l-antenna-sul-territorio-del-servizio-anziani-soli-di-mendrisio
Il sergente Fiorenzo Rizzi durante una vista di cortesia mensile (Ti-Press/Davide Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
40 min

Al via oggi il processo all’ex comandante Mauro Antonini

L’ex comandante delle guardie di confine è imputato, insieme all’ex capo di stato maggiore, per presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari
Luganese
1 ora

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
2 ore

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
2 ore

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
9 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
9 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
10 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
10 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
11 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
11 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
12 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
12 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
13 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
14 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
15 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
16 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
26.11.2020 - 16:560
Aggiornamento : 20:11

L'antenna sul territorio del Servizio anziani soli di Mendrisio

Nato nel 1990, il servizio erogato dall'Ufficio Antenna sociale e dalla Polizia della Città celebra i suoi primi 30 anni di attività

Entra nelle case dei cittadini over 70 di Mendrisio con cordialità, conoscenza e competenze. Creato nel 1990, il Servizio anziani soli della Città di Mendrisio ha raggiunto in questo anno particolare il suo anno di 30esimo anno di attività. Un anniversario celebrato questa mattina in conferenza stampa e che l'anno prossimo diventerà una mostra fotografica itinerante nei Quartieri della Città. Protagonisti dell'esposizione – che sarà inaugurata il 21 marzo – saranno proprio gli anziani. «Una risorsa e una ricchezza del nostro territorio che la pandemia ha reso invisibile – spiega Françoise Gehring, capodicastero Politiche sociali della Città di Mendrisio –. Con questa iniziativa vogliamo dimostrare che gli anziani ci sono e sono un'identità forte del nostro Comune». Il Servizio anziani soli – «è unico in Ticino e ne siamo molto fieri», aggiunge la municipale – è erogato congiuntamente dall'Ufficio Antenna sociale e dalla Polizia Città di Mendrisio e rivolto alla popolazione ultrasettantenne che vive sola al fine di prevenire situazioni di isolamento. 

‘Il Municipio ha guardato molto avanti’

Quello che inizialmente è nato come ‘Servizio anziani – persone sole’ è stato creato a Mendrisio nell'agosto 1990 su iniziativa dell'allora capodicastero Marco Bosia e del comandante della Polizia comunale Brenno Grisetti. Nel 2000, con l'assunzione della prima operatrice sociale Sonia Zanetti e per iniziativa dell'ex capodicastero Politiche sociali Giancarlo Cortesi, il servizio è stato rivisto e professionalizzato diventando l'attuale Servizio anziani soli. Dal 2009 la prestazione è stata estesa a tutti i quartieri della Città. Dal lato polizia, dal settembre 2015 si è optato per la specializzazione del servizio attribuendo le visite mensili a un agente d'esperienza – il sergente Fiorenzo Rizzi – che si dedica al servizio quasi a tempo pieno. «Il Municipio di allora ha saputo guardare molto avanti ed essere all'avanguardia – commenta Samuel Maffi, responsabile del dicastero Sicurezza pubblica –. Questo servizio va pienamente a centrare la missione e i valori attuali della Città». Nell'ambito di lavori interni alla polizia, «abbiamo riapprofondito valori e missione della Polcom – aggiunge Maffi –. Quale Polizia di prossimità siamo vicini alla popolazione per conoscere meglio i suoi bisogni e migliorare la qualità di vita».

I contatti in primavera

L'Antenna anziani contatta ogni primavera i cittadini che hanno compiuto 70 anni proponendo loro un incontro conoscitivo con un operatore sociale della città, raccogliendo dati sulle risorse personali al domicilio con una particolare attenzione ai bisogni di questa fascia di popolazione. «Si tratta del primo passo che l'anziano fa verso il riconoscimento dei bisogni a domicilio che cambiano – spiega la responsabile dell'Antenna anziani Sonia Zanetti –. Capita anche che ci venga detto che non c'è bisogno, ed è proprio in questo senso che l'anziano resta una parte attiva e una risorsa per la società». Nella primavera del Covid, la Città ha contattato 1'384 anziani soli sia con le telefonate ‘amiche’ come pure tramite lettera per esprimere vicinanza in un momento particolarmente delicato. «Tra questo importante numero di interpellati – continua Zanetti –, 41 anziani hanno fatto richiesta per una prima visita da parte di un operatore». Attualmente sono 46 le persone che ricevono la visita di cortesia mensile del sergente Rizzi. Nel 2020 le richieste di visita hanno registrato un aumento del 23 per cento. «Anche le nostre interviste telefoniche hanno confermato che gli anziani si sono trovati a gestire una situazione di solitudine e incertezza, aggravata dalla crisi sanitaria». La fascia d'età che ha registrato un importante aumento è quella tra gli 80 e i 89 anni. A livello di genere, «le donne sono il doppio degli uomini». 

‘Occhio vigile e benevolo’

La visita mensile, come racconta il comandante della Polizia comunale Patrick Roth, rappresenta «l'occhio vigile e benevolo dell'agente di polizia per raccogliere le difficoltà a volte silenziose dell'anziano». Durante gli incontri «il sergente Rizzi instaura un canale comunicativo e di fiducia con l'anziano e valuta all'occorrenza le esigenze sotto diversi punti di vista». Tra questi il comandante ha voluto ricordare il sentirsi sicuri, la solitudine, gli aiuti indiretti, il rilavare potenziali situazioni di difficoltà. «L'obiettivo è porre rimedio il più presto possibile grazie al lavoro di rete con i partner sociali sul territorio». Le situazioni di particolare difficoltà e degrado vengono invece immediatamente segnalate all'Antenna anziani. 

Lettera di Natale del Municipio

La pandemia ha messo lo zampino anche nelle manifestazioni natalizie destinate agli anziani. I vari pranzi previsti nei Quartieri hanno dovuto essere annullati. I due municipali hanno spiegato che, in occasione delle feste, l'esecutivo invierà una lettera a tutti gli anziani della Città spiegando i motivi degli annullamenti e ricordando loro i servizi offerti dalla Città. Tra questi c'è appunto il Servizio anziani soli. Una realtà più che solida che, conclude Samuel Maffi, «faremo di tutto per incrementare e per creare collaborazioni anche con altri dicasteri». Una realtà che, oltre all'importanza del dialogo, conclude Françoise Gehring, «punta anche sul dinamismo. Come Città dobbiamo essere capaci di rispondere subito alle nuove esigenze».

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved