisce al suo interno pitture medievali e tardomedievali». L'edificio è stato oggetto negli anni 1953-1955 di un restauro globale a parte degli architetti Guido Borella e Ferdinando Reggiori, che ne determina di fatto l'aspetto attuale. In virtù delle sue peculiarità storiche e architettoniche, l'edificio è un bene culturale d'interesse cantonale ai sensi della Legge sulla protezione dei beni culturali del 13 maggio 1997.

L'esecuzione dei lavori

A spiegare come sono stati effettuati i lavori, ci ha pensato la responsabile del corso di laurea in conservazione e restauro Giacinta Jean. «Come un paziente molto anziano, fragile, delicato e prezioso, un edificio storico ha bisogno di cautela e rigore prima di essere toccato». Considerate le citate criticità emerse – in particolare estesi distacchi dell'intonaco, abrasione del colore, presenza di efflorescenze saline ed estensione delle ridipinture imputabili ai precedenti restauri – è stata effettuata anche un'indagine diagnostica più approfondita, estesa anche alle superfici dipinte dell'abside e comprensiva di ulteriori analisi scientifiche perla caratterizzazione dei materiali di restauro. In seguito sono stati eseguiti alcuni saggi di intervento finalizzati alla messa a punto del metodo per la rimozione dei residui di scialbo (i resti delle tinteggiature con cui, nel corso dei secoli, erano stati ricoperti questi dipinti), delle ridipinture e delle stuccature eseguite durante precedenti restauri che ora sono fortemente alterate e compromettono la leggibilità delle scene, fino alla definizione dell possibili soluzioni da attuare per la futura presentazione estetica finale.

Le prossime tappe

Iniziata con i dipinti del sottarco e la ‘Crocifissione’ nell'abside, la campagna di restauro continuerà come detto nei prossimi anni. «Le fasi successive consentiranno una progressiva acquisizione di informazioni, permetteranno un affinamento delle tecniche da adottare e una costante verifica delle operazioni effettuate nell'intero arco temporale dei lavori», precisa Lara Calderari. Nella zona del ‘Velarium’ è per esempio stata programmata una campagna di monitoraggio climatico per la verifica dell'andamento dei parametri di temperatura e umidità relativa per comprendere se le loro variazioni possono influire negativamente sulla conservazione dei dipinti. Una decisione in merito alla rimozione degli estesi rifacimento ‘a neutro’ presenti sia nell'abside che nelle due nicchie verrà invece presa quando i lavori saranno in fase avanzata, con l'obiettivo di proporre una lettura unitaria dell'intero ciclo pittorico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved