Detroit Red Wings
0
NAS Predators
2
1. tempo
(0-2)
MON Canadiens
0
TB Lightning
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
3
COB Jackets
0
1. tempo
(3-0)
BUF Sabres
ANA Ducks
01:30
 
STL Blues
FLO Panthers
02:00
 
WIN Jets
CAR Hurricanes
02:00
 
CHI Blackhawks
NY Rangers
02:30
 
riva-nuova-luce-per-l-abside-centrale-del-battistero
Dopo l'abside centrale, si procederà con quelli laterali (Ti-Press/Alessandro Crinari)
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
7 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
7 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
8 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
8 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
8 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
9 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
11 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
12 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
13 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
13 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
13 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
13 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
14 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
15 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Mendrisiotto
16.12.2020 - 16:240

Riva, nuova luce per l'abside centrale del Battistero

Terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro avviati dalla Supsi. Gli interventi continueranno nei prossimi anni

È uno dei monumenti storici che caratterizzano il Comune di Riva San Vitale e l'intero Mendrisiotto. Un importante esempio di architettura paleocristiana risalente al V secolo. Il Battistero di San Giovanni Battista ha iniziato a scrivere un ulteriore capitolo della sua storia. È infatti terminata la prima fase dei lavori di conservazione e restauro, avviati dalla Supsi, che hanno interessato i dipinti dell'abside centrale. «Il Battistero è l'emblema di Riva San Vitale – sottolinea il sindaco Fausto Medici –. Il Municipio non poteva esimersi di contribuire, tramite l'Ufficio tecnico, al coordinamento dell'operazione e alla partecipazione ai costi». L'intervento appena eseguito – il cantiere didattico master si è svolto dal 13 luglio al 18 settembre con la partecipazione di tre studenti, sotto la conduzione della professoressa Paola Iazurlo – si inserisce all'interno di un più ampio progetto cominciato nel 2018 con le analisi preliminari dello stato di conservazione delle opere e che proseguirà ancora per alcuni anni, fino al completamento dei lavori previsti. «I dipinti dell'abside centrale hanno ora nuova luce e splendore – spiega il presidente del Consiglio parrocchiale Pio Crivelli –. La seconda fase dei lavori, pandemia permettendo, si terrà l'anno prossimo». Durante il cantiere, aggiunge il sindaco, «si è approfittato per eseguire alcuni lavori alla struttura dell'edificio, in particolare per eliminare le infiltrazioni d'acqua alle porte d'entrata e all'abside centrale, per il restauro del portale ligneo situato a ovest della costruzione e per la pulizia e risanamento del tetto a forma ottagonale». I costi preventivati per tutta l'opera ammontano a 120mila franchi. Comune e Consiglio parrocchiale hanno contribuito con 30mila franchi ciascuno; il rimanente è stato finanziato da Cantone e Confederazione.

Una tesi di bachelor il punto di partenza

L'impulso che ha portato ai lavori è stata la tesi di bachelor Supsi ‘I dipinti murali del Battistero: studio tecnico-conservativo’ presentata nell'agosto 2018 dagli studenti Nicole Celoria e Martino Manzoni. «Un lavoro di osservazione, discussione e analisi sullo stato di conservazione delle pitture che ha fatto emergere delle criticità – commenta Lara Calderari, collaboratrice scientifica del Servizio monumenti –. Questo è stato il primo motivo per cui l'Ufficio dei beni culturali si è chinato sulla problematica e ha deciso di entrare in materia». Il Battistero, ricorda la responsabile dell'Ubc Rossana Cardani Vergani, «è il più antico monumento svizzero che si è conservato perfettamente e custodisce al suo interno pitture medievali e tardomedievali». L'edificio è stato oggetto negli anni 1953-1955 di un restauro globale a parte degli architetti Guido Borella e Ferdinando Reggiori, che ne determina di fatto l'aspetto attuale. In virtù delle sue peculiarità storiche e architettoniche, l'edificio è un bene culturale d'interesse cantonale ai sensi della Legge sulla protezione dei beni culturali del 13 maggio 1997.

L'esecuzione dei lavori

A spiegare come sono stati effettuati i lavori, ci ha pensato la responsabile del corso di laurea in conservazione e restauro Giacinta Jean. «Come un paziente molto anziano, fragile, delicato e prezioso, un edificio storico ha bisogno di cautela e rigore prima di essere toccato». Considerate le citate criticità emerse – in particolare estesi distacchi dell'intonaco, abrasione del colore, presenza di efflorescenze saline ed estensione delle ridipinture imputabili ai precedenti restauri – è stata effettuata anche un'indagine diagnostica più approfondita, estesa anche alle superfici dipinte dell'abside e comprensiva di ulteriori analisi scientifiche perla caratterizzazione dei materiali di restauro. In seguito sono stati eseguiti alcuni saggi di intervento finalizzati alla messa a punto del metodo per la rimozione dei residui di scialbo (i resti delle tinteggiature con cui, nel corso dei secoli, erano stati ricoperti questi dipinti), delle ridipinture e delle stuccature eseguite durante precedenti restauri che ora sono fortemente alterate e compromettono la leggibilità delle scene, fino alla definizione dell possibili soluzioni da attuare per la futura presentazione estetica finale.

Le prossime tappe

Iniziata con i dipinti del sottarco e la ‘Crocifissione’ nell'abside, la campagna di restauro continuerà come detto nei prossimi anni. «Le fasi successive consentiranno una progressiva acquisizione di informazioni, permetteranno un affinamento delle tecniche da adottare e una costante verifica delle operazioni effettuate nell'intero arco temporale dei lavori», precisa Lara Calderari. Nella zona del ‘Velarium’ è per esempio stata programmata una campagna di monitoraggio climatico per la verifica dell'andamento dei parametri di temperatura e umidità relativa per comprendere se le loro variazioni possono influire negativamente sulla conservazione dei dipinti. Una decisione in merito alla rimozione degli estesi rifacimento ‘a neutro’ presenti sia nell'abside che nelle due nicchie verrà invece presa quando i lavori saranno in fase avanzata, con l'obiettivo di proporre una lettura unitaria dell'intero ciclo pittorico.

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved